Menu Chiudi

Marche di auto Italiane

Marche di auto Italiane

La storia dell’industria automobilistica italiana inizia nel 1880, quando Enrico Zeno Bernardi inventò il motore a combustione interna, quasi contemporaneamente a Karl Benz. L’ingegnere ha installato il motore a combustione interna sul triciclo di suo figlio e sulla macchina da cucire di sua figlia, ei produttori sono stati in grado di creare veicoli a motore. Dopo di che, una dopo l’altra, iniziarono ad apparire le imprese automobilistiche. Hanno prodotto i primi modelli del loro genere FIAT, Renault, così come i meno noti Junior, Itala e altri.

Ora il contributo dell’industria automobilistica al PIL del paese è di circa l’8,5%. Il mercato è guidato dal gruppo Fiat, che possiede marchi famosi come Maserati, Lancia e Alfa Romeo. Le auto made in Italy hanno vinto più volte il premio World Car of the Year e più spesso di altre hanno ricevuto il prestigioso titolo European Car of the Year.

Marche di supercar

Le supercar italiane si distinguono per il loro equipaggiamento esclusivo. In realtà, si tratta di auto sportive con maggiore potenza e velocità record. Si basano su modelli da corsa professionali ma appartengono al settore delle auto sportive da strada. In Italia, non ci sono solo piccole aziende che hanno creato una o due supercar assemblate a mano, ma anche grandi imprese specializzate nella produzione in serie di tali auto. Tra questi Pagani e Mazzanti.

Pagani (1992-Oggi)

Pagani Logo (1992-Oggi)

Pagani è una società indipendente fondata da Horacio Pagani. Il suo creatore ha sognato le supercar fin dall’infanzia e all’età di 21 anni ha realizzato un’auto per la Formula 3. Il cinque volte campione Juan Manuel Fangio è rimasto così impressionato dal suo lavoro che ha dato a Horacio tre raccomandazioni ad aziende prestigiose. Di conseguenza, l’ingegnere ha ottenuto un lavoro presso lo stabilimento Automobili Lamborghini, dove ha proposto di utilizzare il carbonio invece della plastica leggera. Per portare avanti i propri progetti, ha fondato Pagani Composite Research, un’azienda di materiali compositi.

Negli anni ’90. Horacio ha deciso di costruire la sua supercar, dopodiché ha investito tutti i soldi nella costruzione dello stabilimento Pagani Automobili. Ha chiamato il primo modello Zonda e l’ha introdotto nel 1999. Dal 2017, la sede, la fabbrica, lo studio di design, lo showroom, il museo e gli appartamenti di Horacio Pagani si trovano nello stesso edificio a Modena.

Mazzanti (2002-Oggi)

Mazzanti Logo (2002-Oggi)

Il titolo di supercar italiana più potente appartiene alla Evantra Millecavalli, prodotta da Mazzanti nel 2016. Questo modello ha scavalcato l’hypercar ibrida LaFerrari. La casa automobilistica prende il nome da Luca Mazzanti, che, insieme a Walter Faralli, aprì nel 2002 una piccola officina. Inizialmente la loro impresa era conosciuta come Faralli & Mazzanti, ma poi i soci in affari si divisero e divisero l’azienda in due parti. Luca si è concentrato sul progetto Evantra: la prima macchina a grandezza naturale del marchio è stata sviluppata nel 2012.

Marche di auto sportive di lusso

Uno dei segmenti più sviluppati dell’industria automobilistica in Italia è la produzione di auto sportive di lusso. Tali modelli sono adatti non solo per le competizioni di corse, ma anche per i movimenti veloci sulle autostrade. La moda del lusso è apparsa grazie alle aziende che producono auto di fama mondiale: Alfa Romeo, Maserati, Lamborghini, Ferrari. Occupano posizioni di rilievo in varie classifiche e presso concessionarie automobilistiche internazionali.

