Menu Chiudi

Marche di auto Americane

Marche di auto Americane

L’industria automobilistica statunitense è al secondo posto per numero di automobili prodotte, seconda solo alla Cina. Dagli anni 1890. c’erano circa 1900 produttori di veicoli grandi e piccoli nel paese, ma alcuni di loro scomparvero, fondendosi in società. Di conseguenza, il mercato è stato catturato dai cosiddetti “tre grandi”, che possiedono molti marchi automobilistici. Si tratta di Ford Motor Company, Stellantis North America e General Motors, i leader in termini di vendite annuali, con sede a Detroit. Sono uno dei pochi ad essere sopravvissuti alla Grande Depressione a causa della loro forza finanziaria.

Marchi del mercato di massa

Le case automobilistiche negli Stati Uniti hanno influenzato lo status sociale del mercato in modi diversi. Mentre la General Motors inizialmente si concentrava sui modelli di lusso, Ford voleva rendere le auto disponibili al pubblico. Questo è diventato il punto di partenza del mercato di massa nel mercato automobilistico. Ora il segmento dei veicoli economici è rappresentato non solo dai “tre grandi” marchi, ma anche da marchi meno conosciuti.

Ford (1903-Oggi)

Ford (1903-Oggi)

Ford è un marchio di proprietà di una delle più grandi case automobilistiche degli Stati Uniti. Le fondamenta furono gettate nel 1903 quando Henry Ford ristrutturò la sua fabbrica e registrò la Ford Motor Company. È un’azienda familiare che viene ereditata. L’azienda offre una vasta gamma di veicoli ed è rappresentata nei mercati di diversi paesi.

Chevrolet (1911-Oggi)

Chevrolet (1911-Oggi)

Chevrolet è la divisione del mercato di massa della General Motors Company. Il suo predecessore era la Chevrolet Motor Car Company, che Louis Chevrolet e William C. Durant fondarono nel 1911. I fondatori dell’azienda avevano una discussione sul design, quindi Louis vendette la sua quota e lasciò l’attività. E il marchio che porta il suo nome continua ad esistere e batte record di vendite mondiali.

Jeep (1941-Oggi)

Jeep (1941-Oggi)

Il produttore delle auto Jeep è la società italo-americana Fiat Chrysler Automobiles N.V., registrata nei Paesi Bassi. Il principale proprietario del marchio è un rappresentante dei “tre grandi” Stellantis North America. Il primo prototipo dell’auto Jeep apparve nel 1940. Era la Bantam BRC, creata dall’ingegnere Karl Probst per l’esercito degli Stati Uniti.

GMC (1911-Oggi)

GMC (1911-Oggi)

Furgoni, camion, camioncini e SUV commercializzati con il marchio GMC sono rappresentati in un’ampia gamma di modelli. Sono prodotti da General Motors, uno dei tre maggiori leader dell’industria automobilistica statunitense. In passato, GMC si chiamava Rapid Motor Vehicle Company ed era di proprietà di Max Grabowsky.

Buick (1903-Oggi)

Buick (1903-Oggi)

Il marchio Buick prende il nome dall’inventore e venditore di dirigibili, David Dunbar Buick, che costruì la sua prima auto nel 1901 e fondò la Buick Motor Car Company nel 1902. Nel 1908, la società è entrata a far parte di General Motors e da allora ne è diventata una divisione. Il suo obiettivo principale sono le auto di classe media relativamente economiche.

Dodge (1900-Oggi)

Dodge (1900-Oggi)

Il marchio Dodge è stato fondato nel 1900 ed è entrato a far parte della società Chrysler 14 anni dopo. Ora fa parte della società Fiat-Chrysler LLC, di proprietà di Stellantis North America. Fino al 1914, lo stabilimento Dodge produceva componenti per automobili. Ora è un marchio popolare di auto, minivan e crossover.

RAM (2010-Oggi)

RAM (2010-Oggi)

Il produttore di camioncini RAM, di proprietà di Fiat Chrysler Automobiles, fece il suo debutto nel 1981. La prima generazione di auto era basata sui camioncini Dodge e differiva da questi nel design. La seconda generazione apparve nel 1994. Era un modello con un carico utile aumentato. Le linee successive avevano configurazioni diverse e venivano costantemente migliorate.

Marche di auto di lusso

I rappresentanti delle “tre grandi” dell’industria automobilistica statunitense competono tra loro nel mercato delle auto di lusso. Stellantis North America ha Chrysler in questo segmento, Ford Motor Company ha Lincoln e General Motors ha Cadillac. I loro veicoli sono riconosciuti come simboli di alto rango.

Cadillac (1902-Oggi)

Cadillac (1902-Oggi)

Cadillac è uno dei marchi automobilistici più antichi del pianeta. Questa azienda è stata fondata nel 1902 e si è affermata come il primo produttore di macchine di fascia alta negli Stati Uniti. Dal 1909 fa parte della General Motors. Le auto di lusso Cadillac sono richieste in Nord America, ma sono rappresentate in tutto il mondo: possono essere acquistate in 50 paesi.

Lincoln (1917-Oggi)

Lincoln (1917-Oggi)

Lincoln è una grande divisione della Ford Motor Company, che fino al 1922 era una società indipendente di motori aeronautici. Il suo creatore, l’ingegnere Henry Leland, voleva realizzare auto di lusso, ma per mancanza di denaro vendette l’attività. Ha chiamato il marchio Lincoln dopo il suo politico preferito.

