Menu Chiudi

Chick-fil-A Logo

Chick-fil-A Logo

Chick-fil-A è la più grande catena di fast food degli Stati Uniti specializzata in sandwich di pollo. È apparso nel 1946 ad Hapeville, in Georgia, e ora ha sede a College Park nello stesso stato. Il fondatore di una grande azienda è S. Truett Cathy – uomo d’affari, filantropo, scrittore, investitore. Oggi gestisce oltre 2.600 ristoranti negli Stati Uniti. Ha anche filiali in Canada. Erano anche nel Regno Unito. Il menù comprende colazioni, pranzi e cene, a seconda dell’orario della visita al ristorante. Inoltre, offre i propri pasti per eventi.

Significato e storia

Chick-fil-A Logo Storia

La catena di fast food ha subito un’intera catena di ridenominazione: all’inizio era Dwarf Grill, poi è diventata Dwarf House, infine ha preso il nome attuale – Chick-fil-A. È apparso nel 1967, che è considerato l’anno ufficiale del lancio dell’azienda. Ma in realtà le radici dei ristoranti vanno ben oltre.

Dopo aver lavorato nel settore per circa 15 anni (dal 1946), Truett Cathy ha scoperto una friggitrice che poteva fare un sandwich di pollo nello stesso tempo di un hamburger. Questo è ciò che ha sottolineato nel suo primo slogan, ha registrato il suo marchio e ha elaborato un menu di punta a base di pollo. Tutti questi eventi risalgono al 1961.

La prima filiale del fast food Chick-fil-A è apparsa nel 1967 nel Greenbriar Mall, nella periferia di Atlanta. Nel 2008, l’azienda ha completamente abbandonato i grassi trans. E nel 2015 ha fondato il suo ristorante di tre piani con una superficie totale di 460 metri quadrati a Manhattan. m, che divenne il più grande centro Chick-fil-A negli Stati Uniti.

L’etica aziendale della catena di ristoranti è radicata in profonde convinzioni cristiane, in particolare quelle battiste. Pertanto, le strutture di ristorazione sono chiuse la domenica, proprio come a Natale e nel giorno del Ringraziamento. Durante la Quaresima, Chick-fil-A offre sandwich di pesce al posto della carne di pollo.

Durante l’intero periodo della sua esistenza, l’azienda ha violato il proprio divieto solo due volte e ha aperto in un fine settimana. Per la prima volta – quando è stato necessario nutrire i passeggeri dell’aeroporto internazionale di Hartsfield-Jackson, che si sono trovati in una situazione difficile a causa di un’interruzione di corrente ad Atlanta. La seconda volta – quando è stato necessario trascorrere il compleanno di un adolescente di 14 anni con autismo e paralisi cerebrale nella città di Mobile, in Alabama.

Il pollo, ancora utilizzato nello stemma, era la mascotte dei ristoranti. Il suo nome era Doodles. Durante l’intero periodo di operatività della rete, l’emblema aziendale ha sempre contenuto questa immagine, anche se ora una mucca è diventata un talismano antropomorfo. In totale, Chick-fil-A ha sette opzioni di logo.

1960 – 1963

Chick-Fill-A Logo 1960-1963

Nonostante il debutto ufficiale del ristorante sia avvenuto nel 1967, all’inizio il suo fondatore ha lavorato in un altro fast food – a Dwarf Grill vicino ad Atlanta (a Hapville, in Georgia). Inizialmente nel menu c’era Chick-fil-A: così si chiamava il pollo in un panino. Ma il piatto è stato scritto in modo leggermente diverso: Chick-Fill-A, che è stato utilizzato per l’emblema sotto forma di corsivo scritto a mano.

Sulla sinistra c’è una testa di pollo sorridente in stile cartone animato. Il disegno è realizzato con un paio di tratti, completato da una barba rossa e un pettine. La “a” finale in questa variante è minuscola.

1963 – 1964

Chick-fil-A Logo 1963-1964

L’immagine del pollo rimane la stessa. Il nome è cambiato: una “l” è scomparsa da esso, la “F” maiuscola è diventata minuscola e alla fine è apparsa una grande lettera “A”. I designer hanno anche aggiunto due trattini rossi a forma di piccoli rettangoli.

1964 – 1975

Chick-fil-A Logo 1964-1975

Nel 1964, gli sviluppatori hanno ridisegnato radicalmente l’emblema. Hanno rimosso la singola testa di pollo e l’hanno allineata con l’iscrizione. Questa opzione è diventata molto più attraente, poiché la “C” maiuscola è ora completata da un becco, un occhio e una cresta di quattro elementi ovali di diverse altezze. Era questo logo che adornava il primo ristorante della catena di fast food.

1975 – 1985

Chick-fil-A Logo 1975-1985

Per i successivi dieci anni, l’emblema fu in uso, realizzato in caratteri scritti a mano in grassetto con un design simile.

1985 – 1998

Chick-fil-A Logo 1985-1998

In questo periodo, infatti, è stato utilizzato il logo precedente, ma in un colore più scuro. I designer hanno intensificato la tavolozza del rosso e ne hanno fatto uno scarlatto quasi bordeaux. Non sono seguite altre modifiche.

1998 – 2012

Chick-fil-A Logo 1998-2012

Con la successiva riprogettazione, gli sviluppatori hanno preso come base la versione precedente del logo. Le modifiche sono state apportate allo spessore del carattere, che è diventato un po’ più sottile, e al colore, poiché l’intero stemma è stato ridipinto di rosso.

2012 – oggi

Chick-fil-A Logo 2012-oggi

I designer hanno aggiornato il logo: hanno allineato leggermente le lettere “saltanti”, rendendole più leggibili, e hanno sostituito il becco aperto con uno chiuso. Sembra un triangolo leggermente curvo. È apparso anche un marchio separato. È un’icona rotonda rossa con un pollo bianco nello stesso formato del logo grande. L’unica differenza è nella scala, perché nel cerchio è incluso solo un frammento della testa dell’uccello. Un simbolo separato adorna gli ingressi degli stabilimenti di marca e alcuni accessori.

Carattere e colori del logo

Chick-fil-A Simbolo

Dagli anni ’60 del secolo scorso, l’identità della catena di fast food Chick-fil-A è stata associata a una singola immagine: pollo o pollo. All’inizio si trovava separatamente, ma poi i designer lo combinarono con il nome, trasformando la “C” maiuscola in una testa di uccello. La lettera ha un becco, un occhio e una capesante composta da quattro ovali di diverse dimensioni.

Per il logo è stato sviluppato un font personalizzato chiamato Chicken Hut. Il suo autore è lo studio di design 538Fonts. Il carattere ricorda una scritta scritta a mano, ma senza inclinarsi a destra. Le lettere sono di dimensioni disuguali, “saltanti”, che sottolineano l’atmosfera rilassata dell’istituzione.

Logo della Chick-fil-A

La tavolozza aziendale in qualsiasi momento consisteva in soli tre colori di base: nero (lettere), bianco (sfondo, pollo) e rosso (pettine, occhio, becco e lettere).