Menu Chiudi

Marche di moto Italiane

Marche di moto Italiane

L’industria motociclistica italiana si distingue tra le case motociclistiche mondiali per la sua impareggiabile bellezza e affidabilità. Il paese in cui è stato creato un numero enorme di marchi, che in seguito è diventato famoso, è caratterizzato dalla più alta domanda di prodotti in tutto il mondo. Ducati o MV Agusta, Guzzi o Italjet Moto Srl, Moto Guzzi e Benelli sono solo alcuni dei costruttori italiani i cui nomi sono familiari anche a chi è lontano dal guidare la moto. La maggior parte dei marchi italiani sono diventati leggende mondiali in questo settore di produzione. L’Italia non è solo un paese soleggiato con un clima unico e persone amichevoli e ospitali. Questo paese ospita molti designer e ingegneri eccezionali, motociclisti e meccanici. Queste persone sono la base per lo sviluppo di successo e la popolarità della moto italiana.

Oggi, la produzione di motocicli nel paese è una delle aree importanti che interessano l’economia del paese. A differenza di altri produttori europei, che di fatto hanno ceduto la palma in questo settore a marchi giapponesi, cinesi e persino indiani, l’industria motociclistica italiana continua a svilupparsi e mostra al momento una buona accelerazione. Solo tra gennaio e giugno 2021 sono state vendute più di 140.000 moto di vario tipo, superando sensibilmente le cifre dell’ultimo decennio.

1. Abra

Abra Logo

Il marchio Abra non è diventato il “fegato lungo” italiano nel settore motociclistico. È esistito solo per 4 anni, dal 1923 al 1927. Si distinse per la produzione di motociclette uniche e centrali elettriche di propria produzione. La tragica morte del fondatore dell’azienda nel 1927 determinò l’interruzione di tutta la produzione e la cessazione delle attività dell’azienda. I diritti sulla produzione e l’azienda stessa sono stati acquistati da DKW dai parenti del fondatore di Abra. DKW ha applicato la tecnologia acquisita, con alcune proprie modifiche, alle moto del proprio marchio.

Lo stemma dell’azienda è rotondo. La forma del cerchio è stata scelta come simbolo di infinito, unità e ciclicità, intendendo il ritmo e la costanza del movimento, che erano i principi del marchio italiano Abra. Lo spazio interno del logo era costituito da diversi cerchi. Il cerchio interno è pieno di rosso come simbolo del movimento e dell’azione del fuoco. Il rosso era un colore accento, contrastava con un cerchio bianco più piccolo con il nome del marchio situato in esso. Il nome è realizzato nella versione originale e in nero. Le lettere in altezza e dai lati ripetono la forma del cerchio con le loro pieghe, formando la composizione del cerchio.

2. Adiva

Adiva Logo

Uno dei marchi italiani giovani ma promettenti nel settore motociclistico è Adiva, azienda fondata nel 1994. La produzione in serie di scooter urbani a 2 e 3 ruote è iniziata nel 2001 e già nel 2008 il loro modello AD3 ha ricevuto un premio onorario alla fiera EICMA di Milano. Il modello si distingueva per una maggiore manovrabilità e stabilità, che è importante per le condizioni urbane. Ciò era assicurato dal disegno originale del telaio, che prevedeva la presenza di due ruote all’anteriore e una al posteriore. Tutti i modelli del marchio sono dotati di tetto retrattile resistente alle intemperie. L’azienda ha sede a Milano e ha siti produttivi in ​​Malesia, Taiwan. I centri di distribuzione sono aperti in Giappone, Cina e Hong Kong.

Il desiderio di entrare nel mercato è stato sostenuto dall’ambizione dell’azienda, che ha prestato molta attenzione alla formazione del proprio stile unico. Si basa su: innovazione, design moderno ed entusiasmo. Queste tre componenti si riflettono nel logo Adiva, che ha plasmato la percezione visiva dell’integrità, dell’eccellenza, della sicurezza e della versatilità che caratterizzano l’intera gamma del marchio italiano. Visivamente, l’emblema rappresenta un cerchio che ha ricevuto un rigonfiamento volumetrico. Il cerchio ha una parte ancora inferiore, sulla quale poggia un elemento a forma di freccia, diretto con il suo apice verso il centro. Il segno rappresenta un’immagine stilizzata di una ruota collegata ad una forcella. Questo elemento completa questa percezione visiva della composizione e allo stesso tempo forma i contorni della lettera “A”, che è la prima lettera del marchio.

3. Aermacchi

Aermacchi Logo

La storia del marchio motociclistico Aermacchi inizia nel 1912 con la costituzione della Newport-Macchi Company ad opera del suo fondatore Giulio Macchi di Varese, che a quel tempo si trasformò nel centro dell’industria aeronautica in Italia. La compagnia iniziò a impegnarsi in aerei che furono ampiamente utilizzati nelle battaglie aeree durante la prima guerra mondiale. Durante la guerra fu ribattezzata Aeronautica Macchi, continuando a svilupparsi rapidamente in questa direzione. Dopo la guerra, l’azienda si riorientò sulla produzione di camion e motocicli a tre ruote. La loro produzione con il marchio Aermacchi è stata effettuata fino al 1978. Sebbene il marchio sia stato acquisito da Harley-Davidson nel 1960, il nuovo proprietario ha mantenuto il marchio originale, quindi ha adottato un doppio nome. Nel 1978, HD ha rimosso il riferimento al vecchio marchio.

Il logo dell’azienda è rimasto fedele alla storia dello sviluppo del marchio. Consisteva nelle prime due lettere di ciascuna parola del marchio, raggruppate l’una nell’altra, dove le linee superiori discendenti della lettera “M” formano la traversa della lettera “A”. A destra e a sinistra ci sono ali spiegate fatte sotto forma di due triangoli, le cui cime erano sollevate verso l’alto. Entrambe le lettere e il marchio Aermacchi sono in Arial Std Black.

4. Agrati Garelli

Agrati Garelli Logo

Alla fine dell’ottocento Antonio Agrati di Cortenuova di Monticello Brianza apre una fucina. L’inizio del 20 ° secolo fa i propri cambiamenti nella domanda dei prodotti dell’azienda. Il fondatore lo trasmette ai figli, Clodoveo, Luigi e Mario, che iniziano la produzione di motori elettrici e parti di biciclette molto ricercati. La tragica morte di tutti e tre ha portato alla successione del sedicenne Carlo Agrati. Nel 1958 l’azienda si riorientò completamente alle biciclette motorizzate e contemporaneamente lanciò il primo scooter Capri. L’uscita di Capri ha dato origine alla produzione a tutti gli effetti di scooter e ciclomotori. Il marchio Agrati come marchio indipendente è esistito fino al 1991, e successivamente si è fuso con Garelli, con sede a Lachchiarella. Tutti i modelli di moto sono usciti con un nuovo nome: Agrati Garelli.

Lo stemma ha una forma circolare, tradizionale per la maggior parte dei marchi motociclistici italiani, che simboleggia l’infinito, l’unità e la ciclicità. Al centro del cerchio c’è una lettera nera “G” fatta a forma di cerchio sul lato interno. Il suo spazio libero all’interno è inondato di rosso alizarina, fornendo una combinazione contrastante con il nero. Questa combinazione di nero e rosso acromatico, che è il colore principale nella tavolozza dei colori, ha un forte impatto visivo su una persona, attirando l’attenzione e attirando l’attenzione. Il nome del marchio è realizzato nel carattere Garelli, che si trova nella parte inferiore dello stemma.

5. Aprilia

Aprilia Logo

Aprilia è un marchio conosciuto oggi non solo in Italia, ma in tutto il mondo. Aprilia fa ora parte del quarto gruppo industriale al mondo, Piaggio, che produce autoveicoli a due ruote. Fondata nel 1945 a Noale Alberto Beggio da veneziano per la produzione di biciclette. Il nome del marchio era un omaggio all’amato modello di auto Lancia Aprilia del fondatore. Il 1960 è segnato dall’uscita del primo ciclomotore Sport Uomo. Nel 1968 la proprietà dell’azienda passò al figlio del fondatore – Ivano Beggio, che avviò la produzione di ciclomotori, a seguito della quale apparvero sul mercato 3 modelli contemporaneamente – Colibrì, Daniela e Packi e il primo italiano fuoristrada Scarabeo. Oggi il Presidente e Amministratore Delegato di Roberto Colaninno è il Presidente di Piaggio.

Il logo dell’azienda è un vivido esempio della capacità di affrontare correttamente la promozione del tuo marchio. È semplice e laconico: niente di superfluo per distrarre l’occhio. Lo stemma è il nome dell’azienda, rappresentato in caratteri grafici latini maiuscoli. Un accento importante è il colore di sfondo rosso, che è stato scelto come associazione con il dolore di molte persone che hanno sopportato le difficoltà della seconda guerra mondiale. Il rosso è un simbolo di mascolinità e forza d’animo, che erano caratteristiche del fondatore del marchio e lo spirito della sua azienda. Il carattere utilizzato per le scritte era Neue Haas Grotesk Display 65 Medium.