Chrysler (1925-Oggi)

Chrysler (1925-Oggi)

Chrysler produce veicoli ad alte prestazioni conosciuti in America e oltre. Questo marchio è apparso nel 1925 ed è attualmente di proprietà di Stellantis North America. Sviluppi avanzati e divisione delle auto per classi di prezzo hanno reso il marchio Chrysler incredibilmente popolare. Di recente, il produttore si è concentrato sul segmento di mercato del lusso.

Fusion Motor Company (2012-Oggi)

Fusion Motor Company Logo (2012-Oggi)

Questa azienda americana è stata fondata nel 2012 e ha sede a Los Angeles, California. È una concessionaria di lusso che offre veicoli di lusso di altissimo livello, ma di diverse tipologie. La sua specializzazione è un misto di vecchio e nuovo, straniero e domestico, che conferma il nome “Fusion”. Il marchio lavora con celebrità e chiunque voglia provare una gamma ampia e allo stesso tempo unica di auto di lusso.

Marche di auto elettriche

Solo poche aziende producono auto elettriche negli Stati Uniti, ma ciò non impedisce loro di occupare molti segmenti del mercato automobilistico, dalle auto a grandezza naturale e incredibilmente potenti (inclusa la classe Sport Utility Vehicle) ai piccoli portelli caldi. Conquistano non solo con tecnologie innovative, ma anche con un design super elegante.

Tesla (2003-Oggi)

Tesla (2003-Oggi)

Tesla è il produttore di veicoli elettrici più famoso al mondo. Porta il nome del fisico e inventore Nikola Tesla. Il marchio Tesla Motors è stato registrato nel 2003 da due imprenditori. La maggior parte dell’investimento è arrivata da Elon Reeve Musk, che attualmente possiede l’azienda. La presentazione del primo modello Roadster è avvenuta nel 2006.

Karma (2015-Oggi)

Karma (2015-Oggi)

La società privata Karma Automotive è specializzata nella produzione di auto elettriche di lusso. È stato creato nel 2015 sulla base del fallimento Fisker Automotive. La prima vettura di Karma si chiamava Revero e ha debuttato nel 2016.

Lucid (2007-Oggi)

Lucid (2007-Oggi)

Lucid Motors è stata fondata nel 2007, ma dal 2021 non ha prodotto una sola auto. Non ha abbastanza soldi per entrare completamente nel mercato. L’impianto di Lucid, stimato in 700 milioni di dollari, è in costruzione. Al termine, il produttore rilascerà la sua prima berlina di lusso Air. Questa auto elettrica dovrebbe diventare il principale concorrente delle auto Tesla.

Faraday Future (2014-Oggi)

Faraday Future (2014-Oggi)

La startup Faraday Future prende il nome dalla legge fondamentale dell’elettromagnetismo. Nonostante la mancanza di fondi, la sua creatrice Jia Yueting aveva grandi progetti per la produzione di veicoli elettrici. Nel gennaio 2021, i dirigenti dell’azienda hanno annunciato che sarebbero entrati a far parte di Property Solutions Acquisition Corp.

Brammo (2002-Oggi)

Brammo (2002-Oggi)

La Brammo Corporation ha una storia nella produzione di motociclette elettriche e motori di trazione. Nel 2015, l’attività di ciclismo è stata rilevata da Polaris Industries e due anni dopo le restanti attività sono state acquisite da Cummins. Ci sono state auto nella storia di Brammo, inclusa l’auto elettrica a batteria Enertia GT.

Marche di autocarri (pesanti e medi)

Esiste un’intera cultura dei camion a lunga percorrenza negli Stati Uniti, anche se non ce ne sono molti produttori. L’elenco delle aziende che producono i leggendari macchinari pesanti comprende Marmon-Herrington, Sterling, Brockway, Autocar, Mack, Western Star, Caterpillar, Freightliner, Kenworth – marchi famosi con molti anni di esperienza.

Freightliner (1942-Oggi)

Freightliner (1942-Oggi)

Il primo camion Freightliner apparve nel 1942. La prima linea di veicoli pesanti apparteneva alla società di logistica Consolidated Freightways. Quindi il vettore è stato costretto a vendere il proprio marchio automobilistico alla società Daimler AG, di cui fa ancora parte.

Peterbilt (1939-Oggi)

Peterbilt (1939-Oggi)

I trattori per semirimorchi e le zavorre Peterbilt sono prodotti negli stabilimenti dell’azienda a St. Teresa (Canada), Denton e Madison (USA). L’azienda è di proprietà di Paccar Corporation.

Kenworth (1912-Oggi)

Kenworth (1912-Oggi)

Kenworth, fondata nel 1912, era precedentemente chiamata Gerlinger Motor Car Works ed era un rivenditore di auto. Ha iniziato la propria produzione nel 1915. Fu poi acquistata da Edgar K. Worthington e dal capitano Frederick Kent. I nuovi proprietari ribattezzarono l’azienda dopo di loro, prendendo le prime lettere dai nomi.

International (1902-Oggi)

International (1902-Oggi)

Il marchio International era di proprietà di International Harvester, che produceva autovetture, macchine agricole e camion. Dopo la vendita della divisione agricola, l’azienda è stata ribattezzata Navistar International e si è concentrata solo sui camion.

Mack (1900-Oggi)

Mack (1900-Oggi)

Mack è considerato uno dei più antichi degli Stati Uniti perché fondato nel 1900 da Fallesen & Berry. Questo impianto produceva furgoni e carrozze e, dopo il rebranding, è passato a autobus e filobus. Mack è ora un produttore di autocarri pesanti di fama mondiale.

