Menu Chiudi

Marche di moto Francesi

Marche di moto Francesi

L’industria motociclistica francese ha una lunga storia. Come l’industria motociclistica britannica, è emersa direttamente dai negozi di biciclette così popolari tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo. Ma a differenza di tutti i paesi che oggi hanno adottato la palma della leadership dalla Francia in questa direzione, è stato qui nel 1868 che Louis-Guillaume Perrault ha inventato la prima motocicletta al mondo. Piuttosto, “ciclo a vapore”, come una volta stanco di pedalare Perrault prese e adattò un piccolo motore a vapore alla sua bicicletta. Così, si è assicurato l’opportunità di guidare 15 km da e per il lavoro senza troppi sforzi. Di conseguenza, la Francia ha superato di un decennio tutti i marchi globali nello sviluppo dell’industria motociclistica già all’inizio del XX secolo, esportando le sue auto in tutti i paesi del mondo, incluso il Giappone.

La metà del XX secolo è diventata una crisi per l’industria motociclistica in tutto il mondo, influenzando questa direzione in Francia. La diminuzione dei prezzi delle auto, l’inizio della loro ampia produzione in serie ha portato alla disponibilità di un tipo di trasporto più confortevole. La crisi ha portato alla chiusura di tutti i marchi motociclistici francesi che non potevano resistere a una concorrenza così potente. Solo Motobécane e Peugeot hanno cercato di restare a galla. Negli anni ’70, però, Motobécane si ritirò dalla corsa, lasciando il mercato aperto alla Peugeot. Negli ultimi anni ci sono stati tentativi di rilanciare questa direzione da tre nuove aziende, ma non sono riuscite a cogliere la fortuna di Peugeot.

1. Peugeot

Peugeot Logo

Francia – 1898. A Mandeure, il fondatore dell’azienda intitolata ad Armand Peugeot inizia la produzione di motociclette. Gli scooter compaiono nell’assortimento e i componenti necessari per la riparazione degli autoveicoli, venduti in tutto il mondo. Tuttavia, sono stati gli scooter a iniziare a portare grandi profitti, che hanno portato a un arresto della produzione di motociclette fino al 2010, quando la Peugeot P2x Roadster e la P2x Cafe Racer sono uscite dalle scorte dello stabilimento. Ma nel 2019, i proprietari hanno deciso di vendere il marchio alla società indiana Mahindra, che produce scooter e tricicli nei suoi siti in Francia e Cina.

Il marchio dell’azienda: il leone è noto non solo alle auto e agli automobilisti. La sua popolarità è stata promossa dal film cult “Taxi” di Luc Besson. Negli anni di esistenza del marchio, il suo logo è cambiato, mantenendo costantemente il suo concetto. Lion fil – il logo che rappresenta il leone ruggente araldico, in piedi sulle zampe posteriori e caratterizzato dalla raffinatezza e dalla raffinatezza del suo design, è rimasto con le motociclette prodotte da Peugeot fino al momento in cui il marchio è stato venduto. Consisteva in una combinazione di diversi colori: argento, blu e nero, ognuno dei quali portava una propria componente emotiva e un significato speciale. Il colore argento simboleggiava innovazione e tradizione con molti anni di esperienza. Black ha dimostrato la sua severità e autorità.

2. MBK

MBK Logo

Una delle principali aziende motociclistiche francesi, MBK, è una propaggine del più antico produttore di biciclette francese, Motobecane. I suoi fondatori furono Charles Benoit e Abel Bardin. L’azienda ha introdotto per la prima volta un’unità a due ruote dotata di un sistema di propulsione con il marchio nel 1923. Entro 7 anni, l’azienda ha ricevuto lo status di più grande rappresentante dell’industria motociclistica francese, entrando nell’elenco dei leader mondiali in questo campo fino agli anni Cinquanta del secolo scorso. Nell’anno della crisi del 1981, l’azienda fallisce e dopo 3 anni viene acquisita dalla società motociclistica giapponese Yamaha. Allo stesso tempo, il nome del marchio è stato abbreviato in un’abbreviazione: MBK.

Il nome dell’azienda è una combinazione di due parole per moto e bici. Il nuovo proprietario ha cambiato il logo in tre lettere, che è ancora in uso oggi. Visivamente, il segno rappresenta queste tre lettere dell’abbreviazione, eseguite in lettere minuscole blu brillante in un carattere simile nel tipo a Shapiro Base Plus. È completato da un segno a forma di cerchio inclinato da un lato, che simboleggia una ruota e due emisferi inclinati dall’altro lato, che crea una percezione visiva del segno come simbolo del moto perpetuo di un atomo, rappresentato schematicamente .