Ferrari (1947-Oggi)

Ferrari Logo (1947-Oggi)

Ferrari si posiziona come produttore di auto sportive ultra affidabili che sviluppano velocità molto elevate. Prende il nome dal designer italiano Enzo Anselmo Giuseppe Maria Ferrari, che in precedenza ha lavorato come pilota di auto da corsa all’Alfa Romeo. Le prime auto del marchio erano esclusivamente da corsa. Sono diventati famosi per il fatto che hanno vinto premi in concorsi negli anni ’50 -’60. La formazione attuale comprende auto sportive di lusso per la guida urbana veloce. Al momento, la società madre di Ferrari è la holding Exor NV dei Paesi Bassi.

Lamborghini (1963-Oggi)

Lamborghini Logo (1963-Oggi)

Il marchio Lamborghini di auto super costose ad alta velocità appartiene alla società italiana Automobili Lamborghini S.p.A., che fa parte del Gruppo Volkswagen attraverso Audi AG. Il fondatore di questo marchio è Ferruccio Lamborghini, l’ex proprietario di una fabbrica per la produzione di trattori basati su attrezzature militari. Si dice che abbia litigato con Enzo Ferrari quando ha notato i difetti della sua Ferrari e si è offerto di migliorarla. Enzo non accolse le critiche e consigliò a Ferruccio di continuare con i trattori o di fare qualcosa di meglio. Così Lamborghini ha iniziato a produrre auto sportive di lusso che superano la Ferrari in ogni modo.

Maserati (1914-Oggi)

Maserati Logo (1914-Oggi)

Maserati è stata fondata da fratelli appassionati di auto. Hanno iniziato la propria attività nel 1914, ma solo 12 anni dopo non hanno prodotto la prima auto sportiva, la Gran Prix 1500. Successivamente, le auto da corsa per la competizione sono state realizzate con il marchio Maserati. Tutto è cambiato negli anni ’60, quando la direzione ha deciso di spostare la sua attenzione sulle auto di lusso. Nascono così i modelli Mexico e Quattroporte. Poi si sono aggiunte le altrettanto riuscite Spyder GT e 3200 GT.

Alfa Romeo (1910-Oggi)

Alfa Romeo Logo (1910-Oggi)

L’Alfa Romeo è un’auto sportiva lussuosa e spaziosa con una ricca storia. L’azienda che possiede questo marchio è stata creata nel 1910 sulla base della fabbrica per la produzione di auto francesi Darracq. Contemporaneamente l’azienda si trasferisce da un insediamento vicino Napoli a un sobborgo di Milano. La prima parte del nome Alfa Romeo deriva dall’abbreviazione A.L.F.A. e sta per Anonima Lombarda Fabbrica Automobili. Una delle migliori auto sportive di questo marchio è il modello GTV, apparso negli anni ’90. Il marchio è ora di proprietà della società italo-americana Fiat Chrysler Automobiles N.V.

Altre marche

L’industria automobilistica italiana è ad un alto livello di sviluppo e sul mercato sono rappresentati non solo costosi marchi di lusso, ma anche produttori di veicoli in altre categorie di prezzo. Una di queste società rappresenta il 90% della produzione annuale. Stiamo parlando della preoccupazione Fiat. Inoltre, molte attività non Fiat sono popolari. Ad esempio, Iveco, che produce autobus e camion.

Fiat (1899-Oggi)

Fiat Logo (1899-Oggi)

Preoccupazione Il Gruppo Fiat è rappresentato da due grandi divisioni. Una di esse (Fiat Industrial) è impegnata nella produzione di veicoli industriali e la seconda (Fiat SpA) è focalizzata sulla produzione di autovetture. Questa vecchia impresa è stata fondata nel 1899 e produceva varie attrezzature, dai trattori e vagoni ferroviari all’aviazione militare. Ora l’azienda è specializzata in veicoli commerciali e i suoi siti industriali si trovano in molti paesi in tutto il mondo.

