Menu Chiudi

Marche di auto Spagnolo

Marche di auto Spagnolo

Le aziende internazionali utilizzano attivamente la Spagna come piattaforma per la produzione delle loro macchine. Inoltre, si ritiene che gli italiani abbiano gettato le basi per l’industria automobilistica in questo paese nel 1919, quando la FIAT aprì una filiale vicino a Barcellona. Nonostante ciò, la Spagna ha abbastanza dei suoi modelli di auto e camion. Società nazionali come Advanced Design Tramontana, Sociedad Española de Automobiles de Turismo e altre sono ampiamente rappresentate nel mercato e competono bene con i marchi stranieri.

Marche di auto attive

Le auto spagnole – Seat, Tramontana – sono famose in tutto il mondo. Oltre a queste rinomate aziende, altri marchi altrettanto riconoscibili vengono prodotti in Spagna.

SEAT (1950-Oggi)

SEAT Logo (1950-Oggi)

SEAT è un’azienda spagnola che fa parte della compagnia automobilistica tedesca Volkswagen Aktiengesellschaft. Il suo nome è un’abbreviazione di Sociedad Española de Automobiles de Turismo. La prima vettura di questo marchio apparve nel 1953 e la duemilionesima nel 1974. Durante questo periodo di tempo, molti piloti in Spagna passarono alle auto sportive SEAT.

Il primo proprietario dell’impresa fu la Fiat, ma si rifiutò di collaborare e, per sua inerzia, costrinse la casa automobilistica a firmare un contratto con la Volkswagen. Il gruppo di società tedesco ha acquistato tutte le azioni SEAT nel 1990.

Irizar (1889-Oggi)

Irizar Logo (1889-Oggi)

L’industria degli autobus nell’industria automobilistica spagnola è rappresentata da Irizar, che prende il nome dal suo creatore, José Francisco Irizar Catarain. Ha lavorato come fabbro, ma ha voluto dedicarsi al trasporto di passeggeri e ha aperto un’impresa per la produzione di diligenze e carrozze. Ciò avvenne nel 1889. Dopo 37 anni l’attività passò ai figli di José. Hanno iniziato a produrre autobus e macchine agricole.

Dagli anni ’50. l’azienda produceva costantemente nuovi modelli di autobus. È arrivata al punto in cui ha stretto una partnership con la Carrozzeria Orlandi per raggiungere l’eccellenza tecnologica. Attualmente, la linea Irizar comprende autobus convenzionali, elettrici, ibridi e integrati di vari modelli.

Tauro Sport Auto (2010-Oggi)

Tauro Sport Auto Logo (2010-Oggi)

Il marchio di auto sportive Tauro Sport Auto è entrato nel mercato nel 2012 con la V8 Spider. Allo stesso tempo, lui stesso è apparso due anni prima: le sue origini risalgono al 2010, quando un gruppo di imprenditori spagnoli decise di fondersi con una casa automobilistica da corsa britannica. Tutte le macchine della società operativa sono realizzate su ordinazione, quindi il volume della serie è limitato. La maggior parte del lavoro viene svolto a mano.

Tauro Sport Auto ha sede a Valladolid. L’attuale capo dell’azienda è uno dei suoi co-fondatori, Pedro J Santos. La linea principale di auto sportive si chiama Tauro V8. Le auto di questo modello sono alimentate dal motore V8 LS3 di Chevrolet.

Spania GTA (1994-Oggi)

Spania GTA Logo (1994-Oggi)

Spania GTA progetta e produce auto sportive. È stata fondata da un membro della squadra di corse spagnola GTA Motor Competición, che ora appartiene legalmente. Il capo e fondatore diretto dell’azienda è Domingo Ochoa. Il prodotto chiave sono i modellini di auto GTA Spano. La prima concept car di questa serie è stata presentata al grande pubblico nel 2010 e la produzione su vasta scala è iniziata nel 2013. Spania GTA prevede di produrre solo 99 veicoli come parte della sua linea di debutto.

Tramontana (2007-Oggi)

Tramontana Logo (2007-Oggi)

Il marchio Tramontana appartiene all’azienda spagnola Atelier Tramontana. Il produttore è un’impresa privata Advanced Design Tramontana, che è stata aperta nel 1995. È stata fondata da Josep Rubau, che in precedenza ha lavorato per Volkswagen. Ha deciso di far rivivere i marchi automobilistici tradizionali del secolo scorso, quindi l’auto sportiva Tramontana ha un design degli anni ’30. Il modello è adatto per piste da corsa e strade pubbliche, ma grazie all’edizione limitata (12 unità all’anno) diventa spesso un oggetto da collezione. L’oro è usato per decorare l’auto.