6. Aeromere

Aeromere Logo

Dopo la fine della seconda guerra mondiale, i vincitori vietarono ai paesi dell’Asse di mantenere la produzione di attrezzature militari. Ciò ha interessato anche il gruppo Caproni, che a Trento era impegnato nella produzione di aerei da combattimento. Fondata nel 1910 dall’ingegnere Gianni Caproni, l’azienda inizia a produrre bombardieri pesanti di analoghi, che all’epoca non esistevano. Anche gli Stati Uniti li usano nella loro Air Force nel 1918. Dopo la seconda guerra mondiale, Caproni decise di avviare la produzione di una motocicletta leggera con il marchio Capriolo, a cui era associata la sua nuova motocicletta. La morte del fondatore nel 1957 porta ad un completo rebranding dell’azienda. Ha un nuovo nome: Aeromere e un nuovo emblema. L’azienda produce aerei leggeri e alianti parallelamente alla produzione di motocicli. Nel 1964 l’azienda viene acquisita dal gruppo Laverda.

L’emblema dell’azienda, che è stato utilizzato sulle motociclette di sua produzione, riflette molto accuratamente lo spirito e le speranze del suo fondatore. Su uno scudo araldico dai lati inclinati è raffigurato un piccolo cervo in salto, che ha dato il nome al marchio. Lo scudo è diviso diagonalmente in due parti. La parte superiore è incorniciata in nero, nel cui campo sono raffigurate fiamme rosse. Nella parte inferiore dello scudo – a destra – è presente una lettera latina bianca “C” (la prima lettera del marchio) e sotto di essa, in caratteri piccoli, il cognome del fondatore e la località dei Caproni Trento impresa. Sulla sinistra è la figura di un cervo.

7. Autozodiaco

Autozodiaco Logo

Nel 1968 nasce a Bologna la produzione di buggy car. Il marchio Autozodiaco è durato solo 13 anni, durante i quali è riuscito a dare il proprio piccolo contributo all’industria motociclistica italiana. A metà degli anni ’70, l’azienda ha lanciato la motocicletta Moto Zodiaco Tuareg. La sua importante differenza era l’assenza di un generatore e la presenza di un avviamento meccanico dal cavo. Per garantire la capacità di attraversare il paese, sono stati utilizzati pneumatici di grandi dimensioni. Nel 1978 l’azienda cessò di esistere.

L’emblema dell’azienda era un segno rotondo, il cui cerchio era formato da pedine bianche e nere. La parte inferiore dell’arco di cerchio era il nome del marchio Autozodiaco. All’interno del campo nero c’era un’iscrizione in caratteri latini rossi – ALL – CARS, appoggiata su dama bianche e nere. Il testo stesso è sottolineato con una sottile linea rossa fino alla prima lettera, che è leggermente più grande del resto del carattere. Accanto al cartello c’era un testo con il nome del marchio, eseguito in un carattere “cartoon” gonfiato, come simbolo dell’uso di ruote da moto gonfiate. Il carattere sembrava particolarmente attraente e memorabile se applicato a uno sfondo nero. Le lettere si incrociano, come se cercassero di anticipare il prossimo, il che conferisce al segno un po’ di allegria e attrattiva.

8. Benelli

Benelli Logo

Nel 1911 viene fondato il marchio italiano Benelli. L’aspetto dell’azienda è piuttosto originale. La fondatrice del marchio era una donna, madre di sei figli, a cui ha insegnato come riparare le biciclette per guadagnarsi da vivere. Notando la crescente domanda di biciclette a motore, l’azienda sviluppò il proprio motore per bici nel 1919. La continuazione fu la produzione di motociclette per gare sportive, a cui due dei fratelli iniziarono a prendere parte. Le loro prestazioni di successo nel 1938 resero particolarmente ricercati i primi tre modelli. Nel 2005, la società è fallita ed è stata rilevata dalla società cinese Qianjiang Group. L’azienda produce nuovi prodotti con il marchio Benelli in Cina, producendo moto leggere, piccole e scooter molto richieste in Asia.

Il logo Benelli di oggi ha un aspetto più “cinese”. Rendendo omaggio alla forma storica e ad alcuni elementi caratteristici del logo aziendale della metà del XX secolo, l’aspetto ha subito notevoli modifiche. L’emblema è un cerchio d’argento tridimensionale. Il campo interno attorno alla circonferenza è occupato da una corona di alloro di colore verde scuro saturo. La parte inferiore mostra la figura di un leone bianco in piedi su tre zampe con la parte anteriore destra sollevata, che mostra un avvertimento. Sopra di esso, il nome del marchio, Benelli, è iscritto in nero, sopra il quale sono poste tre stelle bianche a cinque punte a forma di triangolo.

9. Beta Motor

Beta Motor Logo

Il marchio Beta risale al 1904 come Società Giuseppe Bianchi, specializzata nella produzione di biciclette. Espandendosi gradualmente e introducendo nuovi tipi di prodotti, l’azienda nel 1940 non solo effettuò un completo riequipaggiamento della produzione con moderni tipi di attrezzature, ma cambiò anche il suo nome in Beta. Consisteva nelle iniziali del figlio del fondatore – Enzo Bianchi e padre – Arrigo Tosi, che era l’ingegnere capo dell’impresa. La prima bici a motore è stata rilasciata dal marchio nel 1948. Il passaggio alle moto avvenne nel 1950 quando fu lanciata la prima motocicletta a tutti gli effetti, la Ital JAP. I prodotti del marchio si sono dimostrati efficaci nelle corse fuoristrada. La fama dell’azienda è stata portata dai suoi modelli per il processo.

L’ultimo rebranding dell’azienda ha portato ad un restyling del logo, rendendolo più adeguato alle moderne condizioni di visualizzazione e percezione da parte di una nuova generazione di utenti. Il logo è un rettangolo rosso il cui colore simboleggia il successo e la coerenza, il movimento in avanti e il necessario risveglio. Al centro del rettangolo c’è l’immagine di un ovale bianco con spessore irregolare posto con un angolo verso l’alto. L’ovale mostra il movimento e trasmette la sua percezione visiva come una ruota che si muove ad alta velocità. All’interno dell’ovale è raffigurata la lettera “B”, la cui forma e direzione esaltano il senso visivo di velocità e accelerazione allo stesso tempo. Tutti questi cartelli hanno una striscia con i colori della bandiera italiana. Di seguito è riportato il nome completo del marchio Beta Motor. La parola “Motore” è in caratteri piccoli ed è centrata sotto la prima. La combinazione di nero e rosso, diluito con il bianco, fornisce un contrasto visivamente molto efficace. Il rosso diventa un colore d’accento, e il bianco e nero forma una certezza, che dimostra volontà ed equilibrio.

10. Borile

Borile Logo

Nel 1988 il marchio Borile, fondato da Umberto Borile di Venezia, inizia il suo coinvolgimento nell’industria motociclistica italiana. L’impresa era piccola e non poteva vantare la sua produzione in serie. E solo nel 1997 Borile B500T porta fama e fama all’azienda. Nel giro di 2 anni, il mondo è stato conquistato da due modelli unici: la cafe racer B500CR e la motocicletta B500MT. Ma il modello più venduto è stato Borile Multiuso. Questo piccolo produttore ha vendite annuali di oltre 50 unità, che possono essere personalizzate per soddisfare le esigenze di un cliente specifico.

Il logo dell’azienda dimostra una marcata identità di marca. L’ellisse verde smeraldo contiene il nome del marchio in caratteri latini bianchi. Ogni lettera del nome ha un bordo verde smeraldo. Il testo eseguito in lettere minuscole ha un design individuale. La figura centrale in esso è la lettera “R”. Le sue parti superiore e inferiore ricordano la forma stilizzata di una carenatura per moto. Un design del logo semplice e ordinato ha un impatto positivo sulla sua esperienza visiva e facilità di memoria.

11. CR&S

CR&S Logo

Il fondatore di un marchio motociclistico relativamente giovane in Italia, CR&S, è Roberto Crepaldi. Per lungo tempo rappresentante in Italia di marchi motociclistici leader nel mondo come Harley-Davidson, Triumph e Norton Roberto, ha costantemente pensato di creare la propria moto. Nel 1992 Crepaldi apre la propria azienda con la vendita di moto retrò degli anni ’60 e ’70. Parallelamente, Crepaldi inizia ad accettare ordini per la realizzazione di modelli unici, di cui è capo disegnatore. Un’ulteriore direzione è l’accettazione di ordini per alterazioni di vecchi campioni. La produzione CR&S si trova a Milano e prevede l’esecuzione di fino a 100 applicazioni all’anno dalla Russia e dagli Stati Uniti, dal Giappone e dall’Australia, dalla Cina.

