Menu Chiudi

Marche di moto Indiane

Marche di moto Indiane

La popolarità delle motociclette in India può essere paragonata solo alla popolarità delle biciclette nei paesi scandinavi. Questo metodo di viaggio è utilizzato da quasi tutti i residenti del paese, indipendentemente dal loro livello sociale e reddito. Infatti, dal momento in cui sono apparse le prime biciclette al mondo con motore, gli indiani sono diventati subito i loro ammiratori. Oggi, l’India è il principale produttore di motociclette al mondo, dopo aver recentemente preso il comando dalla Cina. Ogni anno nel paese vengono prodotti più di 10 milioni di questo tipo di apparecchiature. La maggior parte di questi sono cloni di prodotti dei principali marchi mondiali. Tuttavia, questa abbondanza contiene anche vere perle di propria produzione indiana.

I tipi di veicoli a motore leggeri – scooter, ciclomotori – sono particolarmente richiesti nel paese. La costante domanda di due ruote a prezzi accessibili ha portato le potenti aziende indiane ad espandere sempre di più le loro offerte, acquistando marchi da produttori leader come Mahindra in tutto il mondo. Oggi Honda, Kawasaki, Royal Enfield con l’aggiunta del Made in India si trovano più spesso degli originali nei paesi del terzo mondo. Tuttavia, il marchio indiano Bajaj si comporta con successo allo stesso livello con marchi noti oggi, assolutamente non inferiori nei suoi parametri tecnici e nel design ai metri mondiali. Sono di alta qualità e affidabilità.

1. Bajaj

Bajaj Logo

Il fondatore dell’azienda che porta il suo nome fu Jamnalal Bajaj, che nel novembre 1949 come venditore e importatore di scooter di marche estere. Dopo 10 anni, ha acquisito il diritto di fabbricare la propria attrezzatura. Viene avviata la produzione di carrelli a motore con il proprio marchio. I risciò divennero molto popolari e negli anni ’70 del secolo scorso ne furono prodotti più di 100.000 con l’emblema del marchio Bajaj. Nel 1995, il numero di questo tipo di apparecchiature ha superato diversi milioni. Il successo contribuì all’espansione della produzione, che firmò un contratto con Kawasaki nel 1986. Da quel momento in poi, i prodotti iniziarono a essere sotto il marchio Bajaj-Kawasaki e le fabbriche Bajaj iniziarono a creare motociclette giapponesi su licenza. Oggi Bajaj è il sesto produttore di motociclette al mondo.

Il logo del marchio ha un unico colore dell’emblema: blu persiano medio. È il simbolo accettato del dio Krishna in India. Il blu simboleggia la forza, la mascolinità, la garanzia della vittoria e la disponibilità universale. L’elemento principale dello stemma è il segno stilizzato di un uccello in volo. Sotto c’è un’iscrizione: il nome del marchio, eseguito in un carattere, il cui sviluppo ha tenuto conto dei requisiti moderni per la visualizzazione e la facilità di percezione delle immagini. La semplicità e la concisione dell’emblema è la chiave per la facilità della sua memorabilità e riconoscibilità.

2. Mahindra

Mahindra Logo

Il 2 ottobre 1945 è il compleanno del Gruppo Mahindra. Attualmente è la più grande società indiana del mondo con sede a Mumbai. I fondatori dell’azienda sono Malik Ghulam Muhammad e i fratelli Jagdish Chandra Mahindra, Kailash Chandra Mahindra. Copre una vasta area dell’ingegneria meccanica: la produzione di automobili, macchine agricole e motocicli. Oggi Mahindra & Mahindra possiede il marchio francese Peugeot Motorcycles, il marchio ceco Jawa e BSA.

Il logo del marchio è conosciuto in tutto il mondo. Un’ellisse rossa separata da tre strisce in basso. Le due strisce esterne sono chiuse ai bordi della figura, con i loro vertici appoggiati sul bordo superiore dell’ellisse. La terza linea separa queste due linee senza toccarle. La sua parte superiore poggia anche contro il bordo superiore dell’ellisse. Tutte e tre le linee sono inclinate a destra, dando al segnale una sensazione visiva di rigonfiamento. Il colore rosso è importante per gli indù. Simboleggia la purezza, l’energia del movimento e della vita. Sotto il segno c’è il testo del marchio – Mahindra, eseguito in caratteri latini usando un carattere maiuscolo, la cui prima lettera è più grande, come una lettera maiuscola. Il carattere è realizzato in bianco e nero. A seconda della posizione dell’emblema, si trova in grigio, bianco e nero.

3. Hero

Hero Logo

Fondato da Brijmohan Lall Munjal nel 1983 nel 1984, il marchio era noto fino a poco tempo fa con il nome di Hero Honda, che nel 2006 si è classificato al 108esimo posto tra le 200 migliori aziende di Forbes al mondo. Nel 2011, la relazione con la Honda si è conclusa e gli indiani sono stati ribattezzati Hero Motocorp Ltd. Già nel 2014, Hero ha dato un contributo alla società americana Erik Buell Racing, diventando un partecipante al capitale della società. Questa mossa ha aumentato la possibilità di vendere i suoi prodotti negli Stati Uniti. I prodotti Hero Motocorp di oggi rappresentano quasi la metà delle moto vendute nel mercato indiano. Le macchine dell’azienda si distinguono per i loro piccoli volumi – fino a 200 cm3. Le moto sono molto richieste in Asia e nei Caraibi.

