Menu Chiudi

Marche di auto Giapponesi

Marche di auto Giapponesi

L’industria automobilistica in Giappone è la spina dorsale dell’intera industria del paese. Supporta il rapido sviluppo dell’economia rilasciando prodotti per la fornitura all’estero. Le principali fabbriche sono sparse nelle principali città: si trovano a Ota, Yokohama, Yokosuka, Hamamatsu, Taete, Shizuka e Hiroshima. Negli anni ’60 del secolo scorso si è verificato un salto speciale, chiamato il miracolo economico giapponese. Poi c’è stata un’impennata nella produzione di Toyota, Suzuki, Mazda, Honda, Mitsubishi, Nissan e molti altri.

Negli anni ’70, gli imprenditori giapponesi iniziarono ad esportare automobili negli Stati Uniti, il che portò a un conflitto tra i due stati. Tuttavia, la sua decisione ha portato all’intensificazione dello sviluppo dell’industria automobilistica in Giappone. Di conseguenza, entro la fine degli anni ’80, il Paese del Sol Levante ha prodotto quasi 13 milioni di auto, metà delle quali sono state inviate all’estero. Tuttavia, all’inizio degli anni ’90, c’è stata una recessione nel settore, che si è conclusa nel 2002. Ora le filiali di assemblaggio delle società giapponesi si trovano nella maggior parte dei paesi della regione asiatica.

Marchi del mercato di massa

Il mercato di massa dell’industria automobilistica giapponese è rappresentato da marchi molto antichi che hanno conquistato un’ampia richiesta tra i consumatori. Toyota è in testa alla lista, che è diventata la più popolare tra gli americani. Nel 2019 si è classificata seconda in termini di vendite nel mondo. I prossimi sono marchi come Honda, Nissan e Subaru.

Toyota (1937-Oggi)

Toyota (1937-Oggi)

L’azienda automobilistica, apparsa nel 1937, è specializzata in una gamma molto ampia di tecnologie di trasporto, promuovendo modelli ibridi. Il suo fondatore è Kiichiro Toyoda, da cui prende il nome. Toyota Motor Corporation ha sede a Toyota City, nella prefettura di Aichi. Inoltre, questa casa automobilistica è stata la prima al mondo ad attraversare il confine di 10 milioni di auto all’anno e nel 2012 ha rilasciato la sua 200 milionesima auto.

Partendo come filiale di Toyota Industries, il gigante automobilistico giapponese è cresciuto fino a raggiungere dimensioni incredibili. Attualmente possiede cinque marchi con i quali produce le sue autovetture. Questi sono Ranz, Hino, Daihatsu, Lexus e Toyota con lo stesso nome.

Honda (1948-Oggi)

Honda (1948-Oggi)

Honda Motor Company è stata fondata da Soichiro Honda e Takeo Fujisawa, che la introdussero nel mercato automobilistico giapponese nel 1948. Avendo iniziato la sua carriera con le fasce elastiche, il marchio si è gradualmente ampliato fino a includere una vasta gamma di prodotti, comprese le autovetture e altre attrezzature di trasporto. Entro il 2019, Honda era la sesta casa automobilistica più grande del mondo. Inoltre, è diventata la prima azienda a introdurre la serie di lusso Acura (nel 1986). La sua sede si trova a Minato, nella Prefettura di Tokyo.

Subaru (1953-Oggi)

Subaru (1953-Oggi)

La divisione, fondata da Kenji Kita nel 1953, si sviluppò gradualmente in un’unità indipendente, molto significativa nella struttura della Fuji Heavy Industries (ora Subaru Corporation). Nel 2017 è diventata la 21 ° casa automobilistica a livello internazionale.

Oggi il marchio si rivolge a chi desidera una buona trasmissione, un motore proprietario, quattro ruote motrici per la guida fuoristrada. Il marchio è specializzato anche in auto sportive a basso costo. Il nome dell’azienda è simbolico: così viene chiamata in Giappone la costellazione delle Pleiadi, che comprende sette stelle, di cui una invisibile. Il fatto è che l’impresa si è fusa con altre sei società e ha formato una società separata.

