Menu Chiudi

Marche di moto Giapponesi

Marche di moto Giapponesi

L’industria motociclistica giapponese oggi è il leader mondiale nella produzione di motociclette. In questo paese, quasi tutti i cittadini hanno una tecnica simile, indipendentemente dal sesso e dall’età. Ma non è stato sempre così. Nel periodo prebellico la produzione di motociclette era di sole 1350 unità all’anno nel 1930 e 3000 nel 1940. L’alto prezzo dei prodotti li rendeva alla portata solo dei ricchi. Ma, fondamentalmente, la tecnica in quegli anni era rappresentata da copie di marchi britannici e tedeschi, inferiori per qualità e caratteristiche agli originali. La produzione di moto è rimasta bassa fino al 1960, quando il numero di moto prodotte ha superato il milione.

Lo sviluppo di questo tipo di industria in Giappone dall’inizio degli anni Sessanta procedette ad un ritmo accelerato. In un momento in cui l’Europa stava lottando per la sopravvivenza dei suoi marchi, i giapponesi hanno migliorato la tecnologia e aumentato la produzione. Oggi la tecnologia giapponese è leader del mercato mondiale. Tutti gli atleti cercano di acquisire i suoi marchi, poiché la moto giapponese è diventata una garanzia di vittoria in qualsiasi competizione. Honda, Suzuki, Kawasaki, Yamaha non sono tutti i marchi leader in questo paese e nel mondo. Ed è quasi impossibile individuarne uno tra di loro, definendolo il migliore.

1. Yamaha

Yamaha Logo

L’anno della sua fondazione è considerato 1955. È stato il 1 maggio di quest’anno che il marchio si è dichiarato come un’unità indipendente. Fino a quel momento, Yamaha Motor faceva parte del gigante Nippon Gakki, il cui nome del fondatore è stato dato come il nome del futuro leader dell’industria motociclistica mondiale. Situato a Iwata, Shizuoka. Oggi i suoi proprietari sono Yamaha Corporation e Toyota e la produzione comprende non solo motociclette, ma anche motori per varie attrezzature, strumenti musicali. La società ha filiali Minarelli, MBK.

Il logo dell’azienda, come quasi tutti i marchi motociclistici giapponesi, è conosciuto in tutto il mondo. Il design utilizza il tradizionale aka rosso, molto popolare in Giappone. Sin dai tempi antichi, si credeva che spaventasse le forze del male e scongiurasse il fallimento. L’emblema è costituito da un cartello con tre diapason incrociati, a simboleggiare una forte connessione tra i tre pilastri dell’ideologia dell’azienda, ovvero tecnologia, produzione e vendita. Solo i diapason Yamaha Motor si estendono oltre il simbolo del cerchio. Il secondo elemento di accento, oltre al segno, è il marchio in lettere latine, che è il nome del fondatore dell’azienda.

2. Honda

Honda Logo

Qualità, design, velocità ed economia sono tutti molto apprezzati dagli appassionati di moto e dai professionisti della Honda giapponese. Fondata nel 1937 da Soichiro Honda, la Tokai Seiki Heavy Industry produceva fasce elastiche su disegno del proprietario. Le ostilità durante la seconda guerra mondiale distrussero completamente gli impianti di produzione. Soichiro Honda fu costretto a vendere ciò che restava della Toyota investendo nell’Honda Technical Research Institute. La società cambiò nome nel 1948, diventando la Honda Motor Company, che produceva motociclette, rendendo disponibile la Honda Model A alla maggior parte dei giapponesi.

Il prototipo dell’ormai famoso logo di moto e scooter è stato applicato nel 1973. E già nel 1988, dopo alcune modifiche, le motociclette del marchio sono diventate i proprietari di quest’ultima opzione. L’emblema dell’ala spiegata – un simbolo di volo, leggerezza e libertà con l’iscrizione sotto di esso il marchio è stato finalizzato per il 40 ° anniversario dell’azienda. L’ala è stata semplificata e “portata” alle moderne esigenze di visualizzazione. Colore rosso, noto anche come è stato applicato in modo uniforme senza transizioni e mezzitoni su tutti gli elementi dell’emblema. Oggi, il logo viene spesso utilizzato in combinazione con il nuovo motto: The Power of Dreams.

