Menu Chiudi

Marche di auto Danesi

Marche di auto Danesi

L’industria automobilistica danese è sottosviluppata: ora non ci sono praticamente impianti di assemblaggio di automobili in questo paese, sebbene alcune aziende producano ancora veicoli con il proprio marchio e quello di altre persone. La maggior parte delle auto europee circolano sulle strade danesi, con rare eccezioni: quelle giapponesi e americane. E le auto prodotte localmente sono destinate sia per l’edilizia e scopi militari (Hydrema) o per ricchi amanti del lusso (Zenvo Automotive).

Zenvo Automotive (2004-Oggi)

Zenvo Automotive Logo (2004-Oggi)

Zenvo Automotive produce auto molto costose che sono troppo costose per i danesi. Il primo danese ha acquistato un’auto sportiva di questo marchio solo nel 2018, anche se la produzione è stata lanciata nel 2009. Il mercato di riferimento di Zenvo sono i clienti individuali, perché la circolazione dei modelli prodotti non supera le cinque unità all’anno.

La casa automobilistica è stata immatricolata nel 2004 e ha trascorso diversi anni a sviluppare il prototipo ST1. Questa vettura è stata prodotta in quindici copie, dopo di che è stata sostituita da una nuova linea: TS1.

Hydrema (1959-Oggi)

Hydrema Logo (1959-Oggi)

L’azienda danese Hydrema sta espandendo la sua sfera di influenza acquistando molte marche di automobili. Le sue recenti acquisizioni includono il produttore svedese BAE Systems AB (equipaggiamento militare) e l’azienda tedesca Weimar-Werk Baumaschinen (veicoli da costruzione). Hydrema stessa produce autocarri con cassone ribaltabile leggero, veicoli da sminamento e gru per autocarri. La gamma include anche MPV 900, un veicolo multiuso, a cui è possibile collegare varie apparecchiature ausiliarie.

Danish Automobile Building (1912-2002)

Danish Automobile Building Logo (1912-2002)

La casa automobilistica più importante della Danimarca era una volta il Danish Automobile Building. Ha realizzato una varietà di autobus, prima utilizzando il telaio del camion e poi passando ai componenti Leyland. Sullo sfondo di una stretta collaborazione, la società inglese Leyland Motors ha assunto il controllo della maggior parte delle azioni di DAB. Dopo il suo declino, la compagnia danese è diventata nuovamente indipendente ed è riuscita a sviluppare il proprio concetto di Travelator. Negli ultimi anni della sua esistenza, il Danish Automobile Building apparteneva alla società svedese Scania. Ha posto fine alla storia del DAB nel 2002, perché la domanda di autobus è crollata all’inizio del 21 ° secolo.