Con il logo CR&S, Roberto opta per una ruota stilizzata in movimento. Questa percezione è data dalla forma delle ellissi esterna ed interna, la cui diversa inclinazione esalta questa impressione. Contemporaneamente, questo effetto è supportato da due semiarchi neri che emanano dall’ellisse nera interna. I semiarchi sono dispiegati in direzioni diverse e si trovano simmetricamente l’uno rispetto all’altro. Grazie a questi elementi, lo spazio dell’ellisse è diviso in 2 parti uguali. C’è la sensazione di una ruota che gira ad alta velocità, i cui raggi si fondono. Il fulcro dell’emblema è l’abbreviazione del marchio CR&S in bianco su uno spazio nero.

12. Bimota

Bimota Logo

1973 – anno di fondazione del marchio Bimota da tre amici Valerio Bianchi, Giuseppe Morri e Massimo Tamburini nella città di Rimini. Il nome del marchio è l’abbreviazione dei cognomi dei tre fondatori. L’azienda era principalmente impegnata nello sviluppo di design esclusivi del telaio per i modelli di moto esistenti, principalmente quelli sportivi. Gli anni ’70 del secolo scorso hanno aggiunto l’assemblaggio delle moto Lamborghini. All’inizio degli anni ’80, Bimota ha iniziato a modernizzare le moto dei principali marchi mondiali Yamaha e Ducati. Dopo il 2003, lo stabilimento ha rilasciato il modello Bimota DB5 Mille, che, come tutti i prodotti dell’azienda, era in anticipo sui tempi. Il rilascio della DB5 ha confermato ancora una volta il credo fondamentale del marchio: creare modelli futuri con un design sorprendente e una tecnologia unica.

Con il suo logo, Bimota ha realizzato un segno che corrisponde pienamente allo spirito e allo stile del marchio. L’emblema era notevole per la sua presentazione visiva laconica, ma efficace. I colori primari del simbolo sono rosso e nero. Il primo è il colore del rischio e dell’estremo, del movimento e dell’attività, dell’energia e del coraggio. Inclina il pubblico ad agire con decisione. Il nero è caratterizzato da una dimostrazione di eleganza e lusso con una qualità decente. Il tandem è forte, ma un po’ ansioso. Questo effetto ammorbidisce l’elemento bianco che separa i due colori. Il rosso sembra più luminoso, più luminoso, più accentuato, più accattivante. Allo stesso tempo, questa combinazione evoca l’associazione di passione ed eleganza. L’emblema è – la prima lettera del nome “b”. Sotto c’è il testo del marchio completo – “bimota” in nero.

13. Cagiva

Cagiva Logo

Da tempo era presente nel mercato motociclistico italiano una filiale dell’americana Harley-Davidson, che fu rilevata dai fratelli Claudio e Gianfranco Castiglioni nel 1978. Fino a quel momento, i fratelli possedevano l’azienda Cagiva, che si occupava della produzione di hardware e pezzi di ricambio per motocicli. Nel 1978, subito dopo l’acquisto della filiale Harley-Davidson, introdussero sul mercato italiano due nuovi modelli da corsa. In appena un anno, la produzione è cresciuta fino a 40.000 pezzi all’anno. L’inizio degli anni ’80 del secolo scorso è stato caratterizzato dall’uscita di diversi SUV, che hanno aperto una nuova serie di produzione. Il modello MX è diventato l’ammiraglia delle auto da cross. Oggi Cagiva è un’azienda enorme che si sta sviluppando con successo.

L’emblema Cagiva è stato progettato in uno stile concettuale moderno utilizzando il rosso attivo. Grazie a lui, il logo acquisisce un impatto visivo spettacolare sullo spettatore, formando una sensazione di rischio estremo, una carica di energia potente e coraggio nel prendere decisioni. La composizione, racchiusa in un ovale con uno spessore variabile del contorno, evoca la sensazione di dinamica impetuosa e movimento ad alta velocità. Il nome del marchio è posto sotto questo segno in un carattere simile a Egyptian Wide. La pendenza giusta simboleggia la velocità, l’accelerazione. Questa impressione migliora l’allungamento delle lettere nella direzione della formazione del movimento visivo.

14. Ceccato

Ceccato Logo

Il marchio Ceccato è uno dei principali esempi di aziende motociclistiche italiane innovative create dopo la fine della seconda guerra mondiale. Il fondatore dell’azienda fu Pietro Ceccato, la cui professione di farmacista era piuttosto lontana dalla produzione di motociclette. Tuttavia, l’hobby e la passione di Ceccato per il controllo e le idee sui motori superavano l’appartenenza professionale. Il primo successo significativo è stato dimostrato dal modello di moto Giro d’Italia, che era dotato di un unico sistema di propulsione OHC. Il motore è stato uno sviluppo congiunto con gli studenti dell’Istituto Tecnico di Taglioni. La produzione di motocicli è stata interrotta a metà degli anni ’60 del secolo scorso.

Ceccato scelse per il suo stemma un’immagine stilizzata di un uccello in volo, il cui corpo era realizzato a forma di triangolo. Le ali erano attaccate alla parte superiore della figura, sotto la quale era posta una piastra rossa. Portava il marchio Ceccato in Dymond Regular bianco. Questa scelta di colori nella composizione complessiva ha un impatto visivo molto forte. Il bianco e il blu forniscono moderazione e stile. Il rosso caldo e ricco aggiunge dinamismo, nobilitando l’intera composizione.

15. Cimatti

Cimatti Logo

Per quasi 50 anni, a partire dal 1937, il marchio Cimatti ha rappresentato anche sul mercato internazionale la produzione di biciclette, ciclomotori e motocicli in Italia. Marco Cimatti ha intitolato a se stesso il nuovo marchio, poiché era un ciclista e rappresentava gli interessi del Paese ai Giochi Olimpici. Come la maggior parte delle imprese prebelliche di questo tipo, l’azienda iniziò con la produzione di biciclette. A metà degli anni ’50, il marchio lanciò il primo ciclomotore, avviando contemporaneamente la produzione in serie. Già all’inizio degli anni ’60 del secolo scorso, anche le motociclette entrarono nella serie, tra cui il modello Sport Luxury era molto richiesto. La prossima gamma di modelli dell’azienda erano le moto da corsa: Kaiman Cross. Dal 1972 al 1977, la società ha rilasciato altre 2 motociclette: strada e motocross. Nel 1984 l’impresa viene chiusa.

Il logo del marchio è costituito da un gran numero di elementi e colori. Al centro, in primo piano, c’erano 5 anelli olimpici. Erano realizzati in rosso, giallo, verde, blu chiaro e scuro. Gli anelli inferiori si sovrappongono al ramo orizzontale dell’alloro bronzeo. Al di sopra del primo e del terzo anello, ci sono stampi nello stile di rotoli srotolati, sui quali sono fatte le iscrizioni – MARCA DI nel primo e FABBRICA nel secondo. Il nome della città BOLOGNA è posto sotto gli anelli su un piatto allungato. L’intera composizione di elementi è stata posta sopra uno scudo araldico con strisce verticali blu e rosse. Nella parte superiore dello scudo c’è il nome del marchio.

16. Ducati Motor Holding SpA

Ducati Motor Logo

Tra i produttori italiani di attrezzature, era ampiamente praticata la suddivisione in divisioni che si occupavano della produzione di un solo tipo specifico di attrezzatura. Quindi Ducati Motor Holding SpA era una divisione della società Ducati. Il dipartimento era responsabile dello sviluppo e della produzione di veicoli a motore. La sede della divisione si trova a Bologna. Dall’apertura della produzione, l’azienda si è specializzata in attrezzature ad alte prestazioni. Sono caratterizzati dall’utilizzo di centrali bicilindriche a quattro tempi con disposizione dei cilindri a “L” e valvola desmodromica. Oggi l’azienda è di proprietà della tedesca Audi AG.

L’emblema Ducati è l’epitome della promozione professionale del prodotto. È diventata un modello per l’uso efficace delle moderne tecnologie nel campo della visualizzazione. Il logo si distingue per la sua semplicità e concisione, avendo un solo elemento nella sua immagine: uno scudo araldico di colore rosso vivo. Nel settore superiore dello scudo è applicato il nome del marchio in colore grigio argenteo. Una leggera inclinazione del tipo a destra crea un’imitazione della tensione prima dell’inizio, così come l’effetto di andare avanti.

17. Della Ferrera

Della Ferrera Logo

Una casa motociclistica torinese con 39 anni di storia. Della Ferrera acquisì fama per la sua tecnica, che vinse il Trofeo Turistico Nazionale di Cremona e altri concorsi prima della prima guerra mondiale. I suoi prodotti sono stati ampiamente utilizzati dagli atleti dell’epoca, il che ha portato il marchio in una posizione di primo piano tra le case motociclistiche italiane. Lo sviluppo stabile e persino di successo del marchio negli anni Trenta del XX secolo è stato interrotto dallo scoppio della seconda guerra mondiale, dopo la quale l’azienda non è stata in grado di riprendersi. La crisi economica del dopoguerra nel paese, la devastazione e le sanzioni contro le principali industrie nei paesi dell’Asse portarono alla chiusura di Della Ferrera nel 1948.