3. Suzuki

Suzuki Logo

Uno dei più antichi marchi giapponesi, Suzuki, noto oggi come uno dei principali marchi motociclistici, è stato fondato nell’ottobre 1909. Il suo fondatore Michio Suzuki ha fondato la Suzuki Loom Company, un produttore di telai di successo ad Hamamatsu, Shizuoka. Nel 1952, l’azienda produce una bicicletta con un piccolo motore per la comodità dei suoi dipendenti che si recano al lavoro. Per l’ulteriore sviluppo di questa direzione, è stato stanziato un sussidio dal governo del Giappone. Entro 2 anni, la produzione produceva più di 6.000 pezzi al mese. Da quel momento in poi, l’azienda cambiò nome in Suzuki Motor Co.

Lo stemma dell’azienda, che esiste immutato da oltre 60 anni, include due colori principali venerati nella cultura giapponese: il rosso, alias, che è riempito con la prima lettera stilizzata del marchio “S”, che simboleggia passione, integrità e aderenza alla tradizione , e blu – ao denota perfezione, grandezza e accessibilità universale. Porta il nome del marchio situato a destra del segno. Il logo è semplice, facile da ricordare e laconico. Sulle moto lo stemma è in argento metallizzato.

4. Kawasaki

Kawasaki Logo

Shōzō Kawasaki è il fondatore dell’omonimo marchio di motociclette. Il cantiere Kawasaki Tsukiji, da lui creato nel 1887, divenne un modello per l’applicazione delle più moderne tecnologie per la produzione di navi, da lui adottate dai costruttori navali europei. Ciò ha portato al cambio di nome in Kawasaki Dockyard Co e allo sviluppo delle allora fantastiche unità subacquee. L’azienda si distingueva per l’applicazione di idee innovative, che si rifletteva nella sua produzione: nel 1906 – il primo sottomarino; nel 1922 – il primo aereo. E nel 1963 fu già fondata la Kawasaki Motorcycle Corporation, che acquistò il produttore di motociclette Meguro, garantendo la creazione di una nuova e promettente produzione di motociclette Kawasaki. Oggi l’ufficio della Kawasaki Heavy Industries più grande del mondo si trova a Tokyo.

Il logo dell’azienda ha subito le ultime modifiche nel 2014, quando alla tradizionale rappresentazione grafica del marchio è stato aggiunto un badge. È stato utilizzato per la prima volta sulla nuova Kawasaki Ninja H2. Presenta un emblema realizzato nel tradizionale colore verde lime con un simbolo stilizzato K in alto, gambe arrotondate e un testo sotto – il nome del marchio. Il segno ha due significati – come abbreviazione del nome, così come segno “fiume”, che simboleggia l’adesione alle tradizioni originate dalla storia originale del marchio.

5. Tohatsu

Tohatsu Logo

La storia ufficiale del marchio “multiuso” Tohatsu risale al 1932, quando l’azienda fu la prima in Giappone a sviluppare e assemblare motori a combustione interna. Nel 1950 il marchio aggiunse alla sua produzione il tema motociclistico e lo sviluppò fino alla metà degli anni ’60 del secolo scorso. Riuscì ad ottenere il titolo di uno dei maggiori produttori di moto giapponesi negli anni ’50, l’azienda ridusse gradualmente la propria produzione verso la metà degli anni ’60, chiudendo completamente questo argomento, continuando a produrre solo motori fuoribordo per barche, motori per pompe, ecc. .