Nissan (1933-Oggi)

Nissan (1933-Oggi)

Il nome completo di questa casa automobilistica è Nissan Motor Company. Dal 1933 si è specializzato in mezzi di trasporto, attualmente producendo autovetture per il mercato di massa. I suoi fondatori sono Masujiro Hashimoto e Yoshisuke Aikawa, e la sua sede si trova a Nishi-ku City, nella prefettura di Yokohama. Il nome è formato dalla fusione di due steli: Nihon Sangyo. Questo è il nome che la società indossava e ha preso il nome attuale dall’abbreviazione che le è stata data alla Borsa di Tokyo. La casa automobilistica attualmente produce autovetture con tre marchi: Nissan, Infiniti e Datsun.

Mazda (1920-Oggi)

Mazda (1920-Oggi)

Una delle più antiche società di ingegneria del Giappone è nata nel 1920 e ha sede a Fuchū City, nella contea di Aki (Prefettura di Hiroshima). È stato creato su iniziativa dell’imprenditore Jujiro Matsuda, da cui ha preso il nome. Anche la filosofia giapponese ha svolto un ruolo enorme nel marchio, poiché il nome utilizzava l’immagine della divinità Ahura Mazda, personificando saggezza, intelligenza e luce.

All’inizio, la società non si concentrava sulle auto, ma passò a loro in seguito, nel 1931. Dopo il rilancio della produzione e l’attrazione di specialisti qualificati, il marchio è diventato riconoscibile in tutto il mondo, poiché ha iniziato rapidamente a esportare le consegne di autovetture.

Mitsubishi (1970-Oggi)

Mitsubishi (1970-Oggi)

Questo marchio risale al 1968 ed è il distributore ufficiale delle roadster retrò TD2000 in Giappone. Inoltre, la casa automobilistica si occupa di marchi in serie. Sostituisce i loro elementi con le sue variazioni non standard, quindi il marchio è noto per le auto dal design non convenzionale, che imita lo stile delle auto britanniche originali degli anni ’50 e ’60. L’azienda ha anche lanciato la sua auto sportiva Orochi ed è il principale distributore di roadster classiche.

Suzuki (1909-Oggi)

Suzuki (1909-Oggi)

La carriera di Suzuki iniziò all’inizio del XX secolo, nel 1909, quando si chiamava Suzuki Loom Works e produceva telai. Nonostante il successo, il produttore ha deciso di riqualificarsi per tenere il passo. Per questo ha scelto l’industria automobilistica.

Nel 1937 fu lanciato un nuovo progetto, nell’ambito del quale furono lanciate diverse autovetture innovative. Oggi, il marchio rappresenta una vasta gamma di prodotti per il trasporto, inclusi veicoli fuoristrada, motociclette, fuoristrada e veicoli stradali. In termini di vendite, questa azienda giapponese si colloca al terzo posto nel mercato interno e al decimo nel mercato internazionale.

Marche di auto di lusso

Il segmento delle auto di lusso giapponesi è una categoria speciale di autovetture. Dopotutto, i produttori apprezzano in primo luogo il riempimento ad alta tecnologia, il che rende le loro macchine senza rivali. Si preoccupano del comfort umano e solo allora del design e di ciò che c’è sotto il cofano. Per loro, prima di tutto, l’elettronica e la maggiore funzionalità dell’auto, tutto il resto – secondo. Questo può essere visto esaminando l’elenco delle auto di lusso, che include Lexus, Infiniti, Acura, Toyota Crown e Mitsuoka.

Lexus (1983-Oggi)

Lexus (1983-Oggi)

Eiji Toyoda, un imprenditore, ha fondato il marchio nel 1983 con sede a Nagoya, hub a Bruxelles, in Belgio, e American Plano, in Texas. Oggi, le auto di marca sono richieste in più di 70 paesi in tutto il mondo. I prodotti Lexus sono anche molto apprezzati a livello nazionale, essendo i più richiesti in Giappone. Il produttore è tra le 10 maggiori società internazionali in termini di valore di mercato. L’elenco dei modelli prodotti include un SUV, una decappottabile, una coupé, una berlina e nel 2005 è apparsa anche una versione ibrida.