3. Voxan

Voxan Logo

Un giovane marchio francese, Voxan, si è annunciato nel 1995. Il suo fondatore, Jacques Gardette di Issoire, ha voluto dare vita alla sua idea di una moto originale, un design unico con un motore a V a due cilindri, in questo modo. Sodemo Moteurs era responsabile del motore e Alain Chevalier era responsabile del telaio. L’obiettivo principale dell’azienda era il passaggio ai motori elettrici. Nel 2009 il marchio viene ceduto alla Venturi di Monaco, di proprietà di Gildo Pallanca. Venturi Automobiles continua a sviluppare le motociclette Voxan nella stessa direzione con il lancio della prima motocicletta elettrica Wattman nel 2013.

Il marchio si distingue non solo per il design e il tipo di motore. Il suo logo è originale anche nell’esecuzione e ha una spettacolare resa visiva. Si basa sul nome stesso del marchio: Voxan, eseguito in lettere minuscole, in cui l’elemento di accento è realizzato in faggio “X”. Questo simbolo è realizzato collegando la lettera “O” e “N”, formando contemporaneamente la traversa “A”, aumentando l’impatto. Allo stesso tempo, il colore “iridescente” in un design sfumato da “indaco mortale” attraverso sfumature mutevoli di grigio-blu, pervinca, lavanda e ancora grigio-blu e indaco fornisce un forte impatto visivo. Come base, è stata presa come base Agilita Std Heavy, che ha subito l’elaborazione del design.

4. Rene Gillet

Rene Gillet Logo

Il famoso produttore di motociclette francese, Rene Gillet, ha prodotto motociclette dal 1897 al 1957. La sua produzione era inizialmente situata a Parigi. Poi nel sobborgo della fabbrica – Montrouge, sulle rive della Senna. Il primo “cavallo” a due ruote fu rilasciato nel 1902 e nel 1904 il proprietario registrò il suo primo brevetto. Il successo arrivò negli anni Venti del secolo scorso, grazie agli ordini del governo. Ma gli anni della guerra portarono la produzione a un declino. La mancanza di nuovi sviluppi ha drasticamente ridotto le vendite. Nel 1955 l’azienda viene acquistata dalla Peugeot, chiudendola completamente dopo 5 anni.

Lo stile francese dell’epoca influenzò la formazione degli emblemi del marchio. Il testo è stato eseguito secondo la leggerezza e la delicatezza del disegno dei manifesti del vaudeville e dei manifesti del Moulin Rouge. Il carattere chiaro e fiorito, eseguito in colore rosso intenso, corrispondeva alla leggerezza e alla vistosità del design delle moto stesse, che attraeva gli amatori ancor più delle caratteristiche. Le due parole del marchio sono state posizionate a gradini uno sotto l’altro. Erano uniti da un arco che andava dolcemente come una continuazione della gamba della lettera “t” verso l’alto, attorno all’intero testo, terminando prima di raggiungere l’inizio della prima lettera della seconda parola. L’arco è stato realizzato con spessori variabili. È cresciuto e sbiadito verso la fine.

5. Gnome & Rhone

Gnome & Rhone Logo

Quasi tutti i velivoli francesi, e non solo, dei primi del ‘900 erano equipaggiati con motori Gnome & Rhone, che riportarono l’azienda alla fama mondiale nel 1914-18. Dopo la fine delle ostilità, le capacità dell’azienda hanno permesso di aprire la produzione di motocicli, che hanno ampliato il loro interesse nel mercato civile. Ma l’inizio della seconda guerra mondiale richiese nuovi sviluppi per l’aviazione. L’azienda lavora per la Luftwaffe tedesca, il che ha portato alla necessità di porre fine alle sue attività con bombardamenti diretti e precisi da parte degli Alleati. Nel 1945 cessa l’attività, fatta eccezione per la produzione su piccola scala di motocicli e biciclette, che viene rilevata da Snecma nel 1949.

L’emblema dell’azienda rifletteva proprio la sua attività principale. Il cerchio, che simboleggia il movimento delle pale dell’elica, in cui la parte centrale era occupata da un’immagine stilizzata della cabina di pilotaggio dell’aereo, da cui si estendono due eliche, è stato realizzato in marrone chiaro. Simboleggiava il materiale in legno da cui venivano assemblati gli aeroplani in quel momento. Per fornire contrasto, il campo libero interno è stato riempito di nero, a simboleggiare l’assertività e la fermezza dello sforzo per raggiungere l’obiettivo. Successivamente questo colore ha acquisito un’interpretazione diversa – appartenente allo sviluppo della Luftwaffe, la cui uniforme era dello stesso colore. A destra della pala superiore ea sinistra della pala inferiore sono stati selezionati segmenti con strisce marroni, che hanno creato l’illusione di una rotazione dell’elica. Il nome del marchio correva dall’alto verso il basso lungo le lame. Nei restanti due settori liberi a destra e a sinistra della vite, riempiti di nero, sono state applicate in rosso le prime lettere del nome, che contrastavano tale combinazione di colori con i colori della bandiera nazista.