Lancia (1906-Oggi)

Lancia Logo (1906-Oggi)

Lo stabilimento Lancia si trova nella periferia di Torino. Lì vengono prodotte confortevoli auto di classe business da città. Dal 2017, il marchio Lancia è rappresentato da un solo modello Ypsilon, disponibile esclusivamente nel mercato automobilistico italiano. Oltre alle autovetture, l’azienda produceva in precedenza veicoli speciali, attrezzature militari, autobus, filobus e camion commerciali. L’attuale titolare della società è Fiat S.p.A.

Iveco (1975-Oggi)

Iveco Logo (1975-Oggi)

Iveco è stata costituita nel 1975 da un gruppo di società che comprendeva Magirus-Deutz e varie divisioni della Fiat. Negli anni successivi si sono aggiunte le case automobilistiche ITAL (Australia), Pegaso ed ENASA (Spagna), Astra (Italia), Ford (divisione britannica). Il primo mezzo di trasporto in proprio della casa automobilistica apparve nel 1978. Da quel momento iniziò l’era degli autocarri prodotti con il marchio Iveco. L’azienda è di proprietà di CNH Industrial e fino al 2013 era di proprietà di Fiat.

Abarth (1949-Oggi)

Abarth Logo (1949-Oggi)

Abarth è impegnata nella messa a punto di vari meccanismi Fiat e nella creazione di auto modernizzate sulla loro base. All’inizio era una piccola fabbrica per la produzione di marmitte e sistemi di scarico. È stata fondata dall’appassionato appassionato di sport motoristici Carlo Abarth nel 1949. l’impresa ha iniziato a produrre auto sportive su piccola scala.

Pininfarina (1930-Oggi)

Pininfarina Logo (1930-Oggi)

Pininfarina è un’azienda italiana che prende il nome dal suo creatore Giovanni Battista Farina, soprannominato Pinin (“fratellino”). L’azienda progetta e produce carrozzerie per autovetture dal 1930. Molte case automobilistiche lavorano con lui, compresa la Ferrari. Nel 2009 Pininfarina è entrata nel mercato delle auto elettriche con il concetto di auto sportiva elettrica.

Fioravanti (1987-Oggi)

Fioravanti Logo (1987-Oggi)

Fioravanti era in precedenza uno studio di architettura che ha sviluppato progetti di costruzione per le città in Giappone. Nel 1991 l’azienda ha cambiato drasticamente le proprie priorità, concentrandosi sulla progettazione dei veicoli. Questo perché il fondatore di Fioravanti era un tempo dipendente di Pininfarina e da 24 anni crea concept car per diversi costruttori.

Marche di auto defunte

Molte case automobilistiche in Italia appartengono al passato. Tra loro ci sono Iso, Bertone, Innocenti e la rinomata casa automobilistica De Tomaso, che un tempo possedeva i marchi Maserati e Moto Guzzi. Fino al 1995 è stato introdotto sul mercato il marchio di auto di piccole dimensioni Autobianchi, fondato dai colossi dell’industria automobilistica Fiat, Pirelli e Bianchi. L’azienda Bizzarrini, che esiste da cinque anni (fino al 1969) e produce auto sportive in pezzi, è stata a lungo dimenticata. La OSCA Corporation, un produttore di auto da corsa e sportive, rimase in attività per un po ‘più a lungo, ma fu liquidata più o meno nello stesso periodo (nel 1967).

De Tomaso (1959-2015)

De Tomaso Logo (1959-2015)

La De Tomaso Automobili SpA è stata fondata nel 1959 e prende il nome dall’imprenditore che l’ha creata. I primi modelli erano auto da corsa progettate specificamente per i campionati. La produzione in serie di auto sportive iniziò solo nel 1963. A quel tempo, il proprietario dell’azienda aveva raccolto intorno a sé una squadra forte, tra cui il capo progettista Ghia e gli ex dipendenti della Ferrari. Inoltre, De Tomaso Automobili SpA possedeva il famoso marchio Maserati (fino al 1992).