Il logo presente sulle motociclette dell’azienda era un cerchio grigio acciaio sfumato con un simbolo stilizzato a “T” al centro. Con la sua parte superiore, attraversava il cerchio e con la sua parte inferiore a forma di freccia, si appoggiava al suo bordo esterno. La lettera assomiglia più alla “V” latina con le estremità sinistra e destra rese più spesse rispetto al resto delle sue parti. Per la selezione è stato utilizzato il nero, che ha assicurato la visibilità dell’accento sullo sfondo del cerchio. Sotto il segno c’era il testo nel tipo Arial Nova Bold, ma un po’ ristretto. Il carattere è nero, rendendo il segno una figura di accento.

6. Rikuo

Rikuo Logo

Nella storia della produzione motociclistica mondiale e giapponese, c’è un marchio il cui modello ha ricevuto il soprannome di “Harley giapponese”. Costruito sulle scorte del marchio giapponese Rikuo Internal Combustion, che all’epoca era un distributore Harley-Davidson. Dal 1922 fino quasi all’inizio della seconda guerra mondiale, l’American HD esportò le sue motociclette in Giappone, con l’aiuto di questa azienda, concesse loro la licenza per assemblare le loro motociclette da parti locali. All’inizio degli anni Trenta del secolo scorso, Rikuo operò con il marchio Harley, e poi come Rikuo fino al 1958. L’azienda aveva la sua base nella capitale del Giappone e di fatto assicurò la nascita dell’industria motociclistica giapponese.

Il logo del marchio è stato sviluppato nell’immediato dopoguerra. Dopo aver cessato di rappresentarsi come rappresentante di Harley-Davidson, pur continuando a utilizzare i design dei modelli di quest’ultimo, l’azienda ha prodotto modelli che avevano un emblema con un’immagine grafica del marchio. Sui primi modelli, era un’insegna in metallo con un rivestimento protettivo e negli anni ’50 era già presentata in lettere rosse volumetriche con un substrato dorato che scorreva attorno al testo. Il testo è stato eseguito sotto forma di una firma in lettere latine, in modo ampio e con una pendenza “rapida”, che simboleggia il movimento e lo sforzo in avanti.

7. Miyata

Miyata Logo

Le motociclette con il logo Miyata sono poco familiari ai fan di questo tipo di tecnologia. Il marchio è meglio conosciuto come produttore di biciclette dal 1890 e la sua produzione vintage esiste ancora oggi. Tuttavia, è stato Miyata a essere all’origine della formazione dell’industria motociclistica in Giappone, rilasciando diversi modelli sul mercato interno con il nome di Asahi. Era l’Asahi AA che era la motocicletta di produzione che è apparsa per la prima volta in Giappone come veicolo disponibile al pubblico in generale. L’azienda ha aperto la strada a una nuova direzione in questo settore: lo sviluppo e la produzione di serie dello stesso modello con le sue successive modifiche. Tuttavia, questa direzione non esisteva da molto tempo sotto questo marchio.

Il suo logo, come la maggior parte dei marchi giapponesi, è stato eseguito in rosso, ovvero, a simboleggiare un’adesione storica alle tradizioni nazionali e la passione per il raggiungimento degli obiettivi. Consisteva in un segno – un ingranaggio, il cui spazio interno era occupato da una lettera minuscola “M” – il primo del nome del marchio. Successivamente, allineato all’altezza del segno, c’era il testo: il marchio “miyata”, realizzato in caratteri latini spessi, in lettere maiuscole con la giusta inclinazione, che in tali varianti simboleggia il movimento costante.

8. Meguro

Meguro Logo

Hobuji Murato ha co-fondato la Meguro Manufacturing Co nel 1937 con Takaji Suzuki. Grazie alla posizione di alto livello di Suzuki, l’azienda è stata in grado di ottenere ordini governativi e della difesa per la produzione di motociclette speciali. Il marchio ha equipaggiato la polizia giapponese, ha creato modelli per scopi militari. Sono state le motociclette Meguro le principali concorrenti della Honda nella prima gara di corse. Ma la cessazione degli ordini governativi e il passaggio alla produzione di motociclette leggere portarono l’azienda al fallimento. Il marchio è stato acquisito da Kawasaki Heavy Industries Ltd. In futuro, il nuovo proprietario ha continuato a rilasciare le sue motociclette con il vecchio nome, ma presto ha chiuso la produzione. Oggi, 60 anni dopo, Kawasaki sta tentando di farla rivivere.