Western Star (1967-Oggi)

Western Star (1967-Oggi)

Western Star è una ex divisione della White Motor Company. È stato creato nel 1967, e poi è passato di mano all’infinito, fino a quando nel 2000 è arrivato a DaimlerChrysler. Western Star ha ora sede a Portland.

Marche di auto sportive

Le auto sportive prodotte negli Stati Uniti sono considerate tra le migliori al mondo. I modelli dei marchi Ford Mustang, Chevrolet Corvette sono particolarmente apprezzati: si sono dimostrati sul mercato dal lato migliore. La grande richiesta di auto sportive è dovuta alla loro eccellenza tecnica, al ricco equipaggiamento e all’enorme velocità che sviluppano.

Ford Mustang (1964-Oggi)

Ford Mustang (1964-Oggi)

Ford Motor Company produce la Ford Mustang dal 1964. Il primo modello era una modifica del Ford Falcon. Era una roadster con un design futuristico. La sesta generazione è apparsa nel 2015. L’auto più recente appartiene alla classe Pony Car e presenta caratteristiche dinamiche migliorate.

Chevrolet Сorvette (1953-Oggi)

Chevrolet Сorvette (1953-Oggi)

La Chevrolet Corvette è la prima vettura sportiva prodotta da un produttore americano. Il principale stabilimento di assemblaggio di automobili è di proprietà di General Motors e si trova a Bowling Green. La Chevrolet Corvette debuttò nel 1953 con una roadster bianca.

Dodge Viper (1992-Oggi)

Dodge Viper (1992-Oggi)

Le auto sportive Dodge Viper a due posti sono state prodotte dal 1992 al 2017, mentre la prima roadster è stata prodotta a New Mack Assembly. Deve il suo design alla Mitsubishi 3000GT e Tom Gale, che ha lavorato con Chrysler.

VLF (1965-Oggi)

VLF (1965-Oggi)

VLF Automotive è una piccola azienda privata fondata nel 2012 con il nome VL Automotive. Un anno dopo, ha presentato il suo primo modello, la berlina Destino. Nel 2016, dopo l’arrivo di Henrik Fisker, l’azienda è stata ribattezzata.

Vector (1971-Oggi)

Vector (1971-Oggi)

I veicoli Vector sono prodotti da Vector Motors Corporation, storicamente associata a Vehicle Design Force. Il fondatore dell’azienda è Gerald Wiegert. La prima auto sportiva del marchio è stata messa in vendita nel 1989.

Panoz (1989-Oggi)

Panoz (1989-Oggi)

Le auto ad alta tecnologia sono prodotte con il marchio Panoz. Si tratta di auto sportive in edizione limitata, comprese le versioni da corsa e da strada dell’Esperante. Panoz Auto Development è stata fondata nel 1989 e prende il nome dal suo fondatore, il figlio del farmacista Dan Panoz.

Marche di supercar

Le supercar americane sono veicoli potenti e confortevoli. Sono prodotti sia da aziende rinomate con una lunga storia che da aziende meno conosciute che sono apparse relativamente di recente. I primi includono Hennessey e SSC, mentre i secondi includono Rezvani e Trion.

Hennessey (1991-Oggi)

Hennessey (1991-Oggi)

Hennessey Performance Engineering è stata coinvolta nella modifica delle auto sportive dal 1991. L’obiettivo principale della casa di tuning è aumentare la potenza delle auto migliorando i componenti meccanici. I modelli più famosi sono Venom 650R, Venom GT e Venom F5.

SSC (1998-Oggi)

SSC (1998-Oggi)

SSC è l’abbreviazione di Shelby Super Cars. Si posiziona come il produttore delle auto di produzione più veloci al mondo. La sua gamma include due modelli di supercar: la SSC Tuatara e la SSC Ultimate Aero.

Saleen (1984-Oggi)

Saleen (1984-Oggi)

Saleen Corporation è stata fondata nel 1983 da un ex pilota di auto da corsa. Ha iniziato con il tuning delle auto e negli anni 2000. passò alla produzione su piccola scala di veicoli da corsa e di classe sportiva. Recentemente, Saleen ha modificato le auto di marchi famosi che appartengono a Toyota e General Motors.

Rossion (2006-Oggi)

Rossion (2006-Oggi)

Rossion Automotive, con sede in Florida, è meglio conosciuta per la sua auto sportiva Q1. È stato prodotto nel 2008-2018. Questo è il risultato dell’aggiornamento Noble M400, i cui diritti sono stati ricevuti dal produttore nel 2007. Nel 2013 è apparsa la versione da pista della Q1, la Rossion Q1R. È riconosciuta come una delle auto più rare al mondo perché ce ne sono solo pochi esempi.

Trion (2012-Oggi)

Trion (2012-Oggi)

Il gruppo Trion Supercars è stato fondato nel 2012 e prevedeva di lanciare la sua prima vettura nel 2021, e fino ad allora aveva presentato un modello di concetto in scala reale in quattro varianti.

Rezvani (2014-Oggi)

Rezvani (2014-Oggi)

Il produttore di auto sportive Rezvani Motors esiste dal 2014. Il suo progetto principale è Beast, un marchio di auto sportive basato sull’Ariel Atom. Specchi, fari e altre parti di automobili sono stampati in 3D.

Produttore e autobus

Oltre ai Big Three, leader nel mercato automobilistico (Ford Motor Company, Stellantis North America e General Motors), ci sono altri importanti produttori negli Stati Uniti. Ad esempio, la società Paccar, che possiede marchi di autocarri pesanti, o la società Navistar della stessa specializzazione.

