Menu Chiudi

BAPE Logo

BAPE Logo

BAPE (o A Bathing Ape) è un marchio di abbigliamento urban style giapponese che è emerso nel 1993 a Ura-Harajuku. La sua sede si trova a Tokyo. Il fondatore del marchio è Tomoaki Nagao (nome d’arte Nigo), DJ, designer, imprenditore. L’azienda di moda possiede 19 punti vendita al dettaglio, anche all’estero, nelle principali città come Los Angeles, Miami, Parigi, Londra, New York, Seoul, Shanghai, Pechino e alcune altre. Il negozio di Kyoto contiene anche una galleria e funge da sede per spettacoli, riunioni e altri eventi. Nel 2011, l’azienda si è trasferita al conglomerato di moda IT Group. Dopo la vendita, il fondatore ha lavorato come direttore creativo per due anni e l’ha lasciato nel 2013.

Significato e storia

Logo della BAPE

Nigo ha deciso di aprire il suo negozio, ispirato dalle idee di Hiroshi Fujiwara, un guru della moda. È stato anche più influenzato dai suoi genitori, che hanno lavorato sodo e lo hanno lasciato solo con i giocattoli, da cui ha tratto uno stile alla moda. Dopo la laurea, Tomoaki Nagao è entrato a far parte della rivista Popeye, dove ha lavorato come redattore. Ha poi preso in prestito 4 milioni di yen da un uomo d’affari che conosceva e, insieme a Jun Takahashi, ha aperto un negozio chiamato Nowhere. Poi l’aspirante imprenditore ha deciso di fondare il proprio marchio.

Il nome del negozio Nigo ne ha scelto uno molto trendy, che è chiaro a tutti in Giappone. Era collegato all’immagine del film Il pianeta delle scimmie del 1968. Dopo averci pensato bene, il fondatore ha deciso di batterlo e di associarlo alla cultura giapponese. Il fatto è che BAPE sta per A Bathing Ape in Lukewarm Water, perché è composto dalle lettere delle prime due parole. E i giapponesi di solito fanno il bagno ogni giorno in acqua molto calda (sopra i +40 gradi), e alcuni si divertono a fare il bagno finché non si raffredda. Quindi, la frase significa ironicamente un uomo ricco che ama coccolarsi. In realtà, questo era il contingente di acquirenti originariamente previsto.

Il proprietario del marchio è stato attivamente impegnato nella sua promozione. A tal fine, Nigo ha dato settimanalmente metà dei prodotti di ogni lotto cucito agli amici, in modo che potessero indossare i suoi vestiti e renderli popolari. L’attore Keigo Oyamada è diventato uno degli “oggetti della pubblicità ambulante”. Quindi il proprietario del negozio si è lasciato trasportare dal lavoro da DJ e dalla registrazione di un album, che ha anche aumentato il prestigio del marchio. Nel febbraio 2011 è passato al gruppo IT con sede a Hong Kong: ha riacquistato più del 90 percento delle azioni.

Ma il nuovo proprietario non ha cambiato il logo, ritenendo opportuno utilizzare l’immagine già ben pubblicizzata, poiché era stampata su tutti i prodotti di marca. Inoltre, ha continuato la linea di stampe basate su film famosi. Una delle sue collaborazioni più recenti è con Disney (basata sul cartone animato Ralph Breaks the Internet).

Carattere e colori del logo

BAPE Simbolo

Per il camuffamento, il logo BAPE è popolarmente chiamato Cloud Camo. Raffigura una scimmia. È un’immagine collettiva dei personaggi del film sul pianeta delle scimmie, un pizzico di umanità e ironia sull’unità fraseologica giapponese sugli amanti dell’immersione spensierata nell’acqua calda. Non ci sono caratteristiche facciali specifiche: ci sono solo punti comuni attraverso i quali viene disegnata la testa dell’animale.

La parte centrale è chiara – è dipinta in una tinta giallo carne. In esso sono schematicamente visibili le cavità degli occhi, del naso, della bocca, della fronte e di una guancia. Tutto il resto è ricoperto da folti capelli castano scuro. La scimmia non ha busto – solo la parte superiore del busto e la testa con la faccia. Va notato che l’emblema è diventato molto popolare perché è stato utilizzato come stampa sulle magliette fin dall’inizio.

Il nome del marchio è stato scritto in modo diverso, ma il carattere più comune utilizzato era un carattere tipografico che ricordava il College. Al contrario, la gamma di colori è stabile: consisteva sempre in due tonalità di marrone: carne e terrosa.