Burger King Logo

Burger King Logo

Burger King è il nome di un’azienda americana che possiede una catena di fast food. È stata fondata a Jacksonville, in Florida, nel 1953.

Dopo il 1954, Insta-Burger King incontrò difficoltà finanziarie. Due imprenditori che hanno utilizzato il marchio in franchising, David Edgerton e James McLamore, hanno acquisito l’azienda e l’hanno ribattezzata Burger King. Tuttavia, poi hanno rivenduto l’azienda. Ora la società brasiliana 3G Capital possiede una partecipazione di controllo e l’istituzione stessa si trova a Miami, in Florida.

Significato e storia

Burger King Logo Storia

L’azienda originale si chiamava Insta Burger King. Il suo emblema aveva un’icona che ricorda il sole. Ma un anno dopo, i fondatori iniziarono a incontrare difficoltà finanziarie e vendettero la società a David Edgerton e James McLamore, che la ribattezzarono Burger King. Nei successivi 50 anni, ha cambiato proprietario quattro volte, il che si rifletteva nel design aziendale.

1953 – 1954

Il logo di debutto sembrava un sole che sorge o tramonta. Era un mezzo disco con brevi raggi triangolari. Lo schema dei colori è grigio-nero.

1954 – 1957

Il merito dei franchisor è che hanno tagliato una parola in più dal nome. Pertanto, l’emblema di quel periodo sembra minimalista, pratico e sobrio. Non c’è nulla di superfluo su di esso: solo il nome scritto in lettere nere su sfondo bianco. Il carattere è individuale, con una radice accorciata alla “R” e estremità appuntite alla “U”.

1957 – 1969

I seguenti proprietari dello stabilimento hanno ridisegnato il logo ponendo l’accento sulla frase “Burger King”. Per fare questo, hanno usato l’immagine di un re seduto su un grande hamburger con una bevanda in un bicchiere di plastica. Sotto su uno sfondo giallo è scritto il nome dell’azienda e la frase “Home of the whopper”. Cioè, era un badge pubblicitario, non una designazione di marchio. Il logo era molto colorato. Oltre al giallo, conteneva il rosso (due tipi), il blu, il bianco e il nero (per i contorni). Parallelamente, è apparsa la versione precedente del logo: era inclusa nell’iscrizione.

1969 – 1994

Nel 1969, l’azienda passò a un logo aggiornato. Mostra un panino tagliato in due e il nome di una catena di ristoranti è posto tra le metà su due livelli. Questa opzione è durata poco ed è stata ripresa nel 2019 per il Super Bowl LIII (si è svolto a febbraio) e la terza stagione della serie Netflix Stranger Things (si è svolta a maggio).

Lo schema dei colori è preso in prestito dalla versione precedente, ma la forma, la composizione e lo stile hanno subito cambiamenti radicali. La scritta in grassetto rosso è al centro dell’attenzione in un carattere sans serif arrotondato con linee morbide. La parte “Re” è stata allungata dai designer per creare il miglior equilibrio tra parole lunghe e brevi.

1994 – 1999

Questo emblema è una versione migliorata del precedente. È stato introdotto nell’aprile 1994 con un testo meno fumettistico. Lo stile di lettering Burger King è austero, con lettere diritte e una soffice parte superiore di un panino improvvisato.

1999 – presente

Alla vigilia del nuovo secolo, Burger King ridisegnò nuovamente il suo logo. È stato sviluppato dallo studio professionale Sterling Brands. Esteriormente, assomiglia alla versione originale del 1969 e alla versione del 1994. L’unica differenza è la mezzaluna blu a forma di C che completa il logo. Il nome dell’azienda si trova ancora all’interno dell’hamburger, tra le due metà della pagnotta. Ma è ingrandito, posizionato diagonalmente e scritto in un moderno carattere sans-serif.

Emblema

Grazie al costante rinnovamento, l’identità del marchio è ormai riconoscibile in tutto il mondo. Ha stilizzato visivamente il nome della catena di ristoranti: Burger King. Cioè, le varianti di maggior successo hanno un grande “burger king” da leccarsi i baffi.

Carattere e colori

La parte di testo del logo è stata scritta con caratteri tipografici diversi in momenti diversi. Le lettere erano lisce, convesse, con bordi frastagliati o, al contrario, snelle. Uno dei caratteri assomiglia a TILT (vecchio), l’altro (più moderno) è vicino a VAG Rounded ExtraBold.

Il colore del logo è estremamente importante per la ristorazione. Fin dall’inizio, i designer hanno cercato di stimolare l’appetito degli acquirenti con immagini e colori molto appetitosi. I colori del logo moderno corrispondono alla cultura ultra moderna del fast food. I proprietari lo hanno capito perfettamente e hanno cercato di riempire il logo con vernici il più vicino possibile al colore naturale di pane, carne, verdure. Di conseguenza, hanno scelto il giallo succoso, l’arancione, il rosso e recentemente li hanno integrati con il blu.