General Motors (1908-Oggi)

General Motors (1908-Oggi)

General Motors è un rappresentante delle cosiddette case automobilistiche “Big Three” negli Stati Uniti. La più grande società è stata costituita nel 1908 da società più piccole che hanno deciso di fondersi. Dopo aver sperimentato il fallimento all’inizio del 21 ° secolo, è stato ripreso, ma il vecchio GM è stato ribattezzato Motors Liquidation Company.

Paccar (1905-Oggi)

Paccar (1905-Oggi)

Paccar rappresenta l’industria automobilistica, o meglio la produzione di autocarri pesanti. Possiede una serie di filiali tra cui DAF Trucks, Peterbilt e Kenworth.

Navistar (1993-Oggi)

Navistar (1993-Oggi)

Navistar è il successore del più antico produttore di camion International Harvester, apparso nel 1902. L’azienda attuale, oltre ai camion, produce auto blindate, autobus (compresi gli scuolabus) e motori Ford V8. La sua sede si trova a Warrenfield, Illinois.

IC Bus (2002-Oggi)

IC Bus (2002-Oggi)

IC Bus è una filiale di Navistar. È entrato nel mercato nel 2002, ma aveva due predecessori molto precedenti: AmTran e Ward Body Works. L’azienda è specializzata in autobus scolastici e commerciali.

Marche di auto defunte

Mercury (1938-2011)

Mercury (1938-2011)

Una delle tante divisioni della Ford Motor Company è Mercury, un marchio di autocarri e automobili. Questo marchio è stato creato nel 1938 per produrre auto di proprio design. Ma nel tempo, i modelli Ford divennero la base per i suoi veicoli, distruggendo efficacemente l’identità e l’indipendenza della Mercury. Negli ultimi anni della sua esistenza, il produttore ha agito di concerto con il marchio Lincoln. Insieme appartenevano a un ramo: Lincoln-Mercury. Ciò è continuato fino al 2011, quando l’ultima vettura di questo marchio di lusso è uscita dalla catena di montaggio. In quel momento si è conclusa la storia di Mercurio e del suo logo bianco e grigio: un doppio cerchio con tre linee curve all’interno. Come molte altre case automobilistiche, le strisce simboleggiavano velocità e movimento.

Pontiac (1926-2010)

Pontiac (1926-2010)

Il nome della casa automobilistica Pontiac è stato preso dalla storia degli Stati Uniti. Porta il nome di un leader indiano che ha partecipato alla guerra contro i coloni. È vero, inizialmente era conosciuta come il produttore di carrozze Pontiac Spring and Wagon Works. Successivamente il nome è stato cambiato e le autovetture sono apparse nell’assortimento. Il primo veicolo a motore è stato introdotto nel 1907. Da allora, l’azienda ha prodotto modelli Oakland, fino a quando nel 1926 ha prodotto un’auto con il proprio marchio. Quest’anno è considerato l’anno di fondazione ufficiale della Pontiac.

L’azienda ha prodotto vari modelli, ma alla fine è fallita. Nel 2010, i suoi contratti di rivenditore sono scaduti. Tuttavia, il logo del marchio viene sempre ascoltato perché è molto simile all’emblema della forza spaziale degli Stati Uniti. Si basa su un simbolo delta tridimensionale rosso e argento con una stella a quattro punte. Sembra che i progettisti della comunità spaziale abbiano appena capovolto questo cartello.

Saturn (1985-2010)

Saturn (1985-2010)

La preoccupazione della General Motors possedeva molte divisioni, inclusa la Saturno. Questo marchio non dipendeva in alcun modo dalla casa madre: aveva una propria rete di vendita e una propria linea per la produzione di automobili. Era anche guidato da un concetto personale, che è stato implementato nel 1985. L’essenza dell’ambizioso progetto era la produzione di macchine compatte. Erano richiesti, ma la General Motors ha ritenuto che il volume delle vendite esistente fosse inadeguato. L’insoddisfazione raggiunse il punto che i dirigenti di GM cercarono di vendere la Saturn alla holding Penske. Di conseguenza, l’accordo è fallito, dopo di che il marchio è stato dichiarato fallito. Gli esperti non escludono che possa ancora riprendersi e in un lontano futuro torneranno sul mercato auto decorate con un logo quadrato rosso e argento con gli anelli di Saturno.

Hummer (1992-2010)

Hummer (1992-2010)

La base per l’Hummer era il veicolo militare HMMWV. Gli sviluppatori lo hanno reso civile in modo che non solo il personale dell’esercito americano potesse guidarlo, ma anche tutti gli amanti dei SUV affidabili e ad alto carico. General Motors si è impegnata a produrre modelli Hummer, ma dopo un calo delle vendite, ha deciso di sbarazzarsi di questo marchio. Non è riuscita a trovare acquirenti, quindi nel 2010 GM ha completamente liquidato la famosa divisione. In memoria dell’Hummer, rimane solo un marchio denominativo, che sembra monolitico come le auto stesse. L’iscrizione è di colore nero ed è composta da lettere in grassetto con uno spessore di tratti contrastante.

Oldsmobile (1897-2004)

Oldsmobile (1897-2004)

Oldsmobile è un marchio automobilistico con 107 anni di storia. Apparve nel 1897 quando l’inventore Ransom Eli Olds fondò la Olds Motor Works. Il proprietario ha presto abbandonato la sua attività a causa di difficoltà finanziarie. La General Motors Corporation considerava Oldsmobile abbastanza promettente, quindi la acquistò e continuò ad espandere la linea. Il produttore ha cercato l’eccellenza tecnica, per la quale ha costantemente migliorato i componenti, dai motori V8 alle trasmissioni automatiche. Ma il successo fu di breve durata: negli anni ’90. la società ha perso il diritto ai propri sviluppi e nel 2000 i rappresentanti di General Motors hanno annunciato la liquidazione del marchio. L’ultima berlina Oldsmobile uscì nel 2004. Portava le firme di tutti i partecipanti all’assemblea, oltre a un logo ovale argentato, barrato da una linea diagonale.