Nella storia dell’industria motociclistica italiana, questo marchio è rimasto memorabile per i suoi design e design originali di motociclette, nonché per il logo originale, che si distingueva per la sua aristocratica e pretenziosità. Il marchio era così riconoscibile ai suoi tempi che non aveva bisogno di ulteriori effetti visivi spettacolari sul consumatore. Il logo dell’azienda era il nome completo del marchio, eseguito in un bellissimo carattere calligrafico con vignette in nero: rigoroso, laconico e aristocratico. Entrambe le parole scorrevano dolcemente l’una nell’altra: il monogramma dell’ultima lettera della prima parola collega l’inizio della prima lettera della seconda parola. Appoggiarsi da sinistra a destra simboleggia il movimento e la direzione della composizione dall’alto verso il basso: un desiderio fiducioso di vincere.

18. Energica Motor Company

Energica Motor Logo

Uno dei moderni marchi high-tech nel settore motociclistico è Energica Motor Company. Il marchio nasce come progetto di sviluppo e produzione di autoveicoli basati su motori elettrici nel 2010 con un centro di ricerca e produzione situato a Modena. Il fondatore dell’azienda è il Gruppo CRP, una società specializzata nella lavorazione di materiali mediante CNC, nonché utilizzando la moderna tecnologia laser. Il nome ufficiale Energica Motor Company è stato registrato nel 2014, quando l’azienda ha completato la produzione del primo modello della linea di moto ecologiche Energica Ego. Sono stati esposti per la prima volta alla mostra Top Marques a Monte Carlo.

Il logo di Energica Motor Company è stato creato tenendo conto delle specificità della produzione e dei moderni metodi di visualizzazione. Si basa su un’immagine simbolica di una scarica elettrica pulsante, che avvolge dolcemente l’immagine del testo dal basso con un arco. Le lettere sono realizzate nella variante di “continuazione” delle fluttuazioni, che garantisce l’incompletezza grafica di ciascuna di esse, come se formassero indicatori di picco. L’ultima lettera “A” è una transizione verso una rappresentazione schematica dell’elettrogramma. La lettera iniziale e finale del marchio è piena di una brillante tonalità verde chiaro.

19. Fantic Motor

Fantic Motor Logo

Dal 1968 Fantic Motor, casa motociclistica italiana, è presente sul mercato nazionale ed estero. L’azienda è specializzata nella produzione ed esportazione di autoveicoli più focalizzati sulle aree sportive: moto da enduro, go-kart e minimoto a tre ruote. In breve tempo è stato lanciato in produzione un nuovo modello della motocicletta leggera Caballero. Nel 1977, il marchio ha lanciato la produzione di moto da trial, il cui successo ha portato l’azienda a una posizione di leadership nella produzione di modelli simili. Il suo vero capolavoro è la moto Fantic. Oggi l’azienda sta sviluppando una nuova direzione: le biciclette elettriche eMTB.

Il logo dell’azienda è una forma di stemma che è stato storicamente utilizzato negli emblemi delle città medievali. Il contorno dello scudo e la prima fila della traccia stilizzata del pneumatico sotto forma di rettangoli verticali, raffigurati nello spazio interno del segno, sono realizzati in viola. Sotto di loro c’è la seconda fila di imitazione della pista dal battistrada, rosso vivo. Sopra di loro c’è il nome del marchio. Il carattere è individuale. Le due parole sono poste una sotto l’altra, allineate a sinistra. Le lettere “F” e “T” corrispondono per dimensioni all’altezza di entrambe le parole e svolgono un ruolo unificante. Con il suo contrasto, la composizione attira l’attenzione, fornendo l’enfasi richiesta sul nome del marchio.

20. FB Mondial

FB Mondial Logo

FB Mondial nasce nel 1936 quando i fratelli Bozelli aprono la loro fabbrica a Bologna. L’azienda italiana è diventata il marchio più famoso per la produzione di moto sportive Mondial. Lo status ufficiale del marchio è stato dato nel 1948. Nel corso della sua esistenza, il marchio ha continuato a essere in anticipo sui tempi con i suoi sviluppi high-tech. I prodotti FB Mondial hanno assicurato ai piloti la vittoria ai Campionati del Mondo 5 volte fino al 1957.

TM FB Mondial aveva un logo memorabile che combinava aristocrazia e lusso. L’uso simultaneo di sfumature nere e dorate ha fornito questa percezione. Il nome del marchio era inscritto in un ovale nero con un contorno dorato. L’accento è posto sul marchio, realizzato nello stile originale. Dalla prima lettera, dal basso, c’era un arco che copriva l’intero testo e terminava con un monogramma. La lettera “O” aveva la forma di una testa di bullone con una fessura per un cacciavite, suggerendo l’identità tecnica del logo. Il testo è andato leggermente oltre l’ovale. Questa combinazione di colori è il modo più efficace per fornire appeal visivo e facilità di memoria del marchio.

21. Gilera

Gilera Logo

Giuseppe Gilera, giovane ma già famoso pilota motociclistico, fonda nel 1909 un’azienda denominata Moto Gilera. Il motivo della sua nascita è stata la necessità di migliorare le moto su cui Gilera ha preso parte alle competizioni. L’azienda si è progressivamente ampliata. Nel 1936, il marchio iniziò a produrre una serie di motociclette da corsa, con un potente sistema di propulsione che forniva la massima velocità per una motocicletta. Grazie a lei, questi modelli ricevono il titolo di più veloci e rendono l’azienda non solo la più famosa, ma anche molto redditizia. Nel 1939 uscì il Saturno-500, poi incluso nel libro della “fama motociclistica”. All’inizio degli anni ’80 del secolo scorso, il marchio ha presentato un nuovo modello che ha vinto due volte il rally Parigi-Dakar.

L’emblema Moto Gilera è presentato in una sorprendente combinazione di colori che fanno una forte impressione sullo spettatore: rosso e nero. Per ammorbidire il loro impatto psicologico, il bianco viene aggiunto alla composizione. La struttura del logo è costituita da due anelli intersecanti in posizione verticale, al centro comune dei quali è inscritto un rombo rosso. Il nome del marchio è iscritto all’intersezione degli anelli, dove la prima e l’ultima lettera sono costituite dagli archi di ciascuno degli anelli.

22. Frera

Frera Logo

Nel 1905, a Tradate, in Italia, fu fondata un’azienda di produzione e riparazione di biciclette, fondata da Corrado Frera. Il marchio non è durato a lungo – solo 29 anni, ma è riuscito a lasciare un segno significativo nella storia dell’automobilismo italiano. Il suo modello di punta era la Frera Motoleggera del 1931, caratterizzata da prestazioni migliorate e un design accattivante. Oggi la storia del marchio si trova nel museo dell’azienda situato a Tradate.

L’emblema Frera è stato conosciuto da tutti i ciclisti e motociclisti italiani e molti stranieri durante tutta l’esistenza del marchio. Uno dei simboli del logo era un’ellisse ondulata allungata verticalmente, a forma di cintura con fibbia nella parte inferiore. Nello spazio interno del simbolo c’era un baldacchino reale con una corona e uno scudo araldico su cui era applicata una croce cattolica. Al centro, attraverso l’intera composizione, c’era un testo: il nome del marchio. La prima lettera del nome era un elemento unificante, che simboleggiava l’unità e la sicurezza.

23. Fusi

Fusi Logo

A. Fusi & Co., SpA Milano è un’azienda che ha avuto un ruolo attivo nel plasmare la storia dell’industria motociclistica italiana. Il suo fondatore, Achille Fusi, iniziò come commerciante di motociclette per il marchio belga FN (Fabrique Nationale de Herstal), fondato nel 1889. All’inizio del 1932, Fusi iniziò la propria produzione di motociclette RAS da parti FN. Quest’anno è considerata la data di nascita del marchio motociclistico. Nel 1933, l’impianto ha prodotto diversi modelli. La morte del fondatore non pose fine all’azienda. Luigi Beaux ne ha assunto la gestione. Uno dei modelli originali era il triciclo a motore, uscito nel 1937. Nel 1941 fu prodotta la M 25 CFS, che divenne la base per le auto sportive prodotte fino alla metà degli anni ’50 del secolo scorso. Il 1957 fu l’ultimo anno di esistenza del marchio.

Nel design del suo emblema, il marchio ha scelto la triade più stabile e visivamente attraente per l’uomo sin dai tempi antichi: rosso e nero. All’interno, su uno sfondo nero di forma rettangolare arrotondata, è applicato il nome del marchio – Fusi in minuscolo rosso con bordo bianco. Ad ogni lettera viene data una forma tridimensionale con l’aiuto delle ombre.

24. Ghezzi & Brian

Ghezzi & Brian Logo

Una delle più giovani aziende motociclistiche italiane è Ghezzi & Brian di Missaglia. Fondata nel 1995 da Giuseppe Ghezzi e Bruno (Brian) Saturno, si è concentrata sullo sviluppo di un nuovo tipo di moto da corsa. Nel 1999 amplia la sua gamma con i modelli urbani. Un’importante differenza tra loro è una spiccata individualità nel design e uno stile sportivo. Nel 2002, l’azienda ha intrapreso gli sviluppi ingegneristici nel campo della costruzione di motociclette e automobili. L’ammiraglia della sua produzione può essere definita due modelli di motociclette: STW1100 e Furia.