Con il suo logo, il marchio ha scelto una forma semplice e concisa: un’esecuzione grafica del testo del nome, utilizzata con un segno stilizzato della prima lettera del nome. Il segno è realizzato sotto forma di due rettangoli sul lato corto a una certa distanza l’uno dall’altro ad angolo rispetto allo spettatore. La traversa simboleggia un’ampia interruzione diagonale in bianco del secondo rettangolo, realizzato in nero, che è un simbolo di protezione dal fallimento nel simbolismo indiano. Il primo rettangolo, come un carattere, ha un colore rosso, un simbolo di movimento e forza d’animo.

4. TVS

TVS Logo

Come produttore di motociclette, il marchio indiano TVS è noto dal 1978, quando il nipote del fondatore del marchio TV Sundaram Iyengar di Chennai ha aperto una fabbrica di moto a Hosure. Il marchio ha iniziato la sua ascesa nel 1911, quando il fondatore della società T. V. Sundaram Ayengar ha aperto il primo servizio di autobus a Madurai, ampliando ulteriormente il trasporto di autobus e merci, creando in quel momento una grande flotta di tecnologia moderna. Oggi il gruppo TVS è una multinazionale con una divisione motociclistica – TVS Motor Company Limited. È la terza più grande azienda indiana negli elenchi complessivi dei produttori di motociclette nel paese.

L’emblema dell’azienda è realizzato in due colori: rosso e blu, particolarmente importanti per ogni indiano. Il rosso è il colore del movimento e una potente carica di energia. Blu: forza, mascolinità, una lotta costante per il meglio, allo stesso tempo – disponibilità. L’immagine include due elementi: l’abbreviazione del marchio TVS in blu con un’inclinazione a destra che simboleggia il movimento in avanti e un’immagine stilizzata di un cavallo al momento del suo volo dopo aver saltato un ostacolo, eseguito in rosso.

5. Royal Enfield

Royal Enfield Logo

Uno dei più antichi marchi motociclistici britannici, Royal Enfield, fondato nel 1901, non è sopravvissuto alla crisi degli anni 50-60 del secolo scorso. È stata acquistata dalla società indiana Madras Motors, Chennai, che continua oggi la storia del marchio, ma in un design e prestazioni differenti. Il nuovo proprietario ha prodotto 846.000 biciclette entro il 2018, dimostrando la sua forza e il suo successo. Per questo Madras Motors ha mantenuto intatto il logo storico del marchio.

L’uso del rosso e dell’arancione nel logo corrispondeva pienamente allo spirito dell’azienda indiana e degli stessi indiani, per i quali questi colori hanno un importante significato sacro. Il rosso conferma l’energia e la potenza che caratterizzano i prodotti dell’azienda. L’arancione è il preferito in India, che è sacro, promette prosperità, successo, simboleggia il fuoco. Tutti gli elementi dell’emblema – il segno e il testo Royal Enfield, eseguiti nel carattere originale, le cui curve ricordano le curve dei binari, sono realizzati in rosso con bordi arancioni. Il segno è un cerchio in cui è inscritta una figura equilatera esagonale con i vertici arrotondati. Fatto in arancione. La figura di accento del logo è la prima lettera del marchio “R”, che è racchiusa su entrambi i lati da ali spiegate, che simboleggiano il volo e la velocità.

6. API

API Logo

Fondato nel 1949 a Bombay (oggi Mumbai) e denominato Automobile Products of India (API), il marchio era focalizzato sulla produzione di tricicli e pedicab. È meglio conosciuto come produttore di scooter leggeri con il marchio Lambretta e le tradizionali biciclette a tre ruote dell’API. Questi ultimi sono stati prodotti su licenza acquisita dai produttori italiani Innocenti. Ma i prodotti principali dell’azienda sono rimasti i tradizionali sistemi ausiliari prodotti per l’industria automobilistica: freni e frizioni. Nel 2002, la società ha annunciato la sua chiusura.

L’emblema dell’azienda non si distingueva per uno speciale approccio creativo alla sua elaborazione. Era semplice e conciso: la grafica del testo dell’abbreviazione della società API in un elemento che ricordava il vetro protettivo dei risciò o degli scooter. Un carattere semplice senza elementi inutili in bianco e nero. Questo lo rendeva facile da ricordare.

7. Escorts Group

Escorts Group Logo

Uno dei rappresentanti dell’industria motociclistica indiana era Escorts Group. Nella storia di questo conglomerato, focalizzato sulla produzione di macchine agricole e ingegneria automobilistica, c’è stato un periodo quarantennale di partecipazione alla produzione di autoveicoli. Dagli anni ’60 ai primi anni 2000, aveva una divisione che produceva motociclette Rajdoot. I prodotti principali sono stati licenziati polacco SHL M11 175 cm3. Nel 1984, l’azienda ha prodotto una gamma di motociclette Yamaha, la prima delle quali è stata la RX 100. Ma nel 2005, l’ufficio principale ha deciso di chiudere questa direzione.

Le motociclette del marchio oggi si riconoscono dal logo originale, realizzato a forma di dado, con al centro un lato destro incompiuto. La sua piccola sporgenza interna verso il centro dal centro del lato sinistro formava una lettera latina stilizzata “E” – la prima nel nome del marchio. Allo stesso tempo, quando guardi il segno sotto un certo, puoi vedere il simbolo della chiave a tempo indeterminato formato dai contorni dell’elemento. Il segno è fatto in rosso, che è significativo per gli indù. Sotto c’è il testo – il nome del marchio “Escorts”, creato in nero in minuscolo. L’uso di questi due colori nel logo ha comunicato al consumatore indiano le peculiarità della visualizzazione dell’azienda: forza e potenza, movimento verso la vittoria con protezione garantita contro il fallimento.