Menu Chiudi

Marche di moto Britannici

Marchi di moto Britannici

L’industria automobilistica britannica è una delle più antiche al mondo ed è rinomata per i suoi veicoli di lusso. Il secondo settore in cui eccelle anche è la produzione di moto di qualità. La sua ascesa è avvenuta nei primi anni Trenta del secolo scorso. Sviluppando questo tipo di industria in costante competizione con i leader mondiali in questo settore, i produttori britannici si sono affidati alla produzione di modelli vintage. Questa tendenza è diventata particolarmente popolare tra i collezionisti di autoveicoli e tra i rappresentanti delle famiglie più ricche del mondo, che, con l’acquisizione di tali modelli, assecondano i loro alti gusti estetici.

Il periodo di recessione industriale generale in Europa dal 1939 al 1945 l’industria motociclistica britannica ha sopportato con dignità. E già negli anni Cinquanta, ha raggiunto il livello prebellico. Nonostante il fatto che i motociclisti britannici abbiano perso gli allori degli italiani negli anni Sessanta, la produzione di auto a due e tre ruote è aumentata, dando origine ai primi famosi marchi britannici sulla scena mondiale: Triumph Bonneville e Ariel Square Four. Negli anni ’70, alcuni dei famosi marchi britannici sono diventati un ricordo del passato. Tuttavia, anche oggi molti dei rappresentanti di questa tendenza sono rimasti e continuano la loro marcia leggendaria.

1. Ambassador

Ambassador Logo

Il 1946 fu l’anno di nascita del marchio motociclistico britannico Ambassador, fondato dal pilota automobilistico britannico Kaye Don, campione degli anni Venti. Le motociclette leggere sono diventate la base della produzione. L’azienda è esistita fino al 1963, con sede ad Ascot, nel Berkshire, quando è stata rilevata dalla rivale DMW. Chiuse nel 1965. Nel 2016, è stato fatto un tentativo di riformare il marchio: l’Ambassador Supreme 2017 è stato rilasciato in un “cafe racer” vintage. Nel 2021, l’Ambassador 400 “ha visto la luce” in un design classico.

Il logo del marchio è presentato in due versioni, il cui utilizzo dipende dalla posizione. La prima è la versione testuale. Era il nome del marchio in oro con bordi scuri su ogni lettera. Il secondo è la lettera maiuscola del nome e diversi elementi importanti che definiscono per sempre lo stile e l’identità visiva del marchio: le ali spiegate e la corona reale. Le ali simboleggiavano il movimento, la velocità e la sensazione di volo che davano in sella alle moto del marchio. La corona è un omaggio all’araldica del passato. Ma la sua presenza, insieme al colore dell’oro, dimostrava la presenza di una pretesa di rango reale tra i produttori di questo tipo di trasporto.

2. Ariel

Ariel Logo

Il più antico marchio britannico, Ariel, è noto agli appassionati di ciclismo dal 1870. Durante questo periodo, i fondatori James Starley e William Hillman iniziarono ad assemblare biciclette penny farthing con ruote da 48 pollici. Nel 1902 fu lanciata una motocicletta con un motore Kerry. Pioniera in molti modi, l’azienda non è mai diventata la più grande nella storia della motocicletta britannica. I suoi prodotti degni di nota includono Super Sport, Red Hunter, HF 4 e Arrow. Il marchio ha cessato di esistere negli anni settanta del secolo scorso.

Il nome del marchio della linea del modello era semplice e laconico: l’ovale corretto, che contiene il nome in lettere minuscole. È stato utilizzato su tutti i segni e gli emblemi della tecnica Ariel. La variante più comune era un cerchio con un sottile bordo nero e più cerchi inscritti in successione per diminuirne il diametro. Il primo è giallo, gli altri 4 sono rossi, separati da un bordo nero. Lo spazio interno aveva un’immagine stilizzata di un radiatore, 9 strisce delle quali erano incise lungo il raggio del terzo cerchio rosso in giallo-nero. Sopra di esso, al centro dell’intero stemma, c’era un ovale con il nome del marchio. Il testo è stato eseguito nello stesso giallo, caratteristico dell’intero simbolo, in campo nero, come il bordo dell’ovale.

3. Brough Superior

Brough Superior Logo

Il famoso marchio di motociclette britanniche Brough Superior ha iniziato la sua storia nel 19esimo anno del secolo scorso. Il suo primo modello di punta, la SS100, apparve nel 1924. A differenza dei produttori di massa dello stesso tipo di auto, il figlio del fondatore dell’azienda George Brough si è affidato alla produzione individuale di ogni nuova motocicletta in base alle esigenze dei clienti. In effetti, queste erano Rolls-Royce su 2 ruote in termini di produzione e prezzo. Tuttavia, l’inizio della guerra ha portato al riorientamento obbligatorio della produzione per esigenze militari. Al termine, il marchio non ha mai recuperato la sua produzione precedente.