6. Moto Barigo

Barigo Logo

Il fondatore del marchio nel 1973 è Patrick Barigault, ex pilota motociclistico dei francesi Thouars. I fallimenti che seguirono durante la carriera dell’atleta lo spinsero a creare la propria moto che potesse garantire la sua vittoria. Il suo primo passo fu un tentativo di creare un’unità basata sul Bultaco 250 nel 1976. Tuttavia, preferendo un motore di tipo a quattro tempi, ha aggiornato il telaio appositamente per questo, diventando il primo creatore di un tale modello al mondo. Le sue vittorie motociclistiche che seguirono suscitarono interesse per il marchio. Il 1986 fu l’anno del supermotard Tanagra. Ma i problemi finanziari stanno ostacolando lo sviluppo dell’azienda. Solo nel 1993 è riuscito a stupire nuovamente il mondo creando 2 modelli che sono stati acquistati dalla polizia. Ma nel 1997 l’azienda ha chiuso.

Il logo Barigo era semplice e conciso. Il nome del marchio era inciso sui contorni della bandiera francese sotto forma di una freccia stilizzata che puntava in avanti. Il testo è stato suddiviso in più elementi. Tutte le lettere dell’inizio della parola – “Bari” erano collegate insieme, le ultime due erano separate, come se formassero la parola inglese “go”, che aggiungeva un carico semantico sull’andare avanti. Il testo è stato iscritto al centro bianco della bandiera, che punta dal basso verso l’alto, che simboleggia questo movimento. Il colore di sfondo delle lettere era beige chiaro con tratti bianchi, che sono venti contrari stilizzati che caratterizzano le alte velocità.

7. Godier e Genoud

Godier & Genoud Logo

Per 25 anni – dal 1970 al 1995, i piloti francesi Georges Godier e Alain Genoud sono stati impegnati nella modernizzazione delle moto Kawasaki e Honda. Hanno cambiato il passo con uno cingolato. Nel processo di modernizzazione, hanno utilizzato un motore di loro progettazione. Tuttavia, tale attrezzatura non era richiesta.Di conseguenza, gli anni ’90 sono diventati l’ultimo tentativo di realizzare proficuamente le loro idee. In questo momento fu creata un’altra dogana veloce su strada, ma con lo stesso risultato. Il marchio è stato chiuso nel 1995.

I proprietari hanno prestato poca attenzione alla visualizzazione del proprio marchio. È stato creato un emblema, che è stato posizionato non solo sulle motociclette, ma anche su adesivi per ufficio, targhe del reparto di produzione dell’azienda. Era un testo composto da 2 parole: i nomi dei fondatori. Scritto in lettere maiuscole “godier genoud” in 2 righe con uno spostamento della seconda parola a destra di un carattere rispetto a quello superiore, il testo non si distingueva per la sua complessità e la sua speciale attrattiva. Graficamente, è stato reso tridimensionale modellando le ombre usando un mascherino. Semplicità e concisione sono ciò che è rimasto nella memoria di chi è riuscito a conoscere alcune tipologie di prodotti del brand.

8. Scorpa

Scorpa Logo

Uno dei più giovani nella storia del marchio motociclistico francese è Scorpa, che si è annunciato per la prima volta nel 1993. La produzione era basata vicino ad Alès. Fondata da Marc Teissier e Joël Domergue, l’azienda era impegnata nello sviluppo di motociclette da trial progettate specificamente per l’omonimo sport: eseguire acrobazie complesse, superare ostacoli. Nel 1994 è stato rilasciato il primo WORKS 294. Ma a causa di un conflitto interno nell’estate del 2009, la società è stata liquidata. Ma in autunno, Marc Teissier acquista il marchio e entro il 2010 si prepara a rilasciare diversi nuovi modelli a un nuovo indirizzo: Ales, Nîmes.

Il marchio era rappresentato da un emblema che consisteva in un’immagine stilizzata di uno scorpione che si preparava a colpire e il nome del marchio sottostante. Il testo e il segno sono stati realizzati in nero, che è il colore del futuro, un simbolo di rinuncia in nome della vittoria, una lotta sfrenata per l’obiettivo prefissato. Il carattere scelto per il rendering, Personalization Regular, è stato ridisegnato per adattarsi meglio allo spirito dell’azienda. Tutte le lettere hanno acquisito una pendenza a destra, a simboleggiare la tensione iniziale, l’accelerazione. Le lettere “R” e “P” “hanno perso alcune delle loro gambe, a causa della quale lo spazio vuoto si è fuso con lo spazio interno vuoto delle teste delle lettere, creando un aspetto stilizzato di alta velocità di movimento. La lettera “A” è realizzata sotto forma di una “scarpa” iniziale.