Nel suo logo, il marchio ha utilizzato i colori della bandiera nazionale italiana: verde, bianco e rosso. L’esecuzione originale del segno ti consente di “vedere” in esso diverse opzioni per la tua interpretazione:

  • immagine stilizzata di un cricchetto del pedale di avviamento di una moto
  • un’immagine creata in modo univoco delle prime 2 lettere del nome del marchio – “G” e “B”
  • Sportello serbatoio carburante moto.

Un buon modo per “legare” il proprio simbolismo al profilo della produzione e all’identità del marchio. Questo approccio al design del logo lo rende facile da ricordare. Ciò si ottiene grazie al compito assegnato allo spettatore: cercare di determinare cosa simboleggia l’emblema. Il nome completo del marchio è applicato sotto il segno.

25. Galbusera

Galbusera Logo

Plinio Galbusera e l’ingegnere Adolf Marama Toyo, due appassionati di tecnologia, divennero famosi per lo sviluppo unico dei piccoli motori Python e Sturmey-Archer, realizzati nel 1934. Da quel momento Moto Galbusera & Co. di Brescia è un’azienda di moto d’epoca. Per 21 anni, questa tecnica saturerà il mercato con motociclette affidabili e sicure. Concentrandosi su questi parametri, sacrificando lo sviluppo delle caratteristiche di velocità, il marchio ha guadagnato ammiratori tra gli utenti della tecnologia per la facilità di movimento. Tuttavia, i problemi del dopoguerra nell’economia del paese hanno ridotto significativamente il potere d’acquisto di questa categoria. La produzione è stata chiusa nel 1955.

Galbusera ha scelto come marchio l’aquila in volo, che si basa sul nome del marchio. L’aquila è un simbolo di un inizio di successo e promettente. Allo stesso tempo, l’orgoglioso uccello personificava il successo, la vittoria e il coraggio, la grandezza. Il successo del decollo dell’aquila era assicurato dalla parte superiore allungata della lettera “G”, che era un supporto affidabile per il simbolo superiore. Inoltre, il lettering racchiudeva l’intero testo, unificandolo visivamente e valorizzando l’effetto visivo dell’eleganza.

26. Italjet

Italjet Logo

La metà del XX secolo è stata caratterizzata dall’emergere di un altro marchio italiano originale nel campo della produzione di motociclette. Italjet Moto Srl di San Lazzaro, Bologna, fondata dal talentuoso designer Leopoldo Tartarini nel 1959. Fin dalla sua istituzione, l’azienda ha dominato la produzione di attrezzature leggere: motociclette, scooter, che si distinguevano per un elegante design sportivo. All’inizio degli anni ’90 iniziò la produzione di ATV, la cui domanda aumentò. Durante questo periodo, il marchio ha creato tre modelli particolarmente popolari: Dragster, Formula e Velocifero.

Il logo di Italjet è una rappresentazione grafica del nome dell’azienda. Il logo soddisfa pienamente i requisiti moderni di semplicità, fornendo facilità di memorizzazione. Per il testo è stato utilizzato il carattere Ascender Sans WGL Bold Italic maiuscolo. La prima parola “Italjet” scende a destra. Sotto di essa in caratteri piccoli c’è la seconda parola – “moto”, anch’essa fatta con un’inclinazione.

27. Innocenti

Innocenti Logo

Fondata negli anni ’30 dal maestro fabbro Ferdinando Innocenti a Milano, Innocenti è diventata una delle più rinomate per la produzione di scooter e automobili. Inizialmente, l’azienda produceva composti per ponteggi brevettati dal fondatore. Lo scooter Lambretta ha portato la fama al marchio. Il marchio ha diviso la sua produzione in tre aree principali che hanno funzionato fino agli anni ’70 del secolo scorso: ingegneria meccanica, moto, automobili. La morte del fondatore nel 1966 ha portato all’eredità di suo figlio – Luigi, che ha venduto la produzione di ingegneria. La Lambretta veniva prodotta in Spagna e poi trasferita negli stabilimenti indiani. Nel 1997 la società è stata soppressa.

Durante il periodo della sua esistenza, il marchio è stato accompagnato da un emblema originale eseguito caratterizzato dal suo laconismo e “leggerezza” del design. Il logo è un’immagine della prima lettera del nome dell’azienda racchiusa in un cerchio. La scritta è stata eseguita in stile maiuscolo, con una “coda” di collegamento nella parte superiore. Ciò ha fornito una simmetria memorabile e una percezione visiva della pista come uno zigzag. In questo modo è stato creato un collegamento con la direzione della produzione del marchio. A causa della severità del colore e dell’assenza di sovraccarico visivo con elementi, il logo acquisisce moderazione, caratterizzato dalla completezza delle forme. L’emblema si è concentrato sull’immagine generalizzata del marchio.

28. Iso

ISO Logo

Dal 1939 del secolo scorso fino al 1970, un marchio milanese chiamato Iso ha funzionato nel mercato italiano delle case automobilistiche e motociclistiche. L’azienda si è subito dichiarata a gran voce con i suoi prodotti di alta qualità. Il fondatore del marchio è stato Renzo Rivolta, ingegnere progettista di Dezio. L’azienda al momento della sua fondazione aveva un nome diverso, Isothermos, che alla fine degli anni Quaranta fu cambiato in Iso Autoveicoli. Moto, scooter e carrozze motorizzate a tre ruote, che si distinguevano per affidabilità, design originale e prezzo elevato, divennero il principale profilo di produzione. Per diversi anni, il marchio ha sviluppato e rilasciato un nuovo modello quasi ogni anno. Erano Furetto nel 1948, Isoscooter nel 1950, Isocarro nel 1951, Isomoto nel 1954, Isosport nel 1953 e Iso Diva. L’ultimo modello è stato l’Iso 500 rilasciato nel 1961.

La passione di Rivolta per l’araldica ha lasciato il segno nell’emblema del marchio. Per la sua forma è stato scelto uno scudo araldico con un contorno dorato. Strisce con i colori della bandiera italiana correvano verticalmente al centro dello scudo. In alto, le strisce erano sovrapposte al nome dell’azienda, scritto dallo stesso fondatore. Sotto l’iscrizione c’era un grifone araldico. L’emblema alludeva all’aristocrazia e agli elevati requisiti che tutti i prodotti dell’azienda soddisfacevano e informava anche sulla nazionalità del marchio e sulla sua tecnologia.

29. Lambretta

Lambretta Logo

Il marchio italiano Lambretta, fondato nel 1947, si è subito guadagnato il riconoscimento della parte più giovane degli appassionati di moto con i suoi scooter prodotti a Milano. Gli scooter Lambretta sono diventati un simbolo di giovinezza ed emancipazione per un’intera generazione. Le loro caratteristiche e dimensioni assicuravano facilità di movimento nelle strette vie delle città italiane. Il design originale, costantemente al passo con i tempi, divenne un’importante aggiunta allo stile giovanile caratteristico del periodo di rilascio di un particolare modello. Oggi la produzione del marchio si è spostata in Svizzera, dove la gamma è stata ampliata per la produzione di automobili, orologi e accessori di lusso, abbigliamento e profumi.

Il marchio si distingue per il suo logo moderno. Pienamente conforme ai requisiti di visualizzazione e di un nuovo approccio alla percezione delle immagini da parte della generazione moderna, l’emblema è solo il nome del marchio. Il carattere tipografico è stato progettato su misura dalla Chank Company di Minneapolis e chiamato Lambrettista. Progettato in un colore rosso brillante, ha fornito l’attrattiva visiva del logo. Il segno del marchio simboleggia la pienezza della vita, l’attività e l’energia, il dinamismo e la forza, la passione e la determinazione. Tutto questo è un tratto caratteristico dei prodotti offerti dal marchio, quelli la cui filosofia di vita è del tutto coerente con questi punti di vista.

30. Laverda

Laverda Logo

La storia del marchio motociclistico Laverda risale al 1873, quando Pietro Laverda creò un’impresa per la produzione di motori per esigenze agricole. Lo stabilimento produttivo denominato Laverda SpA si trovava nella frazione di Bregance. Dopo 45 anni, il nipote del fondatore, Pietro Francesco, ribattezzò l’azienda in Moto Laverda SAS – Dottore Francesco Laverda e fratelli, e iniziò a produrre mini-moto. Il primo modello è stato progettato nel 1947 come sviluppo di un garage non per la vendita di massa completa. L’inaspettato successo del modello fu la ragione del riorientamento del marchio e della preparazione per la produzione di massa già nel 1949. Quest’anno ha segnato l’inizio di una produzione stabile di piccole motociclette a bassa potenza, contraddistinte da alta qualità, affidabilità e durata. Un’importante distinzione di Moto Laverda era l’uso obbligatorio di soluzioni innovative in ogni nuovo modello. Nel 1952 le moto Laverda erano le preferite nelle competizioni. Nel 1985, la famiglia Laverda abbandonò l’ulteriore produzione di motociclette.