Acura (1986-Oggi)

Acura (1986-Oggi)

Insieme a Lexus e Infiniti, questo è il più giovane rappresentante della classe di lusso. È nato nel 1986 e da allora ha fornito agli Stati Uniti e al Canada i migliori esempi dell’industria automobilistica giapponese. I suoi prodotti sono molto richiesti anche a Hong Kong, Messico, Cina e Russia. La gamma comprende veicoli potenti e pesanti, oltre a modelli di lusso.

L’azienda ha introdotto la sua prima auto ammiraglia, la Legend, alla fine degli anni 80. Il suo successo ha costretto i concorrenti a creare con urgenza qualcosa di simile. All’inizio degli anni 2000, il marchio ha introdotto sul mercato nuovi modelli, tra i quali spiccava l’esclusivo SUV MDX. È disponibile in due versioni: RSX e TSX, che hanno sostituito la coupé e la berlina Integra.

Infiniti (1989-Oggi)

Infiniti (1989-Oggi)

Questo rappresentante dei marchi di lusso è apparso anche alla fine degli anni ’90 del secolo scorso, nel 1986. È stato fondato da Bill Bruce e si trova nella città di Wan Chai a Hong Kong e si chiama Infiniti Global Limited. Il marchio appartiene a Nissan, essendo la sua divisione. Nel 2012, il produttore ha annunciato la sua intenzione di passare alla produzione di veicoli elettrici. Di conseguenza, nel 2021, tutte le sue auto saranno completamente elettriche o ibride. Al di fuori del Giappone, la società ha realizzato la prima auto di lusso, la QX60, precedentemente nota come JX35.

Toyota Crown (1955-Oggi)

Toyota Сrown (1955–Present)

Questo è uno dei più antichi rappresentanti della classe di lusso, esistente dal 1955. Il marchio appartiene a Toyota e rappresenta una categoria speciale di autovetture – E (auto executive). Comprende principalmente berline di medie dimensioni, catturando non solo il mercato giapponese, ma anche i mercati di altri paesi asiatici. La più popolare tra gli acquirenti di altri paesi è l’auto del Toyota Store: è richiesta come carovana del governo.

Mitsuoka (1968-Oggi)

Mitsuoka (1968-Oggi)

Questo marchio risale al 1968 ed è il rivenditore ufficiale per le roadster retrò TD2000 in Giappone. Inoltre, la casa automobilistica si occupa di marcature seriali. Sostituisce i suoi elementi con le sue varianti non standard, motivo per cui il marchio è noto per le auto dal design non convenzionale, che imita lo stile delle auto britanniche originali degli anni 50-60. L’azienda ha anche lanciato la sua auto sportiva Orochi ed è il principale rivenditore di roadster classiche.

Marche di camion

Il Giappone è un noto produttore di attrezzature di grande tonnellaggio, perché un piccolo paese richiede molti sforzi per sopravvivere. Di conseguenza, c’è un’alta popolarità di carichi pesanti di varie categorie, che sostituiscono con successo il lavoro umano. Le loro capacità sono così enormi che i camion giapponesi sono richiesti in tutto il mondo. Dopotutto, sono resistenti, durevoli e high-tech. Tra i marchi più famosi: Hino, Datsun, Isuzu, UD.

Hino (1942-Oggi)

Hino (1942-Oggi)

L’azienda leader nella produzione di attrezzature di tonnellaggio pesante, medio e leggero apparve nel 1942 nella città di Hino-shi vicino a Tokyo. Fa parte del gruppo Toyota ed è una filiale della Toyota Motor Corporation. Nata con la produzione di camion, oggi questa azienda produce anche autobus, che esporta anche all’estero. Attualmente è il secondo più grande fornitore di attrezzature pesanti in Giappone.

Isuzu (1934-Oggi)

Isuzu (1934-Oggi)

Questa azienda apparve nel 1916 e fu rilanciata nel 1934 con il nome di Isuzu. È specializzata nella produzione di autocarri medi, macchine movimento terra, motori diesel e autobus. Inoltre li progetta, li assembla e li vende in tutto il mondo. Oggi, la casa automobilistica ha officine di assemblaggio e siti di produzione in diverse prefetture in Giappone.

