Quicksilver Logo

Quicksilver LogoQuicksilver è un’azienda australiana di fama mondiale che produce abbigliamento, calzature e accessori per il surf, lo skateboard e lo snowboard, nonché abbigliamento giovanile alla moda con il marchio Roxy e prodotti di alta moda Quiksilver Edition.

Significato e storia

Quicksilver Logo Storia

L’azienda è stata fondata nel 1969 dal surfista Alan Green a Torkey, in Australia. È un centro surf e la richiesta di abbigliamento comodo era molto alta. Gli atleti di tutto il mondo che hanno seguito l’onda australiana hanno portato i prodotti della prima fabbrica Quicksilver nei loro paesi. Nel giro di un anno l’azienda ha aperto i suoi uffici di rappresentanza negli Stati Uniti e in Europa. All’inizio degli anni 2000 la sede si è trasferita negli Stati Uniti, dal 2017 è stata trasferita a Biarizza, Francia. Le fabbriche si trovano in Cina, Francia, Stati Uniti e Australia.

Il nome dell’azienda Quicksilver è tradotto dall’inglese come “mercurio”. Denota movimento, velocità e allo stesso tempo – tutte le qualità del metallo, che riflette molto accuratamente la filosofia del marchio.

Il logo dell’azienda è stato creato dallo stesso Alan Green nel 1969 e da allora non è cambiato. Secondo il creatore, è rimasto molto colpito dall’incisione dell’artista giapponese Katsushiki Hokusai “The Great Wave off Kanagawa”. Raffigura un evento storico: una potente tempesta al largo della costa di Kaganava, che ha distrutto la città. Sullo sfondo si vede il Monte Fuji e allo spettatore sembra che l’onda lo inghiottirà. E poiché i prodotti dell’azienda erano legati al surf, Green ha creato un’immagine stilizzata di un’onda che copre una grande montagna.

La versione originale era un’immagine bianca su uno sfondo rosso brillante. Nel 1973, Alan Greene ha cambiato lo sfondo in nero e anche l’ortografia del nome è diventata nera. Nel 2010, la scrittura della società dal carattere tipografico Hurne Geometric Sans è passata alla scrittura a mano, lettere di dimensioni diverse sembrano saltare su un’onda.

Oggi, la versione nera è ufficialmente utilizzata su tutti i modelli, ad eccezione del nero – lì il logo è rosso. I contrassegni per abbigliamento e calzature da snowboard includono un fiocco di neve sopra il logo.

L’emblema Quicksilver è uno dei più rispettati e riconosciuti nel mondo dello sport e simboleggia la qualità e il comfort impeccabili dei prodotti con questo marchio.

1969 – presente

Il logo di debutto è stato disegnato da Alan Green e John Law. Sono stati ispirati dalle stampe giapponesi del Monte Fuji e da un’onda di tifone per creare l’identità del marchio sportivo. La cima della montagna innevata assorbe l’alta cresta. I loro look sono presentati in modo schematico, poiché tutto è adattato allo stile grafico del produttore di abbigliamento da surf e skateboard. All’inizio, l’emblema non aveva designazioni verbali, ma nel tempo è apparso il nome del marchio.

2010

Nella primavera del 2010 è stato approvato un logo con un’iscrizione. Per questo, i designer hanno scelto un carattere leggero: sottile, largo, grottesco. L’eccezione è la lettera “I”, che, secondo la tipografia generalmente accettata, ha inizialmente serif a doppia faccia. L’icona è rimasta così com’è: con una cresta d’onda e il monte Fuji. Tutti gli elementi sono posti in un rettangolo rosso allungato orizzontalmente.

2010 – presente

Dopo la riprogettazione, c’era uno stile di ortografia aggiornato per la parola “Quicksilver”. Ora sembra moderno, persino innovativo, perché è eseguito in un fluente carattere manoscritto con un’imitazione della scrittura sciatta. Le lettere sono disposte in prospettiva: dal piccolo al grande, cioè l’inizio dell’iscrizione è visivamente distante e la fine, al contrario, è più vicina. In basso ci sono diverse macchie di inchiostro – come se avessero cercato di scrivere il nome in caratteri giapponesi, ma senza successo. A destra, c’è un’icona di marca con una montagna e un’onda. È quadrato e sembra un taglio dall’emblema precedente.

Carattere e colori del logo

Gli autori del logo hanno scelto diversi caratteri, in base al rebranding, nonché al luogo e all’anno di utilizzo. Il più popolare è Clicker, che decora non solo l’emblema, ma anche l’insegna dell’ufficio. Sono stati utilizzati anche Hurne Geometric Sans 4 e Xephyr. C’è un’altra opzione: scrittura a mano, imitazione della scrittura frettolosa o onde caotiche. La tavolozza distintiva è composta da nero, bianco e rosso.