Plymouth (1928-2001)

Plymouth (1928-2001)

La casa automobilistica di Plymouth risale al 1928. Per molti anni ha fatto parte della Chrysler Corporation e il suo logo rappresentava la nave Mayflower che gli inglesi salparono per l’America per fondare la colonia di Plymouth. Il marchio è esistito fino al 2001. Durante questo periodo, ha prodotto molte auto e ad un certo punto ha persino superato Ford in termini di vendite. L’azienda si è sviluppata con successo variabile, ma all’inizio degli anni ’90 aveva perso terreno. Il volume di produzione è diminuito drasticamente, quindi la divisione è stata considerata non redditizia. Chrysler Corporation l’ha liquidata nel 2001.

American Motors (1954-1988)

American Motors (1954-1988)

American Motors è una società scomparsa che, con i suoi modelli piccoli, a grandezza naturale e di medie dimensioni, ha preso una nicchia vacante nel mercato automobilistico. È stata fondata dopo la fusione di quattro società più piccole (Packard, Studebaker, Hudson e Nash) per competere con le “tre grandi” dell’industria automobilistica americana. A metà degli anni ’80. American Motors iniziò a incontrare difficoltà finanziarie e nel 1987 tutte le azioni del marchio furono acquistate da Chrysler. Un inizio promettente ha portato a un epilogo inaspettato: il marchio automobilistico è stato riorganizzato in Jeep Eagle Corporation e fuso completamente con Jeep. Il suo nome originale e il logo a forma di triangolo rosso appoggiato a un rettangolo blu sono un ricordo del passato per sempre.

Rambler (1900-1983)

Rambler (1900-1983)

Il marchio Rambler aveva molti proprietari, da Thomas B. Jeffery, che lo creò nel 1900, alla American Motors Corporation. Il marchio lasciò periodicamente il mercato automobilistico e non lasciò definitivamente gli Stati Uniti nel 1969. Continuò a fornire i suoi prodotti all’estero e lo fece fino al 1983, fino a quando divenne chiaro che il progetto non stava realizzando molti profitti. L’ultima volta che il logo Rambler arrotondato con una “R” scritta a mano è stato utilizzato è stato sulle auto costruite in Messico.

DeLorean (1975-1982)

DeLorean (1975-1982)

L’azienda DeLorean è stata fondata nel 1975 e ha cessato di esistere sette anni dopo a causa del fatto che il suo proprietario è stato accusato di traffico di droga. Durante questo periodo, il produttore è riuscito a rilasciare solo un’auto sportiva, che ha guadagnato fama dopo il debutto del film Ritorno al futuro, in cui un brillante scienziato ha trasformato un’auto DeLorean in una macchina del tempo.

Il motivo del fallimento del marchio è stato il conflitto tra il suo creatore John Zachary DeLorean e la General Motors Company. Come sapete, John lavorava alla GMC e, dopo il suo licenziamento, ha pubblicato un libro rivelatore sui problemi interni del gigante automobilistico. Di conseguenza, è stato inventato un caso di traffico di droga contro di lui, dopo di che ha perso il sostegno degli investitori. L’imprenditore è stato dichiarato non colpevole, ma a quel punto non aveva più soldi. Il nome e il marchio DeLorean sono ora di proprietà di una società indipendente. Il logo non è mai cambiato: sembra l’abbreviazione nera DMC (per DeLorean Motor Company) con lettere stilizzate a specchio.

Studebaker (1852-1967)

Studebaker (1852-1967)

La Studebaker Corporation prende il nome dai suoi creatori, che provenivano dalla famiglia tedesca Stutenbäcker. Erano impegnati nel fabbro e nel 1852 aprirono un’officina per la produzione di carri, furgoni e carri. La loro azienda è entrata nella storia dell’industria automobilistica globale all’inizio del 1900, quando produceva carrozze con motore elettrico. È sopravvissuto con successo alla crisi finanziaria, ma non ha potuto competere con i giganti del mercato automobilistico, che dopo la guerra ha iniziato a ridurre i prezzi. Negli anni ’60. circolavano voci che Studebaker stava per chiudere. Questo ha scoraggiato gli acquirenti perché avevano paura di perdere la garanzia del veicolo. La mancanza di domanda è stato l’ultimo punto: l’azienda è stata sciolta nel 1967. Il suo ultimo logo è un cerchio rosso e blu, diviso in due parti da una striscia ondulata di colore argento.

Willys-Overland (1908-1963)

Willys Overland (1908-1963)

L’azienda automobilistica Willys-Overland fu costituita nel 1908 dalla Overland Automotive Division e cessò di esistere nel 1953 quando entrò a far parte di Kaiser Motors. Per 45 anni è riuscita a visitare una casa automobilistica di lusso, a prendere una posizione di leadership nell’industria militare e a concentrarsi sulla produzione di camion e veicoli fuoristrada. L’azienda produceva auto con tre marchi: Jeep, Overland, Willys. L’emblema principale di Willys-Overland era un monogramma in bianco e nero: “W” sovrapposta alla “O”.