UD (1935-Oggi)

UD (1935-Oggi)

Il nome completo di questo marchio è UD Trucks Corporation. La sua sede principale si trova ad Ageo, nella prefettura di Saitama, dove è stata fondata con il nome Nissan Diesel. Nel 2010, la società ha ricevuto il suo nome attuale, che sta per “Ultimate Dependability”. Il rebranding è stato intrapreso dopo il passaggio dell’azienda alla giurisdizione del Gruppo Volvo, che ne detiene il pieno possesso.

Datsun (1931-Oggi)

Datsun (1931-Oggi)

L’anno della comparsa di questo marchio è il 1931 e il luogo è Tokyo. Il marchio appartiene a Nissan, che periodicamente lo annulla e lo rinnova. Nel periodo 1958-1986, le auto destinate all’esportazione all’estero furono contrassegnate in questo modo. Nel 2013 il nome Datsun è stato nuovamente ripristinato: questo nome è stato dato a una serie di macchine economiche destinate alla fornitura ai mercati dei paesi in via di sviluppo. L’azienda produce principalmente auto di classe economica e piccoli camion.

Altre marche

Nell’industria automobilistica giapponese esiste una categoria separata di attrezzature per il trasporto, che si distingue come gruppo indipendente per una serie di motivi. Innanzitutto, questo include auto sportive e auto ad alta velocità. In secondo luogo, questo segmento è costituito da apparecchiature ad alte prestazioni. Terzo: le auto compatte appartengono a questa categoria. Sono rappresentati da marchi come Nissan GT-R, Daihatsu, Nissan Nismo e altri.

Nissan Nismo (1984-Oggi)

Nissan Nismo (1984-Oggi)

La società è stata costituita nel settembre 1984 e ha sede a Gap City. È il risultato della fusione di due reparti di sport motoristici. Marchio dopo il suo predecessore: Nissan Motorsport. La prima parola è presa dalla prima sillaba “Nis”, dalla seconda – “Mo”. Le auto sportive prendono parte a molte gare internazionali tra cui Formula E, Blancpain GT Series e Super GT.

Nissan GT-R (2007-Oggi)

Nissan GT R (2007-Oggi)

Questo è il nome di un modello di auto di lusso assemblato a mano dal produttore Nissan Motor Company. È il successore delle autovetture della serie Skyline GT-R ed è stato progettato da Shiro Nakamura. La passata auto sportiva ad alta velocità era chiamata Grand Tourer, i cui primi caratteri furono presi per l’abbreviazione nel secondo nome. Il marchio è apparso nel 2007. La sua posizione è Kaminokawa (Tochigi).

Daihatsu (1907-Oggi)

Daihatsu (1907-Oggi)

Daihatsu Motor Co., Ltd è una sussidiaria di Toyota Motor Corporation, che l’ha acquisita nel 2016. La sede del marchio è la città di Ikeda, nella prefettura di Osaka. L’anno della sua comparsa è il 1907. Nel mercato giapponese, è impegnato nella produzione di auto piccole, extra compatte e subcompatte note come “kei jidosha”. L’arsenale dell’impresa comprende anche auto ibride e motori diesel a 2 tempi.

Autobacs (1947-Oggi)

Autobacs (1947-Oggi)

Il marchio è stato fondato nel 1947, quando è stato fondato da Toshio Sumino. È apparso per la prima volta a Fukushima-ku, nella prefettura di Osaka e si chiamava Fuji Syokai Co., Ltd. Quindi la sua rete si espanse a diversi rami. Fondamentalmente, è un negozio specializzato in ricambi e accessori per auto che sponsorizza il Gran Premio del Giappone. Ha molti punti vendita al dettaglio in Asia e Francia.

Scion (2003-2016)

Scion (2003-2016)

L’azienda, fondata nel 2003, ha offerto veicoli economici, eleganti e compatti. Inoltre, ogni vettura veniva venduta in un’unica configurazione a un prezzo base. La sede principale dell’azienda si trovava a Torrance, California (USA). Nel 2016, il marchio è stato assorbito dalla casa madre Toyota e ha cessato di esistere. I restanti modelli di auto furono interrotti o ribattezzati Toyotas.