L’emblema del marchio si distingueva anche per il suo design esclusivo. Avendo praticamente escluso gli elementi grafici dal loro simbolismo, ad eccezione dell’ovale, che appare in una delle versioni, i creatori del logo hanno indirizzato tutta la loro creatività allo sviluppo del testo. Il nome del marchio – Brough Superior, diventa il suo emblema principale e unico. Il carattere è diventato un elemento centrale che può essere facilmente collegato a un’ampia varietà di schemi pubblicitari ed è in perfetta armonia con qualsiasi design. La connessione di Q e S fornisce una simmetria visiva molto efficace, che permette di considerare il logo come un’opzione non legata al tradizionale “alto” o “basso”.

4. BSA

BSA Logo

L’inizio della storia della compagnia BSA è considerato nel 1863, quando iniziò la produzione di armi a Birmingham. Diventerà un marchio motociclistico nel 1910 con l’uscita della prima motocicletta. Durante la prima e la seconda guerra mondiale, l’azienda si specializzò attivamente nella produzione di veicoli a due ruote per il Dipartimento della Difesa del Regno Unito. Tuttavia, negli anni 50-60 del secolo scorso, errori di marketing hanno portato a un calo della domanda di modelli obsoleti in assenza di nuovi sviluppi. Nel 1973, l’azienda è stata rilevata da Norton-Villiers.

Il logo del marchio è stato caratterizzato dalla concisione e concisione che ha caratterizzato molti marchi in questo settore. Uno dei suoi elementi era l’ala, un elemento ampiamente utilizzato dalle case automobilistiche e motociclistiche. Il logo stesso era un’abbreviazione dell’azienda, eseguito in grandi lettere minuscole e, sotto di esso, la parola MOTORCYCLES in un carattere più piccolo, allineata con la lettera estrema del logo. Il carattere era inclinato a destra, a simboleggiare l’accelerazione e l’aspirazione. La lettera “B” ha un’ala che emana dalla parte superiore e dalla sua linea, la cui immagine ha creato l’illusione dell’azione del vento ad alta velocità. Per esaltarne l’impatto, la semplicità di percezione e la memorabilità, l’insegna è stata realizzata in rosso vivo.

5. Francis Barnett

Francis Barnett Logo

È il più antico marchio motociclistico, fondato nel 1919 da Gordon Francis e Arthur Barnett. I primi modelli del marchio sono stati presentati da motociclette dotate di motori a due tempi di Villiers e AMC. Il loro volume era di 125 metri cubi. L’ufficio della società si trovava in Lower Ford Street, Coventry, in Inghilterra. La loro Cruiser è stata la prima motocicletta a offrire protezione al pilota da sporco e olio. Il 1947 ha visto l’acquisizione della Associated Motor Cycles di maggior successo. Ma nel 1966 ne annunciarono la chiusura.

Oggi si sta tentando di far rivivere Francis Barnett con il loro marchio, creando attrezzature dotate dei componenti e degli assiemi più recenti. Allo stesso tempo, viene preservata la classica combinazione di colori dell’emblema: bronzo caldo, che ha aggiunto aristocrazia e lusso al marchio in combinazione con il nero. Il logo dell’azienda era un nome, con un arco unificante che racchiudeva il testo in basso. Nel suo design moderno, ha acquisito la forma di un cerchio nel cerchio, i cui cerchi sono realizzati nel colore del caldo bronzo. Il campo tra il cerchio grande e quello piccolo è riempito di nero. Quello centrale è di colore bordeaux, sul quale è posto il monogramma in bronzo dell’azienda, costituito dalle prime due lettere del nome ¬ “F” e “B”, unite da un arco semicircolare.

6. Matchless

Matchless Logo

Il 1899 è l’anno in cui il marchio inglese più antico al mondo Matchless ha iniziato a installare motori sulle sue biciclette. Fondata nel 1878 come produttore di biciclette Henry Herbert Collier, l’azienda aveva sede nella capitale, Londra. Il loro primo modello di serie è apparso nel 1901. E dopo 4 anni, la produzione ha lanciato la prima versione a due cilindri. Il Silver Hawk, il primo V4 a carter secco al mondo, ha portato fama storica all’azienda, che si è conclusa nel 1966. Il tentativo di Les Harris di far rivivere il marchio nel 1987 non ebbe successo.

