Walt Disney Logo

Walt Disney Pictures Logo

La società americana Walt Disney apparve nel 1923. Fu fondata da due fratelli: Walt e Roy Oliver Disney. Era un piccolo studio di animazione che è cresciuto fino alla scala del più grande conglomerato mediatico con le proprie reti di trasmissione e parchi di divertimento. È famosa per i suoi film animati a figura intera e per un logo favoloso.

Significato e storia

Walt Disney Logo Storia

Le versioni iniziali del logo sono state disegnate dallo stesso Walt Disney. Nella sua giovinezza, ha lavorato come designer in un’agenzia pubblicitaria, e poi è diventato un fumettista, quindi ha avuto un’ottima esperienza artistica.

Il logo dell’azienda fa parte dei titoli di coda e adorna gli ingressi ai famosi parchi a tema. Ma per i primi 48 anni, la Disney non ha avuto un segno distintivo: gli spettatori hanno visto solo “Walt Disney Pictures Presents” o “Walt Disney Presents” sullo schermo. A volte venivano integrati dal profilo di Topolino, che nella versione animata cerchiava e cambiava colore. Nel 1937, la frase “Walt Disney Pictures” iniziò ad essere usata come logo. È ancora rilevante, sebbene i designer abbiano apportato lievi modifiche.

Nel 1985, il castello fu presentato sullo stemma, parte integrante dell’identità visiva del marchio. È apparso per la prima volta nei titoli di coda di The Black Cauldron e anche allora sembrava molto riconoscibile, perché l’ispirazione per lui era la bella addormentata e le ciocche di Cenerentola.

L’immagine è costantemente trasformata. All’inizio era un’immagine bidimensionale, disegnata con linee orizzontali bianche. Ma la tecnologia si è evoluta, quindi Walt Disney ha deciso di mostrare al suo pubblico che si tiene aggiornato e che la sua grafica soddisfa i più alti standard di qualità. In questo è stata aiutata da un logo tridimensionale, che è stato commissionato da Pixar. Gli spettatori hanno visto per la prima volta il design modernizzato nel 2006, quando è stato rilasciato il film Pirati dei Caraibi: Dead Man’s Chest.

1937-1948

Il logo d’esordio è una delle firme personali del famoso fumettista. I designer lo hanno stilizzato e ingrandito in base alle dimensioni del marchio. L’iscrizione è composta da lettere maiuscole e minuscole combinate. La “W” e la “D” maiuscole, che sono attorcigliate, così come la “i” minuscola e la “y”, che ricordano visivamente le orecchie e la coda di un topo, sono uniche, come allusione al personaggio principale dei cartoni animati Topolino.

1948 – 1979

Dopo 10 anni, gli artisti hanno cambiato lo stile del logo, quindi la scritta “Walt Disney”, sebbene sembrasse scritta a mano, non aveva una pendenza corsiva.

1972 – 1983

Parallelamente al logo generale, in quel momento fu lanciato uno studio. Era una versione del 1937 con “Productions” scritto in basso. La parola aggiuntiva è scritta in un carattere tipografico liscio dalla categoria Sans Serif.

1983 – 1985

Durante questo periodo, c’era una variante con la parola “Productions” con serif. Il carattere è vicino al classico universale. Ma l’iscrizione in alto non è stata modificata: è ancora nel carattere Waltograph.

1985-2006

A metà degli anni ’80, la grafica è stata aggiunta alla parte di testo. Questo è il castello situato sopra la frase “Walt Disney”. Lo studio cinematografico lo ha scelto come simbolo delle fiabe. I palazzi sono raffigurati sotto forma di strisce orizzontali e sono circondati da un arco solido. Una bandiera triangolare è visibile sopra ogni torre.

2006-2011

Nel 2006, gli sviluppatori hanno proposto un emblema con una chiara visualizzazione dei castelli magici: le strisce sono scomparse, sono apparsi i dettagli realistici, i cancelli spalancati e una stella cadente come suggerimento che lo studio cinematografico incarna i desideri più favolosi. La parola “Productions” è stata ridotta con un nuovo carattere maiuscolo e la scritta “Walt Disney” è stata leggermente più sottile.

2011 – presente

La versione attuale è esattamente la stessa della precedente, ad eccezione dell’iscrizione. Ora, al posto della versione completa, viene utilizzata una versione abbreviata – solo “Disney”, il nome del fondatore della compagnia di cartoni animati.

Il nuovo emblema è decorato con torri, finestre, balconi e bandiere. La stella animata lascia una lunga linea a forma di arco. Ma i creatori non si sono limitati a questo da soli e nel tempo hanno aggiunto ulteriori dettagli. Quindi c’erano fuochi d’artificio festivi e nuvole che esprimevano la magia del marchio. Il castello, a sua volta, simboleggia il romanticismo, l’amore e una fiaba.

Ma con l’uscita di Toy Story, ci sono stati cambiamenti nel mondo dei cartoni animati. Gli animatori hanno iniziato ad accompagnare ogni fumetto con la loro versione del logo, in modo che l’immagine corrispondesse alla trama. Ad esempio, in Maleficent assomiglia molto al Cliffside Castle, e a Tron sembra una città di luci.

Emblema

Walt Disney Emblema

La parte grafica del logo è apparsa nel 1985. È diventato l’immagine di un castello da favola, poiché lo studio di animazione è associato a magia, principi, principesse, re e regine. All’inizio il palazzo sembrava allineato, ma poi è apparsa un’altra immagine, più tangibile e realistica. Come concepito dai designer, cambia ancora a seconda della trama del cartone animato o del film.

Font

Walt Disney Simbolo

L’immagine colorata è accompagnata dalla frase “Walt Disney Pictures”. Il nome dell’azienda si trova anche nelle prime versioni dell’emblema, sebbene lo stile sia cambiato notevolmente dal 1937. Si ritiene che la frase “Walt Disney” non sia altro che una firma personale del proprietario del marchio. Ma alcuni sono disposti a discutere con questo, perché su vecchie lettere e cartoline l’autografo del famoso animatore sembra completamente diverso.

A quanto pare, la Disney, come molti fumettisti, aveva diverse firme contemporaneamente, tra cui quelle romane o stampate. Inoltre, li ha costantemente migliorati, quasi nello stesso modo in cui ha cambiato il design di Topolino. Fino ai primi anni ’70 il logo includeva una delle vecchie versioni: con linee incuranti e lettere collegate. Più tardi, pochi anni dopo la morte di Walt Disney, i nuovi leader decisero di utilizzare una versione più originale.

Il proprietario dello studio ha lasciato molti campioni di calligrafia. Sulla base di questi, i progettisti hanno sviluppato un segno verbale universale – molto probabilmente, iperbolico e stilizzato. E hanno scelto la firma più memorabile con la strana lettera “D”. Anche i restanti personaggi sono insoliti: “T” sembra “Y” e il punto sopra “I” sembra un grande cerchio barrato in diagonale.

Il conglomerato dei media non ha mai avuto un carattere ufficiale, ma nel 2000 il tipografo di Justin Callaghan ha provato a ricrearlo sulla base di caratteri esistenti. Ha sviluppato due versioni del Waltograph: grassetto e regolare con lettere minuscole e maiuscole. La società Walt Disney notò che se Topolino si fosse impegnato a scrivere memorie, avrebbe sicuramente scelto il carattere Waltograph.