Alla fine del XX secolo l’azienda ha iniziato a perdere terreno. Cadde in rovina, dopodiché fu acquistata da Gian Mario Rossignolo. Il nuovo proprietario voleva rilanciare l’azienda, per la quale ha ricevuto 7,5 milioni di euro. È stato arrestato con l’accusa di abuso di fondi di bilancio. Il tribunale ha ribadito il fallimento della società De Tomaso. Il marchio è ricordato per il suo badge a forma di due forme simmetriche, simili alle lettere “G”.

Bertone (1912-2014)

Bertone Logo (1912-2014)

Durante la creazione di automobili, l’azienda italiana Bertone ha prestato particolare attenzione al loro aspetto, perché la sua seconda specializzazione è il design della carrozzeria. Ha disegnato alcuni modelli di Volvo, Opel, Mercedes Benz, Lamborghini, Fiat e altri marchi famosi. Nel 2014 è fallita la divisione design di Stile Bertone. Ora i diritti sul marchio e sul suo logo con la lettera “b” stilizzata appartengono a diversi imprenditori. L’azienda Bertone esiste ancora, ma ha notevolmente ampliato la propria gamma di attività. Produce trasporto ferroviario, lavora nel settore della moda e si occupa di design industriale e architettonico.

Innocenti (1947-1997)

Innocenti Logo (1947-1997)

La Innocenti è stata fondata da un fabbro e prende il nome da lui. Era impegnata nella produzione di automobili, motociclette, macchine utensili e presse. Il successo nel settore automobilistico è stato volatile, con Fiat, Alfa Romeo e Lancia all’avanguardia nel mercato automobilistico italiano. La prima vettura con il proprio marchio Innocenti uscì nel 1960. Era una decappottabile sportiva. Negli anni ’90. l’azienda entra a far parte della società Fiat. Il nuovo proprietario ha liquidato il marchio nel 1997, interrompendo la produzione di tutti i modelli Innocenti. La società scomparsa ha utilizzato un logo con una “i” in grassetto all’interno di un anello nero.

Autobianchi (1955-1995)

Autobianchi Logo (1955-1995)

Autobianchi è un progetto congiunto di Fiat, Pirelli e Bianchi. Tre aziende italiane si sono unite per produrre insieme piccole auto, sperimentando concetti innovativi al loro interno. Il marchio utilizzava un emblema a forma di grande triangolo nero, diviso in due e delineato da una linea scura. Le auto Autobianchi furono vendute in Italia fino al 1996, anno in cui il marchio venne interrotto nel 1995. Entrò a far parte della Lancia.

Iso (1953-1974)

Iso Logo (1953-1974)

La casa automobilistica Iso aveva nomi diversi in momenti diversi, ma poco prima della chiusura nel 1974 era conosciuta come Iso Motors. Ha iniziato vendendo riscaldatori, poi è passata ai veicoli a due ruote. Nel 1962, il produttore limitò la sua gamma per concentrarsi sulle autovetture. Allo stesso tempo, ha rilasciato la sua primissima auto molto prima, nel 1953. Era qualcosa a metà strada tra una motocicletta e una microcar. Per una serie di ragioni socio-economiche, l’azienda ha interrotto le fabbriche nel 1974. Tuttavia, il centro di design Zagato ha rianimato il marchio Iso nel 2017, dando una seconda vita al suo logo con un grifone dorato all’interno di uno scudo figurato su uno sfondo di due verticali linee in rosso e verde.