Aspid (2003-Oggi)

Aspid Logo (2003-Oggi)

La serie Aspid è uno sviluppo proprietario di IFR Automotive. Il fondatore dell’azienda è l’ingegnere Ignacio Fernández. Lo ha aperto nel 2003 per creare auto che combinassero le migliori qualità di corsa e trasporto su strada. Il primo modello, chiamato IFR Aspid, è stato messo in vendita nel 2009. IFR Automotive aveva un’altra auto sportiva, la GT-21 Invictus. Il suo debutto era previsto nel 2013, ma il progetto è stato chiuso prima ancora che iniziasse.

Benimar (1978-Oggi)

Benimar Logo (1978-Oggi)

Benimar è un rinomato produttore di case mobili che esiste dal 1974. Il suo nome è composto da due parti: Beni – le prime lettere di Benicarló (città costiera dove è stata fondata l’azienda) e Mar – spagnolo per il mare. Nel 1978 apparve sul mercato il primo camper del marchio, leader indiscusso nel segmento selezionato. Dal 1984 al 2002 l’azienda ha operato con il nome Ocarsa fino a quando non è stata acquistata dal Gruppo Trigano.

Hurtan (1991-Oggi)

Hurtan Logo (1991-Oggi)

Juan Hurtado González voleva creare la sua auto dei sogni: un’auto sportiva retrò. Ha realizzato questa idea negli anni ’80 e poi, ispirato dal successo, ha aperto la propria produzione di automobili. È così che è nata l’azienda Hurtan Desarrollos SL, che nel 1992 ha presentato il primo modello, l’Albaycín T2. L’azienda di famiglia ora ha sede a Granada. È impegnata nella produzione di auto sportive e auto elettriche con carrozzeria classica. Il figlio del fondatore non cambia la tradizione e continua a sviluppare auto ultramoderne nello stile degli anni ’50.

Cupra (2018-Oggi)

Cupra Logo (2018-Oggi)

Il nome originale di questo marchio è SEAT Sport. È apparso ad Abrera (Catalogna) nel 1985 come il braccio sportivo della casa automobilistica spagnola SEAT, che fa parte del Gruppo Volkswagen. La specializzazione di base dell’azienda consisteva nella produzione di modelli competitivi per rally e altri tipi di gare. Ha vinto diversi premi FIA: tre vittorie con la SEAT Ibiza Kit-Car nel Campionato Mondiale Rally (tre anni consecutivi – dal 1996 al 1998 compreso), due premi SEAT León nel FIA World Touring Car Championship ( nel 2008 e nel 2009). Nel 2018, la società madre ha ribattezzato il marchio in Cupra e lo ha reso indipendente.

Marche di auto defunte

Hispano-Suiza (1904-1968)

Hispano Suiza Logo (1904-1968)

L’azienda automobilistica Hispano-Suiza è stata fondata da due imprenditori spagnoli e un ingegnere svizzero, motivo per cui ha scelto il nome (Hispano-Suiza significa “spagnolo-svizzero”). L’azienda è stata fondata nel 1904 e prima della guerra era impegnata nella produzione di auto di lusso. Quindi passò alla produzione di motori per aerei e nel 1919 tornò al corso originariamente scelto.

Nel 1944 Hispano-Suiza entra a far parte del gruppo ENASA e si concentra sull’industria aerospaziale. Ha provato due volte a tornare sulle auto: nel 2010 e nel 2019. Entrambe le volte sono stati presentati nuovi modelli, ma la produzione è iniziata solo al secondo tentativo. Quindi l’azienda può essere considerata rianimata nel 2019.

Pegaso (1946-1994)

Pegaso Logo (1946-1994)

La casa automobilistica Pegaso ha lasciato il mercato nel 1994 quando è stata acquisita da Iveco. In precedenza, ha fatto parte di Enasa ed è stato impegnato nella produzione di auto sportive, veicoli blindati, trattori, omnibus e camion. L’azienda è stata fondata nel 1946. Il suo principale sito industriale era il vecchio stabilimento Hispano-Suiza. Nella seconda metà del 20 ° secolo, ha tenuto il passo con il boom economico, producendo un numero enorme di autobus e camion. Dopo l’acquisizione di Pegaso, Iveco ha continuato a utilizzare questo marchio per un paio d’anni.

Abadal (1912-1930)

Abadal Logo (1912-1930)

L’azienda Abadal è stata fondata dal pilota automobilistico Francisco Abadal. Ha fondato una società nel 1912 per costruire l’auto di lusso più veloce dell’epoca. Poco dopo l’apertura, la società è stata rilevata da Buick. Nel 1923 il marchio Abadal lasciò il mercato e interruppe la produzione. La General Motors aveva dei piani per il suo rilancio: nel 1930 apparve persino un prototipo dell’Abadal Continental, ma non fu mai rilasciato.