DeSoto (1928-1961)

DeSoto (1928-1961)

Il marchio DeSoto era una volta di proprietà della Chrysler Corporation, ed è stato creato dallo stesso Walter Percy Chrysler nel 1928. All’inizio, le vendite di auto erano piuttosto elevate, ma alla fine degli anni ’50. c’è stato un forte calo. Il marchio non è riuscito ad adattarsi alle tendenze del mercato, il che ha contribuito alla sua chiusura. Nel 1961, DeSoto cessò di esistere ei suoi modelli divennero la base per Chrysler Newport. Negli ultimi anni, il produttore ha utilizzato un logo raffigurante Hernando de Soto, che un tempo esplorava il territorio dell’America. Il ritratto del navigatore spagnolo è stato dipinto d’argento e posto all’interno di un cerchio rosso.

Edsel (1957-1960)

Edsel (1957-1960)

Ford Motor Company ha acquisito il marchio Edsel per riempire una nicchia a livello di Pontiac e Dodge. Questo progetto è stato concepito come una vera e propria divisione con propri stabilimenti e rete di vendita. Ma dopo una campagna pubblicitaria su larga scala, si è scoperto che le auto Edsel abbastanza ordinarie, che erano state posizionate come qualcosa di nuovo e rivoluzionario, non soddisfacevano le aspettative sovrastimate degli acquirenti. Le vendite calarono non appena iniziarono e nel 1961 il marchio lasciò il mercato.

I marketer hanno chiamato il marchio automobilistico dopo Edsel Ford. Successivamente è stato rivelato che Henry Ford II non voleva assolutamente che il nome di suo padre fosse usato per decorare le ruote. Ma poiché la sua opinione non è stata presa in considerazione, il nome è stato approvato ed è diventato la base per il logo sotto forma di una lettera bianca “E” all’interno di un cerchio verde circondato da anelli concentrici.

Packard (1899-1958)

Packard (1899-1958)

Il marchio Packard è leggendario. Alcuni credono che il suo creatore abbia realizzato la sua prima auto quando voleva mostrare abilità ingegneristiche per ottenere un lavoro a Winton. Secondo un’altra versione, ha criticato l’auto Winton e ha ricevuto una risposta nello spirito di “fallo meglio se puoi”. In un modo o nell’altro, il marchio Packard apparve nel 1899 e sopravvisse persino a Winton di diversi decenni. Ha puntato sul segmento del lusso, ma durante la crisi economica è stato costretto a passare a marchi più convenienti. Dopo il controverso acquisto di Studebaker e la produzione di modelli falliti che non erano richiesti, l’azienda è stata chiusa. Ha ufficialmente cessato le sue attività nel 1962, ma in realtà è successo nel 1958. Ora solo un logo ovale in stile vittoriano raffigurante uno scudo rosso e un cigno dorato ricorda il lusso precedente.

Hudson (1909-1954)

Hudson (1909-1954)

La Hudson Motor Car Company entrò nel mercato automobilistico nel 1909. Prese il nome dal proprietario del grande magazzino che divenne il suo principale investitore. La casa automobilistica ha utilizzato innovazioni tecniche, che gli hanno permesso di prendere il terzo posto dopo Chevrolet e Ford nel 1925. Nell’era del dopoguerra, l’età dell’oro si trasformò in declino poiché le piccole aziende come Hudson trovavano sempre più difficile competere con i cosiddetti “tre grandi”. La crisi portò al fatto che il marchio fu acquistato nel 1954 da Nash-Kelvinator e praticamente cessò di esistere. Il suo vecchio logo conteneva un tetraedro capovolto, torri araldiche, due navi e la parola “HUDSON” su uno scudo rosso.

Kaiser (1945-1953)

Kaiser (1945-1953)

La Kaiser Corporation esiste da meno di dieci anni, ma è riuscita a rilasciare diversi modelli di successo con design distintivi. È scomparsa nel 1953 quando si è fusa con Willys-Overland. Negli ultimi anni, l’azienda ha prodotto più auto di quante ne ha vendute perché tutti erano interessati solo alle auto delle Tre Grandi: Chrysler, Ford e GM. Il logo in bianco e nero del bufalo Kaiser e la lettera “K” passeranno per sempre alla storia dell’industria automobilistica americana.

Tucker (1947-1951)

Tucker (1947-1951)

Tucker è stata fondata nel dopoguerra per offrire ai residenti degli Stati Uniti un Tucker-48 economico, elegante e moderno. L’ingegnere americano Preston Thomas Tucker aveva già esperienza nel settore automobilistico, quindi il suo nuovo progetto sembrava molto promettente e ricevette persino un prestito dal governo. Con il denaro preso in prestito, l’imprenditore ha acquistato lo stabilimento più grande del mondo, desiderando avviare rapidamente la produzione di massa di automobili. General Motors, Ford e Chrysler si resero conto che un forte concorrente stava entrando nel mercato e fecero causa a Tucker, accusandolo di frode finanziaria. Quando il proprietario del marchio è stato assolto, era in bancarotta. La casa automobilistica fu chiusa nel 1951. Il suo emblema somigliava a uno stemma ovale con animali araldici, uno scudo e un nastro con la scritta “Tucker”.

Stutz (1911-1939)

Stutz (1911-1939)

La Stutz Motor Car Company ha prodotto auto sportive dal 1911 al 1924 per le corse. Una delle sue auto sportive è persino riuscita a stabilire un nuovo record mondiale di velocità. Successivamente sono stati aggiunti alla gamma veicoli di lusso, adornati con un logo rotondo con l’immagine di ali blu e la scritta stilizzata “STUTZ”. L’interno era rosso e all’esterno c’era un’ampia striscia bianca con le parole “Indianapolis Indiana. STATI UNITI D’AMERICA. “. Nel 1939 la società fu dichiarata fallita e liquidata.