Il logo del marchio è stato uno dei primi ad utilizzare il simbolo alato sui suoi prodotti. Si trovavano su entrambi i lati nella parte superiore del segno del marchio: la lettera “M”, eseguita su uno sfondo rosso scuro di un piccolo cerchio, che copriva due semicerchi. Le ali avevano un disegno araldico stilizzato e andavano oltre il cerchio. Il significato semantico inserito nel logo doveva trasmettere l’essenza dell’esistenza del marchio: la creazione di veicoli a due ruote (due cerchi) e la fornitura di ali ad alta velocità e volo. Il colore rosso contrastava molto efficacemente con il metallo dello stemma e dei cerchi, rendendo l’emblema particolarmente memorabile.

7. Norton

Norton Logo

L’azienda è stata fondata da Lansdowne Norton alla fine del XIX secolo, come la maggior parte delle più antiche aziende motociclistiche britanniche. La sua prima motocicletta è stata rilasciata nel 1902. La linea di motociclette leggere prodotte con questo marchio si distingueva per la massima popolarità, i migliori indicatori di velocità e maneggevolezza. E anche il loro design era considerato particolarmente sexy. Il modello Norton Commando, prodotto dal 1969 al 1977, fu la prima superbike al mondo e il migliore di tutti i rappresentanti di questo tipo di tecnologia. Il successivo cambio di diversi proprietari ha portato alla chiusura dell’azienda nel 1995.

Il classico logo dell’azienda era il nome del marchio in un carattere gotico con monogrammi. Lo spirito del Medioevo è stato rafforzato dalla separazione dell’estremità superiore della gamba della lettera “N” in un disegno ornato. Le lettere “O”, realizzate sotto forma di teste di vite con asole inclinate a sinistra, creavano un’originale dissonanza della percezione visiva. Uscendo dalla parte superiore della seconda gamba della lettera “N”, una linea curva racchiudeva l’intero testo e terminava in basso tra le ultime due lettere. Il design monocromatico implicava la possibilità di utilizzare l’emblema, sia nel design in metallo che con l’uso di vernice bronzo, oro o argento.

8. Rickman

Rickman Logo

Famosi negli anni Cinquanta del secolo scorso, atleti di motocross e scrambling, i fratelli Don e Derek Rickman decisero di esprimere la loro insoddisfazione per la qualità dell’industria motociclistica britannica creando un’auto che, a loro avviso, rispecchiasse tutte le aspettative dei veri motociclisti . Nel 1959, il loro modello, dotato di un nuovo telaio da corsa, conquistò non solo il campionato, ma anche gli appassionati di moto di tutto il mondo. Ma nel 1980, i fratelli vendettero i loro beni e chiusero l’attività. Ma nel 1982, Pat French ha acquisito i diritti sul marchio. Nella crisi degli anni ’90, ha collaborato con l’appassionato Gerry Lisi, che ha permesso alla produzione del leggendario Rickman di sopravvivere fino ai giorni nostri.

Per l’intero periodo di esistenza del marchio, praticamente non ha subito modifiche nel suo logo. Il suo sfondo – più vicino all’oliva chiaro – era il colore dell’uniforme dei fratelli Rickman. L’assenza di vari elementi grafici aggiuntivi, ad eccezione della cornice con le parti superiore e inferiore arcuate, non ha distratto lo spettatore dalla percezione visiva integrale del titolo. Il carattere aveva un design grafico individuale. La rotondità delle lettere suggeriva la forma della pista. Lo stile del carattere tipico della metà degli anni ’50 è stato mantenuto fino ad oggi.

9. Royal Enfield

Royal Enfield Logo

Fondata nel 1901, Royal Enfield ha lanciato la sua prima moto l’anno successivo. Ma dopo 2 anni, la passione per le auto ha portato a un riorientamento della produzione. Tuttavia, non ci fu successo in questo settore e nel 1910 riprese la produzione di motociclette. Il marchio ha presentato con successo le sue attrezzature negli anni ’30 del secolo scorso. Durante la guerra, ha creato motociclette leggere aviotrasportate. Ma le difficoltà del dopoguerra e la stagnazione degli anni Cinquanta portarono alla vendita dell’azienda all’indiana Madras Motors, dove a Chennai, continuando la storia del marchio.