Da veri italiani, Laverda si è sforzata di dimostrare in tutto la propria identità nazionale. Ciò si rifletteva nella formazione del logo, che era abbastanza semplice. Era un cerchio diviso in tre settori, ognuno dei quali aveva uno dei colori della bandiera nazionale d’Italia, seguendo l’ordine della loro collocazione. Al centro, in campo bianco, è iscritto il nome del marchio in lettere minuscole. Il font è stato disegnato appositamente per il marchio e aveva la giusta pendenza tipica dei marchi di moto e auto. La semplicità e la concisione hanno assicurato il riconoscimento e la facilità di memorizzazione dell’emblema contemporaneamente.

31. Moto Guzzi

Moto Guzzi Logo

La casa motociclistica genovese Moto Guzzi è stata fondata nel 1921 dalla famiglia Parodi – Vittorio Emanuele e suo figlio Giorgio. A loro si è unito il pilota dell’Aeronautica Militare Italiana Carlo Gucci. Il marchio appartiene al gruppo delle più antiche case motociclistiche d’Europa. Il suo primo modello divenne subito il punto di riferimento e determinò l’intero ulteriore sviluppo del marchio. Nel 1928, l’azienda ha rilasciato un nuovo modello Moto Guzzi GT, per rendere popolare che Giuseppe Gucci ha viaggiato 4429 km sopra il Circolo Polare Artico. Questo modello è stato chiamato Norge. La fine della seconda guerra mondiale vede la luce l’Airone 250 del 1939, che apre una nuova ondata di linee Guzzi di successo. Ma nel 2000 il marchio non resiste alla concorrenza e viene assorbito da Aprilia, che a sua volta entra a far parte dell’azienda Piaggio nel 2004.

Con la creazione del loro logo, i fondatori hanno deciso di rendere omaggio al pilota Giovanni Ravelli, assistente di Giorgio Parodi, scomparso poco prima della creazione dell’azienda. In suo onore, sul logo è posta un’aquila svettante, come sullo stemma dell’Aeronautica Militare Italiana. Sotto questo simbolo c’è il marchio – Moto Guzzi. Testo in grassetto Casagrande Antifascista. L’emblema ha acquisito solennità e sobrietà con una certa grandezza di esecuzione. La composizione dell’aquila con il nome del marchio ha reso l’emblema particolarmente memorabile e rispettoso.

32. MV Agusta

MV Agusta Logo

La casa motociclistica italiana MV Agusta nasce da un’idea del conte Domenico Agusta, fondata il 19 gennaio 1945. La missione di questa divisione del produttore di aerei Agusta includeva lo sviluppo e la produzione di motori, biciclette e motocicli. La produzione era situata vicino a Milano a Cascina Costa. Nell’autunno del 1945 fu lanciata la prima motocicletta leggera, la Vespa 98 cc. Questo modello è entrato in produzione in serie con il nome MV 98, realizzato in 2 versioni. Seguendo questo modello, le varianti da corsa sono entrate nella serie. Nel 1952, lo stabilimento produceva moto e scooter di serie, tra cui una novità: un modello a quattro tempi in 2 versioni: 175 CST e 175 CSTL. È stato questo modello a diventare il prototipo della moto da corsa MV Agusta 175 CSS-5V di produzione. Negli anni ’60, gli appassionati di moto erano entusiasti della Checca. Alcune somiglianze nel design con altri produttori hanno iniziato a ridurre i volumi di vendita, il che ha portato a una completa riprogettazione dei modelli a metà degli anni ’70. Ma i proprietari dell’azienda non sono più interessati in questa direzione. Nel 1977, la produzione di moto è stata chiusa.

Nonostante le sue origini, il conte italiano non era molto appassionato di araldica, che si rifletteva nella formazione del logo. L’emblema dell’azienda rifletteva tutte le direzioni principali della sua attività. L’elemento principale era un ingranaggio color bronzo, su cui aleggiava un collegamento a tre denti a forma di corona con il marchio all’interno. La ruota dentata era ricoperta da ali blu stilizzate, un simbolo del profilo centrale dell’azienda. Sopra l’intera composizione, l’abbreviazione MV è stata posta in lettere bianche, allungate dal basso verso l’alto, a simboleggiare l’ascesa e lo sviluppo di successo del marchio.

33. Malaguti

Malaguti Logo

I prodotti dell’azienda italiana Malaguti SpA, fondata da Antonino Malaguti di San Lazzaro di Savena nel 1930, han no suscitato grande interesse tra gli appassionati di moto di tutto il mondo. La fondatrice era una donna. I prodotti principali sono le biciclette, che hanno subito conquistato il mercato per la loro qualità, elevate prestazioni tecniche, prezzo accessibile e design originale. Questa tendenza è proseguita con il riorientamento della produzione dopo la seconda guerra mondiale ai ciclomotori e nel 1958 alle motociclette. Una caratteristica importante era l’uso di piccoli motori. Nel 2011 la società ha presentato istanza di fallimento. Dopo 7 anni, il marchio è stato acquisito dall’austriaco KSR Group GmbH, che ha continuato la produzione di pezzi di ricambio per prodotti già rilasciati.

Come logo, il marchio ha scelto il nome testuale dell’azienda e un’immagine grafica della lettera “M” all’interno di un cerchio rosso. Questo badge ricorda la forma di un casco da motociclista con una visiera che forma il design grafico della lettera. Il testo del nome e il segno sono realizzati in rosso vivo: il colore della vittoria, del successo e del desiderio di andare solo avanti. Quest’ultimo è impreziosito dalla grafica del testo, il cui carattere ha delle grazie che vanno da destra a sinistra, come simbolo di vento contrario.

34. Minarelli

Minarelli Logo

La storia del marchio Minarelli, fondato da Vittorio Minarelli, inizia nel 1951 come costruttore di moto da corsa. Tuttavia, dopo 7 anni, il fondatore cambia il profilo dell’azienda, concentrando la produzione sulla produzione di soli motori per modelli di moto sportive. Nel 1967, l’azienda è stata rinominata e il marchio è stato cambiato in Motori Minarelli. Contemporaneamente apre un nuovo stabilimento a Calderara di Reno. A metà degli anni ’70, le centrali elettriche dell’azienda erano sulla maggior parte delle motociclette premiate. Una delle moto più famose è stata la Minarelli 50 GP del 1972. Nel 1990, la stretta collaborazione con Yamaha porta all’acquisizione di Minarelli da parte del Gruppo Yamaha. Nell’autunno del 2020, Fantic è diventato il proprietario del marchio.

Lo stemma Minarelli è stato rifinito in un attraente colore verde caldo. Grazie ad esso, il logo ha un effetto pacificante dimostrando contemporaneamente la presenza di un’enorme carica di energia. Il carattere per il nome del marchio è Hypersans Black disegnato da Aah Sì. I designer hanno proposto una variante di combinare la lettera “M” come lettera iniziale di entrambe le parole, mettendole una sotto l’altra. La designazione dei limiti superiore e inferiore con l’aiuto di una linea concentra visivamente il nome sul segno, separandolo da tutto ciò che è estraneo e superfluo. Allo stesso tempo, questo metodo di progettazione è una visualizzazione originale del movimento costante in linea retta nello sviluppo della produzione del marchio e della sua tecnologia.

35. Moto Morini

Moto Morini Logo

Il marchio motociclistico italiano Moto Morini è stato fondato da Alfonso Morini, residente a Bologna, nel 1937. La storia dell’azienda è complessa con molti cambiamenti cardinali, negli intervalli dei quali il marchio è riuscito a lasciare un segno significativo nell’industria motociclistica italiana. Nel 1987 l’azienda viene acquisita da Cagiva. Nel 1996 fa parte del Texas Pacific Group. Alla fine degli anni ’90 il marchio viene acquisito dal nipote di Morini, incorporando l’azienda nella sua Morini Franco Motori spa. L’ultimo modello dell’azienda è stato l’hypermotard Granferro del 2009. Dal 2010, il marchio ha annunciato una vendita all’azienda. Nel 2018, la proprietà è passata a Zhongneng Vehicle Group.

Il logo dell’azienda è un segno di diversi elementi posizionati uno sopra l’altro. Il primo è il marchio “motomorini” realizzato con il font Balgin Black Expanded da Studio Sun. Il titolo raffigura un’aquila araldica imperiale nel colore delle foglie appassite, in contrasto con elementi rossi. Sopra l’aquila ci sono due lettere maiuscole “M”. Le lettere sono impilate una sopra l’altra. Sotto il cartello c’è una scritta in caratteri piccoli – ITALIA DAL 1937.

36. Malanca

Malanca Logo

L’ingegnere italiano Mario Malanca ha avviato un’attività di minuteria per motociclette con il proprio nome. Nel 1956, è maturato nella propria produzione di motociclette e ha rilasciato il suo primo modello. Dopo aver conquistato il mercato interno, Malanca iniziò a concentrarsi sui mercati dell’Asia e dell’America. Nel 1980, il marchio è passato alla produzione di biciclette con potenti sistemi di propulsione. Tuttavia, il processo di sviluppo di nuove modifiche è stato ritardato. Nel 1986, incapace di resistere alla concorrenza, il marchio cessò di esistere.