Pierce-Arrow (1901-1938)

Pierce Arrow (1901-1938)

Pierce-Arrow è entrato nel mercato automobilistico nel 1901 ed esisteva prima, ma produceva gabbie per uccelli d’oro. Quindi le biciclette sono state aggiunte alla linea di prodotti. Nel corso del tempo, le auto di lusso Pierce-Arrow sono diventate un must per i nobili. I reali devono avere almeno un modello di questo marchio nella loro flotta. Lo stesso potrebbe vantarsi di magnati e star di Hollywood. Così il logo rotondo con l’arciere antico e la freccia era famoso in tutto il mondo. L’azienda non offriva auto economiche in vendita e quelle costose andavano esaurite molto lentamente. Di conseguenza, la storia di Pierce-Arrow si è conclusa nel 1938, anche se gli appassionati hanno cercato di far rivivere il marchio negli anni 2000.

Duesenberg (1913-1937)

Duesenberg (1913-1937)

Le auto di lusso Duesenberg sono diventate un simbolo di prestigio e status elevato e le auto sportive hanno vinto molte gare. Ma questo non salvò l’azienda dalla liquidazione: fu chiusa nel 1937, esistendo da 24 anni. I veicoli di Duesenberg vengono ora cacciati dai collezionisti, con diverse centinaia di veicoli rimasti in movimento. Il logo con l’immagine dell’aquila reale, le parole “DUESENBERG STRAIGHT” e il numero blu “8” è ancora associato alla ricchezza e al lusso.

Fisker (2007-2014)

Fisker (2007-2014)

Fisker Automotive è diventata famosa per i suoi veicoli elettrici ibridi, prodotti dal 2008. Ha fatto affidamento su uno sviluppo progressivo e ha persino vinto una causa quando Tesla Motors l’ha accusata di aver rubato la tecnologia. L’auto più famosa del marchio è la berlina sportiva di lusso Fisker Karma. La sua produzione è stata interrotta a causa del fallimento di un fornitore di batterie. E nel 2014, la stessa Fisker Automotive è fallita. Il suo proprietario Henrik Fisker conservava i diritti su tutti i marchi, compreso il logo con due semicerchi in rosso e blu e con un anello bianco con la scritta FISKER nera. In seguito ha utilizzato il nome e il logo per la sua nuova società, Fisker Inc.

Mosler (1985-2013)

Mosler (1985-2013)

L’imprenditore, politico ed economista Warren Mosler ha iniziato ad assemblare automobili nel 1985. Ha chiamato la sua azienda Consulier Industries ed è diventato la star della gamma di auto sportive per le corse professionistiche. Nel 1993 è stata aperta una divisione speciale, Mosler Automotive. Presentava molti altri modelli sportivi: il più leggeri possibile, molto lussuosi e incredibilmente veloci. Queste vetture hanno vinto primi posti in prestigiose competizioni. Ma a causa di errori di marketing, Mosler è stata chiusa nel 2013. L’alta velocità delle auto sportive è stata segnalata da un simbolo: una lettera nera “M”, stilizzata come un fulmine. Si trovava all’interno di uno scudo giallo con una base stretta, insieme alla scritta “MOSLER”.

Sterling (1906-2008)

Sterling (1906-2008)

L’azienda automobilistica Sterling, nota per il suo logo ovale con una “S” argentata allungata, apparve in Nord America nel 1987. Vendeva berline e hatchback basati sulla serie Rover 800. Il marchio era Austin Rover Cars of North America. All’inizio, ai clienti piaceva che tutti i modelli fossero forniti con finiture in legno naturale. Ma poi sono apparse delle carenze: corrosione, verniciatura di scarsa qualità, malfunzionamenti dell’elettronica. A causa di questi e altri problemi, il marchio ha lasciato il mercato automobilistico statunitense nel 1991.

Eagle (1988-1999)

Eagle (1988-1999)

Il logo in bianco e nero con lo scudo araldico e la testa di corvo è un simbolo dell’Aquila da tempo dimenticato. La casa automobilistica è diventata un ricordo del passato nel 1999, quando ha smesso di produrre auto di lusso e sportive. E ha iniziato la sua carriera nel 1988 come divisione della Jeep-Eagle Division, creata da Chrysler sulla base dell’American Motors Corporation.

Geo (1989-1997)

Geo (1989-1997)

Nel 1989, General Motors ha aperto la divisione Geo per la produzione di auto compatte e subcompatte. Il produttore si è affidato a una combinazione di prezzi bassi e assemblaggio di alta qualità. Anche Suzuki e Toyota hanno partecipato alla creazione del marchio, quindi questo progetto inizialmente era promettente. Ma la sua storia finì nel 1997 quando GM si disincantò per la scarsa domanda e chiuse il marchio, trasferendo i diritti su tutti i modelli a Chevrolet. Da allora, le auto sono state vendute con nomi diversi. Non sono più adornati con l’emblema rosso “Geo” con paralleli e meridiani all’interno della lettera “o”.