L’emblema del marchio si distingueva per l’originalità e la presenza di una composizione satura di elementi. Era l’immagine di un piedistallo su cui erano posizionate le lettere “M” – la prima lettera del nome del marchio, in piedi su un lato con un’immagine speculare della sua presa. Erano separati da una linea verticale e dipinti in bronzo. Le lettere erano voluminose. Il lato di loro aveva un riempimento in due colori: azzurro e la sua profonda tonalità scura. Sinistra e destra, dai punti più bassi, erano coperte da due ali bianche aperte, dirette all’indietro, formando una percezione visiva del volo. Sotto il segno sulla faccia del piedistallo, il nome del marchio era inciso su uno sfondo azzurro in colore marrone.

9. Marusho

Marusho Logo

Marusho è un marchio motociclistico giapponese fondato nel dopoguerra nel 1948 da Masashi Ito ad Hamamatsu. Il marchio è durato fino al 1967, creando uno dei migliori modelli dell’industria motociclistica giapponese, la Marusho Lilac ML nel 1950, che è inclusa nell’elenco dei 240 rappresentanti dei migliori prodotti per auto e moto in Giappone. Come miglior allievo di Honda Sōichirō, fondatore di Honda Motor Co., Ltd., Masashi Ito ha applicato le sue conoscenze allo sviluppo di una motocicletta a trasmissione unica che ha portato alla creazione di Lilac, il vincitore dell’Asama Volcano Race. Lo stesso fondatore del marchio è morto nel 2005. Aveva 92 anni.

L’emblema dell’azienda è stato utilizzato in vari modelli. Il segno principale sono due cerchi di diverse dimensioni inscritti l’uno nell’altro con la lettera “M” inscritta nel loro spazio interno riempito di nero. Anche il bordo esterno del cerchio più grande è stato evidenziato in nero. La distanza tra il cerchio esterno e quello interno, così come la lettera “M”, che aveva una pendenza corretta, erano riempite di colore marrone chiaro. Il testo è stato scritto in nero in campo marrone tra i cerchi. Sopra c’è il nome del marchio. In fondo – Made in Japan.

10. Hodaka

Hodaka Logo

La società giapponese Hodaka, che ha prodotto motociclette dal 1964 al 1978, era una joint venture giapponese-americana. Fino a quel momento, era impegnata nella produzione di sistemi di propulsione per i modelli Yamaguchi. Il suo distributore, PABATCO Pacific Basin Trading Company, aveva sede ad Athens, Oregon, USA. Era questa azienda che era responsabile del design e del design del telaio, mentre Hodaka era responsabile dei motori, della produzione e della tecnologia di assemblaggio. La scelta del nome del marchio è stata influenzata dal fattore geografico: il nome della montagna vicina. La joint venture Hodaka / PABATCO è entrata nel mercato statunitense e ha scatenato la mania delle bici da trail. Nel 1978 Hodaka fu chiusa.

Il logo dell’azienda è abbastanza semplice ed è una combinazione di tre colori: rosso tradizionale, bianco e rigorosamente nero. Consiste di diversi cerchi inscritti l’uno nell’altro, il più esterno dei quali ha un cerchio nero e un campo fino al secondo cerchio più piccolo riempito di rosso. Lungo il cerchio di questo campo è scritto in bianco il nome del marchio, in alto, e la parola “motociclette” in basso. Il cerchio rosso è seguito da un bordo bianco che lo separa dal cerchio nero più piccolo centrale. Contiene una figura a forma di triangolo isoscele bianco, che simboleggia l’accumulo e la realizzazione di forza e potere. La prima lettera del marchio “H” è anche inscritta in bianco. La combinazione di bianco e nero è un simbolo di eleganza e aristocrazia, crea l’accento richiesto e la facilità di memorizzazione visiva.