Menu Chiudi

Dominos Logo

Dominos Logo

Domino’s è una catena di pizzerie americana il cui nome completo è Domino’s Pizza, Inc. Nasce nel 1960 come ristorante locale, DomiNick’s Pizza, per poi svilupparsi in una vasta struttura internazionale. La società è apparsa per la prima volta a Ypsilanti Michigan. Oggi la sua sede si trova nel Domino’s Farms Office Park ad Ann Arbor, nello stesso stato. I fondatori della catena di fast food sono James Monaghan, Tom Monaghan e Dominick DiVarti. Le sue specialità principali sono le ali di pollo, la pizza, i panini, la pasta ei dolci.

Significato e storia

Dominos Logo Storia

Nel dicembre 1960, i due fratelli Monaghan acquistarono una piccola pizzeria a Ypsilanti, situata vicino alla Eastern Michigan University, di proprietà di Dominick DiVarti. Per fare questo, hanno preso in prestito $ 900, di cui 500 hanno dato come deposito. All’inizio, i soci in affari volevano gestire insieme il negozio, condividendo equamente il loro orario di lavoro, ma James era cauto nel lasciare il posto di postino perché aveva un lavoro a tempo pieno. Pertanto, otto mesi dopo, ha scambiato la sua metà con Tom per un Maggiolino Volkswagen, che è servito per consegnare gli ordini.

Nel 1965 c’erano già tre pizzerie della rete, situate nello stesso distretto. Inoltre, Monaghan voleva che tutti portassero lo stesso nome e che rappresentassero un marchio comune. Tuttavia, l’ex proprietario del negozio DomiNick non gli ha permesso di usare quel nome e Tom ha deciso di sceglierne uno diverso. Un giorno Jim Kennedy, il suo fattorino della pizza, arrivò con un ordine e si offrì di nominare il ristorante Domino’s. Nello stesso anno, Monaghan ha ufficialmente ribattezzato la sua piccola catena Domino’s Pizza, Inc.

Il logo è cambiato di conseguenza: è diventato sotto forma di domino. All’inizio, c’erano tre punti su di loro – per il numero di negozi. Tom voleva continuare ad aggiungerne uno alla volta, ma poi ha cambiato idea quando il numero totale di ristoranti fast food ha iniziato a salire alle stelle. Il primo franchising dell’azienda è apparso nel 1967 e nel 1978 è cresciuto fino a 200 punti.

Nel 1975, Tom Monaghan è sopravvissuto a una causa intentata da Amstar Corporation per presunta violazione del marchio e concorrenza sleale. Il fatto è che questa società era impegnata nella produzione di Domino Sugar, che era in sintonia con Domino’s. Ma dopo cinque anni di contenzioso, la Corte d’Appello del quinto circuito di New Orleans si è pronunciata a favore della pizzeria. Quindi ha mantenuto il nome e, di conseguenza, il logo aziendale. Ne aveva sei in totale.

1960 – 1965

DomiNick's Pizza Logo 1960-1965

Nei primi anni, il negozio utilizzava il logo originariamente presente sull’insegna. Sembrava un’iscrizione su due righe: in alto – “DomiNick’s”, in basso – “Pizza”. La prima parola aveva lettere affilate in corsivo a mano. Erano come graffiati sulla superficie, con la “N” girata e rivolta nella direzione opposta. La seconda iscrizione conteneva caratteri solidi, sicuri e larghi in nero.

1965 – 1969

Domino's Pizza Logo 1965-1969

Inizialmente, l’emblema originale consisteva in un domino con tre punti: uno in alto e due in basso. Hanno indicato il numero di pizzerie che facevano parte della catena di fast food: nei primi anni è stato acquistato un ristorante e dopo un po’ – due. Il domino era dipinto di rosso, il colore del fuoco e del rossore della pizza calda. C’erano anche diverse strisce sottili bianche che davano volume alle nocche. Sulla sinistra c’era il nome completo della rete, ogni cui parola si trovava di fronte a una delle parti del domino. La scritta in alto era rossa sans serif, quella in basso era nera con grazie.

1969 – 1975

Domino's Pizza Logo 1969-1975

Il logo di quegli anni ha ricevuto più snellezza: è diventato liscio e uniforme, comprese le lettere. I designer hanno spostato il lettering sul lato destro e ne hanno modificato lo stile utilizzando un font della famiglia Futura. Il nome occupava ancora due file, ma si trovava in modo più compatto e non di fronte a ciascuna parte delle nocche. Anche il domino è stato modificato: gli autori del logo lo hanno posizionato dritto, rimuovendo il volume, in modo che apparisse piatto. I colori si sono fatti più ricchi: al rosso gli autori hanno aggiunto il cobalto.

1975 – 1996

Domino's Pizza Logo 1975-1996

Gli sviluppatori hanno posizionato un rettangolo azzurro accanto alla nocca del domino, hanno inserito il nome del ristorante e l’hanno ruotato verticalmente. Hanno dipinto di bianco la frase “Domino’s Pizza”.

1996 – 2012

Domino's Pizza Logo 1996-2012

Nel 1996, i designer hanno cambiato quasi radicalmente lo stile del logo della pizzeria. Hanno rimosso le sottili scatole luminose attorno ai punti e arrotondato i bordi dei quadrati e dei rettangoli. Inoltre, gli sviluppatori hanno ricavato un rombo dall’icona e l’hanno posizionato su un angolo in modo che assomigli a un diamante. Hanno anche cambiato il carattere, usando lettere minuscole più spesse.

2012 – oggi

Domino's Logo 2012-oggi

Alla fine dell’estate del 2012 la catena di fast food ha subito un rebranding, a seguito del quale la parola “Pizza” è scomparsa dal nome. Ciò è dovuto a un nuovo concetto di gestione: ha affermato che la loro azienda in franchising è già più di una semplice pizzeria, perché offre molte altre specialità. Naturalmente le modifiche hanno interessato anche il logo. Gli autori hanno ridotto la dimensione dei domino aumentando l’iscrizione. Hanno anche tinto la nocca di rosso e blu e l’hanno posizionata diagonalmente davanti al nome. In questa forma, il logo è stato pubblicizzato per la prima volta nell’ottobre 2012.

Carattere e colori del logo

Dominos Simbolo

L’identità del marchio è sempre stata associata al nome, sia in formato testuale che in formato grafico. Il domino è dunque il segno della sua distinzione individuale. Nel corso dell’evoluzione dell’emblema, gli sviluppatori lo hanno posizionato con diverse angolazioni, formando un’immagine volumetrica (anno 1965) o un’immagine piatta (dal 1969). Inoltre, sia il testo che l’icona erano ugualmente accentuati. Nel 2012, il franchise ha cambiato nome, quindi nell’immagine è rimasta solo una parola: “Domino’s”.

Diversi tipi di caratteri sono stati utilizzati nell’emblema. Uno di questi è Futura Condensed ExtraBold, creato nel 1927 da Paul Renner e pubblicato da Linotype. La versione moderna utilizza un font vicino a Pluto Sans Heavy, disegnato da Hannes von Dohren. La sua controparte gratuita è Dokyo Font.

Logo della Dominos

La gamma aziendale è composta da due tonalità di blu (blu, cobalto) e rosso (scarlatto, cremisi). Erano sempre accompagnati dal bianco, che viene utilizzato per i punti sui domino e le lettere nel nome.