Bizzarrini (1964-1969)

Bizzarrini Logo (1964-1969)

L’azienda Bizzarrini, che produce auto da corsa e sportive, è stata fondata da Giotto Bizzarrini. Un ingegnere italiano, ex dipendente di Alfa Romeo, Ferrari e Automobili Turismo e Sport, ha avviato la propria attività nel 1964. Ha concluso il suo rapporto con Iso perché voleva fare auto sportive. Il successo fu di breve durata: l’azienda Bizzarrini chiuse nel 1969. Successivamente, gli sviluppatori tentarono di riportare in auge questo marchio e realizzarono modelli unici con il suo logo: un cerchio rosso chiodato in cui era raffigurato un uccello, ripreso in anello da la scritta “BIZZARRINI LIVORNO”. Alla fine, i diritti sul marchio e sulla sua eredità sono stati acquisiti da Pegasus Brands.

OSCA (1947-1967)

OSCA Logo (1947-1967)

Il progetto di debutto di OSCA è stato lo sviluppo di un’auto da corsa competitiva. Tutti i modelli successivi erano esattamente gli stessi, con il produttore che aumentava la potenza e la velocità delle sue auto sportive, il che gli dava un vantaggio quando partecipava ai campionati. Nel 1963 l’azienda fu ceduta a Domenico Agusta e quattro anni dopo cadde in rovina. Il suo intricato logo composto da più pezzi conteneva uno scudo di armi all’interno di un cerchio argenteo, circondato da un anello blu con la scritta “O.S.C.A. FRATELLI MASERATI BOLOGNA “.

Cisitalia (1946-1963)

Cisitalia Logo (1946-1963)

La prima vettura Cisitalia è stata creata da parti Fiat nel 1946. Successivamente l’azienda si è allontanata dal concetto originale e ha iniziato a produrre modelli con un design originale e un proprio know-how tecnico. Durante l’intero periodo della sua esistenza, ha prodotto diverse migliaia di auto sportive che hanno preso parte alle gare. Ma la sua riuscita promozione fu ostacolata dall’insolvenza finanziaria: la Cisitalia fallì nel 1963. Le vetture dell’azienda erano facilmente riconoscibili dallo stemma con una capra di montagna dorata all’interno di uno scudo araldico blu.

Diatto (1905-1929)

Diatto Logo (1905-1929)

L’azienda Diatto iniziò a produrre automobili su licenza Clément-Bayard nel 1905. Tuttavia, la sua storia risale al 1835. Prima il marchio Diatto produceva carrozze, poi furono sostituite da vagoni ferroviari. Alla fine della sua esistenza, il produttore si è concentrato su macchine di proprio design. Gli ultimi modelli uscirono dalla catena di montaggio nel 1929. Erano decorati con un emblema ovale in rosso con una scritta DIATTO bianca e una lunetta color oro composta da molti cerchi.

Cizeta (1988)

Cizeta Logo (1988)

La storia di Cizeta inizia nel 1988 quando Claudio Zampolli si unisce a Giorgio Moroder per creare una nuova supercar. La loro attività ebbe inizialmente successo, ma la produzione non era seriale e l’investimento nel progetto era molto più alto del ricavato della vendita. Successivamente è stato rivelato che le auto Cizeta non soddisfano i requisiti di sicurezza, quindi non possono essere utilizzate negli Stati Uniti. La produzione è stata interrotta e l’elegante logo blu e giallo con tre teste di giaguaro in cerchio con le parole “CIZETA AUTOMOBILI” non è mai arrivato al pubblico.

Fornasari (1999-2015)

Fornasari Logo (1999-2015)

Una casa automobilistica italiana è stata fondata nel 1999 e ha cessato l’attività nel 2015. La sua sede era a Montebello Vicentino, in provincia di Vicenza, dove fu fondata da Giuseppe Fornasari. Ha dato al marchio il suo cognome, concentrandosi su auto sportive e SUV. Tuttavia, il produttore non ha resistito alla concorrenza ed è fallito: nell’autunno del 2015 il Tribunale di Vicenza ha dichiarato insolvente l’azienda.