Merkur (1985-1989)

Merkur (1985-1989)

Merkur è considerato uno dei marchi più di breve durata nell’industria automobilistica statunitense, poiché esisteva solo per quattro anni. Questo marchio è stato creato per soddisfare la domanda dei consumatori di auto di fabbricazione europea, perché queste sono le tendenze osservate nel mercato automobilistico nordamericano all’inizio degli anni ’80. Inoltre, Merkur era un progetto Ford Motor Company progettato per il segmento del lusso. La produzione si trovava nella Germania occidentale, quindi i prezzi delle auto cambiavano costantemente a causa del tasso di cambio instabile. I dirigenti Ford considerarono la domanda di auto Merkur troppo bassa e decisero di liquidare il marchio nel 1989. Così i clienti non ebbero nemmeno il tempo di abituarsi al logo in bianco e nero, stilizzato come una griglia del radiatore con la scritta “MERKUR”.

International Harvester (1902-1985)

International Harvester (1902-1985)

Autobus, trattori, camion, SUV, camioncini e trattori hanno reso International Harvester famosa in tutto il mondo. Questa azienda non nasce da zero: nasce nel 1902 dalla fusione di due aziende produttrici di macchine agricole. Dopo aver assorbito un altro concorrente, McCormick Harvesting Machine Company è stata rinominata ed è stata ribattezzata International Harvester. Questo nome è stato utilizzato per il logo. In alto c’era un monogramma rosso e nero delle lettere “IH”, e in basso una scritta in grassetto “International Harvester”. Dopo lo sciopero, l’azienda è fallita ed è stata venduta a Tenneco, Inc. Il nuovo proprietario l’ha chiusa nel 1985.

Hupmobile (1909-1940)

Hupmobile (1909-1940)

Hupmobiles si unì alla formazione Hupp Motor Car Company nel 1909 e attirò immediatamente l’attenzione del pubblico, guadagnandosi un complimento da Henry Ford. La domanda di roadster di questo marchio è cresciuta così tanto che il produttore è stato costretto ad espandere lo stabilimento. Quindi i proprietari hanno deciso di trasformare l’auto compatta Hupmobile economica in un’auto grande e costosa. Cercando il profitto, hanno perso i loro fedeli clienti. Nel corso del tempo, Hupp Motor Car Company ha sviluppato problemi interni legati ai disaccordi tra gli azionisti. L’azienda ha perso le sue fabbriche, quindi le spedizioni sono rallentate e gli acquirenti hanno iniziato a rifiutare gli ordini. L’ultima auto con il logo Hupmobile scritto a mano in nero uscì dalla catena di montaggio nel 1939.

Detroit Electric (1907-1939)

Detroit Electric (1907-1939)

Le auto elettriche di Detroit erano dotate di un motore elettrico alimentato da una batteria ricaricabile. Erano guidati principalmente da medici e conducenti donne, perché era difficile per loro avviare manualmente le normali auto con motori a combustione interna. L ‘”epoca d’oro” di Detroit Electric iniziò negli anni ’10, quando i prezzi della benzina aumentarono. Anche il filantropo John Davison Rockefeller Jr. e il più grande inventore americano Thomas Edison. Ma le case automobilistiche ICE sono tornate sul mercato con gli ultimi modelli, sostituendo le auto elettriche. Negli ultimi anni, l’azienda ha realizzato veicoli solo su ordinazione, fino a quando non è fallita. Ha usato un logo rotondo blu sfumato con scritta “DETROIT” stilizzata. Nella cornice dell’anello c’era un arco formato dal nome completo del marchio.

Auburn (1900-1937)

Auburn (1900-1937)

Il predecessore della Auburn Automobile Company produceva carrozze trainate da cavalli. Ma mentre si sviluppava, il marchio automobilistico si è separato dalla sua casa madre per costruire modelli sperimentali. La sua storia finì nel 1937, quando la holding di cui faceva parte fu dichiarata fallita. E tutto a causa del fatto che il produttore ha fatto affidamento su auto di lusso, che si sono rivelate non redditizie. Il logo Auburn sembrava altrettanto lussuoso: una placca d’oro incisa con il nome del marchio.

Franklin (1902-1934)

Franklin (1902-1934)

Franklin non prende il nome da un politico, ma dal suo omonimo Herbert H. Franklin, che decise di iniziare a produrre automobili nel 1902. L’azienda produceva innovativi modelli raffreddati ad aria. Nel 1930, i suoi ingegneri migliorarono il design del motore, ottenendo un aumento di potenza. Le cose stavano andando bene, ma dopo la Grande Depressione le persone smisero di comprare auto di lusso. Nel 1934, la casa automobilistica fallì e il suo nome e tutti i beni, compreso il logo con una scritta “Franklin” sottolineata a mano, furono venduti.

Cole (1909-1925)

Cole (1909-1925)

Uno dei fondatori dell’industria automobilistica di Indianapolis è stata la Cole Motor Car Company, che produce auto di lusso con motore a combustione V-8. Apparve nel 1909 sulla base di un’altra impresa (Cole Carriage Company) e lasciò il mercato nel 1925 perché il suo proprietario aveva paura del fallimento e non voleva rischiare i suoi soldi. La storia dell’industria automobilistica americana include il logo Cole con una scritta vittoriana nera.

Abbott-Detroit (1909-1919)

Abbott Detroit (1909-1919)

Abbott-Detroit è un produttore di auto di lusso affidabili e potenti che aprì la propria fabbrica a Detroit nel 1909 e vi operò fino al 1916. Successivamente si trasferì a Cleveland, dove continuò a produrre station wagon, roadster, limousine e altri modelli pubblicizzati. Ciò è continuato fino al 1918, quando la società si dichiarò fallita. A quel tempo, si chiamava Consolidated Car Co., sebbene le sue auto fossero vendute con il vecchio nome e adornate con il logo Abbott-Detroit: una figura gialla triangolare con una grande lettera rossa “A” e una piccola scritta.