Durante l’intero periodo di produzione, l’azienda è stata accompagnata da un emblema semplice e facile da ricordare, il prodotto di una soluzione di design di grande successo. Sullo sfondo delle tre strisce verticali della bandiera italiana, eseguite con la giusta pendenza, era incisa la scritta del marchio. Tutte le lettere erano maiuscole e realizzate con cornici sottili, che garantivano la chiarezza della visualizzazione. I colori del logo modellano la percezione dello spazio libero come luogo in cui l’azienda può realizzare idee creative, coerenza e prospettive illimitate. Il font SFPortabello Shaded di ShyFoundry è stato leggermente ridisegnato con una nuova forma attraente. Sotto la prima lettera del marchio c’era un’iscrizione in caratteri piccoli – made in Italy.

37. MAS

MAS Logo

Per 36 anni – dal 1920 al 1956, il mercato italiano ha offerto al consumatore i prodotti della sua azienda – Motocicli Alberico Seiling (MAS). Il suo fondatore, Seiling, era un designer e sviluppatore di motociclette. Per 2 anni, dal 20 al 22, ha sviluppato diversi modelli di moto contemporaneamente. L’azienda iniziò la produzione in serie nel 1922. Il suo OHV ha tenuto a lungo il palmo della sua categoria.

Il logo dell’azienda aveva un aspetto attraente e una visualizzazione memorabile. Era un nastro con un ovale al centro e riccioli come antichi rotoli intorno ai bordi. Tutto l’interno era rosso. Il rosso nelle sue sfumature più scure simboleggia potenza, forza, energia, velocità e sicurezza, in linea con l’idea e lo spirito del marchio. In combinazione con il bordo in bronzo del font, la composizione ha fornito una percezione associativa del marchio come impresa stabile e affidabile. Sul lato sinistro del nastro c’è la parola – MOTO e sulla destra – CICLI. Al centro dell’ovale – l’abbreviazione del marchio – MAS. Il nome della città in cui si trova il marchio – MILANO è scritto sotto l’abbreviazione in caratteri piccoli.

38. Maserati

Maserati Logo

Maserati è un marchio che non ha quasi bisogno di pubblicità ed è conosciuto per le sue auto di lusso in tutto il mondo. La sua divisione Fabbrica Candele Accumulatori Maserati SpA, che dal 1947 faceva parte della più grande azienda mondiale di Adolfo Orsi, era impegnata nella produzione di pezzi di ricambio per motocicli e ciclomotori. I primi modelli di moto ad uscire dalla fabbrica furono la Tipo 125 / T2 e la Tipo 160 / T4. Nel 1955 avvennero importanti cambiamenti nel design della linea di moto Maserati. Per il decennio successivo, l’azienda è stata impegnata con successo solo nella produzione di ciclomotori, la cui produzione è stata interrotta poco dopo.

La storia della creazione del logo Maserati è piuttosto interessante. Il suo elemento centrale è il tridente rosso di Nettuno. Questo simbolo è stato suggerito a Mario Maserati da un amico di famiglia del Marchese Diego de Sterlich. Il tridente è un’arma formidabile nelle mani di Nettuno, che si trova nella famosa fontana Piazza Maggiore a Bologna. Nettuno simboleggia forza ed energia. Come artista, Mario ha seguito il consiglio. Il logo è un tridente che trasmette la bellezza dei prodotti e delle idee di brand, forza, passione e alta classe.

39. Morbidelli

Morbidelli Logo

Il 1959 fu un anno significativo per la famiglia Morbidelli. È in quest’anno che Giancarlo Morbidelli di Pesaro crea un nuovo marchio italiano divenuto leggendario, prima nel campo della lavorazione del legno e poi nella produzione di autoveicoli. Originariamente un’azienda manifatturiera basata sul legno focalizzata sull’innovazione e su soluzioni di design ingegnose, Giancarlo ha trasferito tutto questo nel processo di produzione delle motociclette. Questo è diventato un segno distintivo del marchio. Di conseguenza, i prodotti dell’azienda sono stati in grado di garantire le vittorie dell’atleta italiano in 4 quattro campionati del mondo di motociclismo, lasciandosi alle spalle i leader illustri dell’epoca. La richiesta del marchio in ambito sportivo è aumentata a tal punto da aver offerto l’opportunità di conquistare numerose vittorie sui più famosi costruttori giapponesi. Nel 1987 avviene la fusione con il Gruppo Scm. La fusione ha ampliato significativamente le capacità di Morbidelli e aumentato la capacità dell’impresa.

Il logo aziendale è diventato un modello di semplicità e brevità. Significativamente in anticipo sui tempi, il logo ha acquisito un fascino speciale. Il nome del marchio in nero, con un piccolo accento apostrofo rosso acceso, ha reso lo stemma Morbidelli uno dei più memorabili. Una combinazione di colori forte e inquietante sottolinea i propri meriti in un tale tandem. Il colore rosso sembra una torcia nel buio. L’emblema ha fornito al marchio una dimostrazione spettacolare della propria passione, energia ed eleganza.

40. Moretti Motor Company

Moretti Motor Logo

Fondata all’inizio del 1925, l’italiana Moretti Motor Company si è concentrata sulla progettazione, lo sviluppo e la produzione di motocicli. Il fondatore, Giovanni Moretti, non solo ha realizzato i propri progetti, ma ha anche fornito servizi simili ad altri produttori di autoveicoli. Alla fine degli anni ’30, poco prima dello scoppio della seconda guerra mondiale, il marchio iniziò gradualmente a passare alla produzione automobilistica, che divenne la principale dopo la fine delle ostilità. Fino alla fine del 1989, l’azienda produceva auto sportive, microcar.

L’emblema Moretti Motor Company riflette l’interesse del fondatore per gli elementi araldici. Il logo è realizzato a forma di scudo araldico cittadino medievale con la sommità frastagliata, caratteristico delle mura della fortezza. L’accento del logo è una striscia blu situata in diagonale rispetto al campo interno dello scudo, che contiene il nome del marchio – Moretti Motor Company. La prima parola è scritta in rigoroso corsivo, che dà priorità alla sua percezione. Il resto del nome è posto sotto di esso in lettere minuscole. La posizione del nome simboleggia le prospettive di crescita dell’azienda. La combinazione di grigio argenteo con ricchi toni rossi e blu dell’elemento centrale fornisce impatto visivo e attrattiva della composizione.

41. Motobi

Motobi Logo

Da 22 anni il marchio Motobi è presente sul mercato motociclistico italiano. Il marchio è stato fondato da uno dei fratelli della famiglia Benelli, i proprietari dell’omonima azienda, Giuseppe Benelli. Ha formato una società nel 1948 denominata Moto “B”. La produzione della nuova azienda comprendeva piccole moto e scooter. Il 1953 è segnato dall’uscita dell’innovativa Spring Duration B200. Alla fine del 1955, due nuove modifiche del Catria furono rilasciate dalle scorte dello stabilimento, che presentavano molti vantaggi di design rispetto ai modelli precedenti. Il Catria ha portato a un forte calo della domanda per l’allora popolare Moto Aermacchi 175cc. Dopo la morte di Giuseppe Benelli, i suoi figli reclutarono il designer ed ex pilota Prima Zanzani, che stava ultimando il Catria, per gestire la produzione. Ogni versione successiva di questa linea di modelli si distingueva per un design colorato e originale, caratteristiche migliorate. Nel 1962 il marchio viene acquisito dall’azienda della famiglia Benelli, creando il Gruppo Benelli-Motobi. Nel 1977, il marchio Motobi è stato rimosso dal nome. Nel 2010 gli austriaci Michael Leeb Trading GmbH, in collaborazione con Demharter GmbH, hanno tentato di far rivivere il marchio.

Durante la sua esistenza, Motobi ha dotato le sue moto dello stemma originale. Essendo progettato in modo colorato, il logo era molto attraente. Ciò ha fornito un approccio professionale alla scelta dei colori del simbolismo. Marrone, rosso intenso, bianco e nero fornivano luminosità e un maggiore impatto visivo sullo spettatore. Il contenuto del logo era l’immagine centrale di una ruota stilizzata. La parte inferiore della forma è stata ritagliata nella circonferenza con il testo del marchio sovrapposto. Il nome della città in cui è stato fondato il marchio, Pesaro, è stato iscritto a lettere bianche lungo il cerchio nella parte superiore. Al centro c’era un segno tridimensionale del marchio “B”.