L’emblema è realizzato nella combinazione originale di un colore del carattere velenoso rosso-arancio brillante ed elementi che ammorbidiscono il caldo colore giallo chiaro intenso dei loro contorni. Il segno è inscritto in un cerchio e rappresenta la prima lettera del nome con le ali su entrambi i lati. Il nome dell’azienda è realizzato in un carattere tipografico Medin Medin modificato, con transizioni originali che simboleggiano le curve dei binari: la gamba della lettera “R” forma dolcemente la lettera “O”. La linea di fondo della lettera “E” con una curva si sovrappone alla gamba “N”, come un altro livello della pista. Anche la combinazione di due lettere “L” e “D” in un unico collegamento rafforza questa impressione. La percezione visiva generale rimanda lo spettatore alle curve morbide e alla bellezza delle forme dei prodotti del marchio.

10. Triumph

Triumph Logo

Il marchio Triumph è molto serio e rigoroso nell’aspetto del suo logo e delle forme di design delle motociclette. Dal 1937, il marchio produce alcuni dei modelli più eleganti al mondo, che manterranno questa palma fino all’emergere dell’elegante “giapponese”. Negli anni Sessanta il marchio entra a far parte della BSA, già crollata nel 1972. La storia di Triumph avrebbe potuto concludersi nel 1983, quando l’azienda, già di proprietà dei lavoratori della società con la nuova denominazione Meriden Co-Op, ne annunciò la chiusura, cadendo vittima dei creditori. Tuttavia, l’intraprendente John Bloor, un fan del marchio, acquistò gradualmente tutti i resti dell’impresa e il diritto al marchio e nel 1991 pubblicò due linee di motociclette triple.Se

guendo la storia dello sviluppo dei marchi britannici, puoi vedere molte somiglianze nella formazione dei loro stessi emblemi. Il logo Triumph ha un elemento di base per tutti i tipi di suoi segni: un nome di testo. Il suo elemento di accento è l’arco inferiore, che in una forma o nell’altra si trova in altri produttori di motociclette. Collega la gamba della “R” e ritorna come continuazione della linea mediana dell’ultima lettera del nome “H”.

11. Velocette

Velocette Logo

Fondata nel 1905 da John Goodman (Gutgemann) e William Gue originariamente come Taylor, Gue Ltd. l’azienda, che in seguito divenne il noto marchio motociclistico britannico Velocette Motorcycles, ha dominato la produzione delle prime motociclette Veloce. Il loro nome è diventato un marchio un anno dopo, creando la ragione per la ridenominazione della società in Veloce Ltd. Nel 1913 fu lanciato un modello radicalmente nuovo, chiamato Velocette. Ha avuto un tale successo che ha oscurato il nome del produttore stesso. Il risultato è stata la necessità di cambiare ancora una volta il nome del marchio a favore di un proprio prodotto, Velocette Motorcycles. I modelli da corsa Roadster divennero la spina dorsale della produzione del marchio fino ai primi anni ’50. L’inizio della depressione produttiva degli anni ’60 portò alla chiusura del marchio nel 1970.

Una soluzione interessante è stata l’esecuzione del logo originale del marchio. Tradizionalmente, rappresentava il nome completo dell’azienda: Velocette. L’eleganza e la memorabilità erano i suoi importanti vantaggi. Realizzato sotto forma di carattere maiuscolo scritto a mano in oro o bronzo, dava l’impressione di aristocrazia e lusso. Il monogramma finale, in forma di tratto, dopo la firma, sembrava certificare la garanzia di qualità e stabilità, elevate caratteristiche tecniche.

12. Vincent

Vincent Logo

La storia del marchio britannico Vincent inizia nel 1917 in una prigione tedesca, dove finì il suo futuro fondatore Howard Raymond Davis, pilota dell’aeronautica militare britannica nella prima guerra mondiale. Alla fine della guerra, insieme a EJ Massey, assembla diversi modelli con il nome dell’azienda HRD. Ma la crisi del 1928 porta alla vendita del marchio con tutte le sue capacità a Ernest Humphries di OK-Supreme Motors, che lo rivende subito insieme ai progetti e ai nuovi design di Phil Vincent. Da quel momento apparve Vincent HRD Co., Ltd., con la TM “Vincent”, dal cui logo nel 1949 fu escluso il marchio HRD. Il marchio ha chiuso nel 1955.

Il suo logo è molto memorabile e originale. Forse perché Phil Vincent era americano. Il distintivo è completamente diverso dai tradizionali emblemi britannici. Realizzato a forma di nastro curvato lungo un arco con bordi arrotondati, come quelli dei vecchi rotoli, sul suo campo principale, realizzato in oro, mostrava il nome del marchio – Vincent. È stato realizzato in bianco puro con bordi neri per ogni lettera. Il carattere era semplice, senza elementi aggiuntivi, monogrammi o riccioli. Con la sua piega ripeteva la forma del nastro. Sopra questo nome, la preposizione “THE” era iscritta in caratteri piccoli in nero, in omaggio alle regole della lingua inglese.