42. Paton

Paton Logo

Dopo la chiusura della produzione di biciclette sportive da parte di FB Mondial nel 1957, il capo meccanico e progettista dell’azienda si mise in proprio. Giuseppe Pattoni ha chiamato il nuovo marchio dopo di sé – Paton. Allo sviluppo dell’azienda ha preso parte anche un ex dipendente di FB Mondial, Lino Tonti. I fondatori hanno iniziato la loro attività con lo sviluppo del proprio modello sportivo, avendo ricevuto da Mondial Racing documenti di progettazione per modelli precedentemente non realizzati. Il primo modello uscì con il doppio nome Paton-Mondial. Nel 1962 apparve la motocicletta Paton BIC. La successiva modifica del BIC 500 è stata a lungo il leader di mercato. Giuseppe Pattoni muore nel 1999 lasciando l’azienda al figlio Roberto. Nel 2016 il marchio viene acquistato da Advanced Group srl.

Ogni modello dell’azienda era contrassegnato da uno stemma, alla cui realizzazione partecipò personalmente Giuseppe Pattoni. Il logo è una composizione della parola “MOTO” e 5 marce raffigurate sotto di essa, ognuna delle quali ha una lettera del nome del marchio e due bandiere dell’Italia all’inizio e alla fine del collegamento dell’ingranaggio. La parola superiore “MOTO” è in carattere tipografico Naaftera Black Italic di Graviton. Questa identità visiva lo rende facile da ricordare e crea una facile percezione del marchio come produttore di attrezzature sportive.

43. Piaggio

Piaggio Logo

Piaggio & C. SpA risale al 1884. Rinaldo Piaggio ha fondato quest’anno un’impresa industriale che produceva navi, aerei, attrezzature varie. Alla fine della seconda guerra mondiale, suo figlio, Enrico Piaggio, riorientò la produzione verso le moto leggere. Dal 1946, gli scooter Vespa sono diventati famosi. La morte di Enrico Piaggio nel 1965 determinò il trasferimento dell’azienda alla famiglia Agnelli, proprietaria della Fiat. Alla fine degli anni ’60 del secolo scorso l’azienda diventa proprietaria del marchio Gilera, che amplia l’offerta Piaggio con nuovi modelli. Le turbolenze finanziarie hanno portato al trasferimento del marchio di mano in mano dal 1999 al 2003, quando il nuovo proprietario Roberto Colaninno gli ha dato nuova vita.

Il logo Piaggio aveva un focus araldico tipico dei marchi italiani di fine Ottocento. Il simbolo principale dell’emblema era uno scudo rettangolare. La semplicità e la concisione dell’immagine hanno reso il logo particolarmente memorabile. L’interno dello scudo era diviso diagonalmente da due colori: blu brillante nella parte superiore e turchese nella parte inferiore. La lettera “P” è inscritta nello spazio della metà superiore. Lungo il bordo inferiore della seconda parte dello stemma è applicato il marchio – Piaggio. La purezza dei colori, l’assenza di sfumature luminose e variegate, fornivano all’emblema un aspetto aristocratico e una facilità di percezione visiva.

44. SWM

SWM Logo

SV.VM è una casa motociclistica italiana dal 1971. L’abbreviazione sta per Sironi Vergani Vimercate Milano, compresi i nomi dei fondatori Piero Sironi e Fausto Vergani di Milano. Oggi i prodotti dell’azienda sono rappresentati dalla famosa linea di modelli per prove osservate, enduro, motocross e fuoristrada. Il marchio ha avuto la sua seconda vita nel 2014, quando Apelio Machchi e Daxing Gong hanno unito le forze per rilanciare il marchio. Apelio Machchi è stato CTO per Cagiva, Aprilia, Husqvarna. Daxing Gong è il capo del gruppo Shineray.

Il logo SWM è semplice e conciso. Il segno è un’ellisse orizzontale. Al centro dell’ovale c’è un’iscrizione dell’abbreviazione del marchio – SWM. Carattere Contest MN di Mecanorma Collection. La combinazione di rosso e bianco sullo stemma aggiunge imponenza, simboleggiando la dedizione, la solidità e la realizzazione delle speranze del marchio.

45. Santamaria

Santamaria Logo

Il marchio motociclistico italiano Santamaria è stato fondato nel 1951 a Novi Ligure. Per 12 anni – prima della sua chiusura nel 1963, l’azienda ha rilasciato diverse linee di modelli di motociclette. Tra questi, i più famosi erano il Grand Sport del 1957, il Ciclomotore Minarelli 50cc Tigrotto del 1958 e il 50cc Sport Franco Morini del 1962. Alcuni dei modelli sviluppati dal marchio sono conosciuti con il marchio Zundapp. Ufficialmente, i prodotti dell’azienda sono entrati nei mercati di Portogallo, Paesi Bassi e Sudafrica.

Il logo Santamaria è a forma di ruota. La parte esterna è realizzata a forma di corona di alloro intrecciata. Il nome della città fondatrice Novi Ligure si trova lungo il campo del circolo nella parte bassa. Nella parte superiore, la direzione di produzione è MOTO. Il centro del segno al bordo della corona è occupato da un nastro, dove, ripetendo le pieghe del nastro, è applicato il marchio – Santamaria.

46. ​​​​Terra Modena

Terra Modena Logo

Terra Modena Mechatronic srl è l’azienda più giovane nella storia dell’industria motociclistica italiana. Fondata nel 2015 da Dario Calzavara nell’omonima città italiana di Modena. L’obiettivo principale del marchio era lo sviluppo di EIPS – sistemi di navigazione elettrici per la navigazione. Un ulteriore prodotto dell’azienda è stata la moto sportiva Terra Modena 198. La moto è stata sviluppata nel periodo 2005-2007 da HPE di Piero Ferrari. Nel campo della costruzione di ponti, il marchio non ha ancora aggiunto nuovi prodotti, ma questo modello ha continuato ad essere modificato, migliorandone le caratteristiche.

Il marchio ha scelto un cerchio nero su un campo grigio scuro come logo. L’emblema sembra essere un’immagine stilizzata di un pianeta nello spazio oscuro. Questo duo piuttosto cupo diluisce il colore giallo chiaro del nome dell’azienda. La parola Terra si trova nella parte superiore dello stemma al centro. La parola – Modena si trova in basso. Per le scritte è stato utilizzato il carattere Arial Nova Bold. I colori nero e giallo del logo plasmano la percezione del marchio come garanzia di affidabilità, sicurezza, stabilità e soluzioni innovative inaspettate.

47. Vespa

Vespa Logo

Vespa è in origine il nome del primo modello di scooter Piaggio del 1946. La grande richiesta del modello ha portato all’espansione della loro produzione e all’inizio della produzione in serie. Per sviluppare questa direzione, Piaggio ha creato una filiale denominata Vespa. Il grande interesse delle star di Hollywood ha portato a un aumento multiplo delle vendite di scooter. Nel 1952 nasce il Vespa Club, il numero dei soci nel mondo supera i 50.000. Le licenze di produzione Vespa sono state acquisite da aziende di tutto il mondo. La prosperità del marchio svanì verso il 1992. Nel 2003 Roberto Colaninno investe nella produzione di un’azienda sbiadita, invitando Rocco Sabelli a ridisegnare lo stabilimento. Ciò ha permesso di produrre scooter su una catena di montaggio di qualsiasi tipo.

Il logo Vespa era una replica del nome una volta disegnato da Enrico Piaggio, il proprietario della società combinata. Il testo è stato posizionato lungo una linea retta diretta dal basso verso l’alto. Il carattere manoscritto del nome ha fornito una dimostrazione dell’esclusività e dell’originalità dei prodotti dell’azienda. Allo stesso tempo, con l’aiuto di questa tecnologia di visualizzazione, il marchio ha enfatizzato l’affidabilità, ispirando fiducia da parte del consumatore. La disposizione diagonale del testo evoca associazioni con i vantaggi in termini di velocità del prodotto e la sua sicura rapidità.

48. Vyrus

Vyrus Logo

Il marchio motociclistico italiano Vyrus è caratterizzato non dalla produzione di massa dei suoi prodotti, ma da sviluppi esclusivi unici. Il marchio ha sede a Coriano. Fondata nel 1985 come società di progettazione di aggiornamenti per motocicli, l’azienda si è fusa con Bimota. La fusione ha permesso di realizzare singoli progetti indipendenti per i quali Massimo Tamburini era ricco di fantasia. Nei suoi sviluppi, l’azienda si concentra non solo sul miglioramento delle caratteristiche delle motociclette, ma sulla creazione di design esotici e individuali. Dal 2003, il marchio è entrato nel mercato europeo.

Come tutti i prodotti Vyrus, la sua identità visiva è basata sull’esotismo. Il nome del marchio nel logo è formato da un segno, realizzato nello stile delle antiche rune. L’elemento principale è la lettera dell’alfabeto greco Ѱ – psi, sotto la quale si trova il marchio. Il segno ha un profondo significato sacro. simboleggia le tre componenti principali della forza dell’anima: mente, sentimenti e volontà. Questa caratteristica riflette molto accuratamente i principi dell’attività dell’azienda: la creazione di prodotti unici ed esotici. Il contrasto della composizione fornisce una chiara percezione visiva. La combinazione di colori armonizza tutti gli elementi del logo, simboleggiando allo stesso tempo l’eleganza e la sessualità di ogni prodotto Vyrus.