Menu Chiudi

Volkswagen Logo

Volkswagen Logo

Volkswagen è una leggendaria azienda automobilistica tedesca. È stata fondata nel 1937 dal Fronte del lavoro tedesco per ordine di Adolf Hitler. Oggi questo produttore è uno dei leader nella produzione e vendita di autovetture e appartiene al gruppo Volkswagen. La sede si trova a Wolfsburg.

Significato e storia

Volkswagen Logo Storia

Subito dopo l’apertura, l’azienda ha ricevuto il suo nome originale, che consiste in due pilastri: “volks” (persone) e “wagen” (auto). Pertanto, significa “macchina della gente” o “macchina della gente”. Il logo si basa sulle prime lettere di queste parole: VW. Inoltre, la riduzione è stata presa come base per gli emblemi del marchio, di cui aveva 13.

1937 – 1939

Volkswagen Logo 1937-1939

La versione di debutto contiene diversi elementi che sottolineano le preferenze politiche del fondatore dell’azienda. Le lettere “V” e “W” si trovano una sopra l’altra, formando un monogramma geometricamente corretto con linee rette e angoli. Le iniziali sono poste in una grande ruota dentata. È circondato da sagome di bandiere che assomigliano ad ali, ma in realtà sono elementi di svastica. Le linee sono allungate e raggruppate attorno alla ruota. In totale, sono state utilizzate quattro bandiere con tre semiarchi neri. Il primo emblema è stato creato dall’ingegnere Franz Xaver Reimspiess.

1939 – 1945

Volkswagen Logo 1939-1945

Prima dello scoppio della seconda guerra mondiale, la casa automobilistica tedesca rimosse dal logo tutto ciò che sembrava una svastica nazista. Di conseguenza, ci sono iscrizioni al centro e una ruota dentata. Grazie a un equilibrio competente, il logo è diventato più pratico e brutale, raccontando l’orientamento tecnico dell’azienda e non un concetto politico.

1945 – 1948

Volkswagen Logo 1945-1948

Dopo la fine della seconda guerra mondiale, l’azienda ha intrapreso un restyling, trasformando l’emblema oltre il riconoscimento, in modo che nulla ricordasse i nazisti. Gli sviluppatori hanno rimosso il colore nero e le alette quadrate, quindi la ruota dentata è diventata un cerchio beige con una striscia di bordo marrone scuro. L’abbreviazione è stata data lo stesso colore. I progettisti hanno collegato la parte superiore della “V” con il cerchio esterno e la lettera “W”, al contrario, l’ha separata. Hanno anche aggiunto uno sfondo rosso.

1948 – 1960

Volkswagen Logo 1948-1960

Il nuovo logo è una continuazione di quello vecchio con alcune modifiche. La ragione di ciò era la necessità della crescita dell’industria automobilistica in Germania, quindi il logo è stato ritoccato. Gli sviluppatori lo hanno riportato in bianco e nero, rendendolo di nuovo in bianco e nero. Hanno anche ispessito il bordo esterno collegando le gambe della “W” al cerchio e avvicinando la “V” ad esso.

1960 – 1967

Volkswagen Logo 1960-1967

Nel 1960, i designer hanno portato l’emblema in un quadrato e ne hanno rispecchiato i colori: tutto ciò che era bianco è diventato nero e viceversa. Inoltre, il bordo esterno è scomparso e le linee hanno acquisito lo stesso spessore.

1967 – 1978

Volkswagen Logo 1967-1978

L’unico cambiamento rispetto a questo periodo è legato al colore: al posto del nero, l’emblema Volkswagen è apparso in azzurro cielo.

1978 – 1989

Volkswagen Logo 1978-1989

La direzione ha ridisegnato nuovamente il logo per soddisfare i requisiti progressivi. Il risultato del lavoro è stato l’inversione dei colori: gli elementi dipinti si sono trasformati in bianchi e quelli bianchi in blu. Inoltre, l’intensità delle sfumature è stata aumentata più volte, motivo per cui è apparsa una versione in cobalto chiaro con una linea di bordo.

1989 – 1995

Volkswagen Logo 1989-1995

L’emblema di quel tempo era un cerchio con una cornice blu e un’ampia striscia bianca all’interno. Era collegato con le lettere “W” e “V” poste su uno sfondo azzurro. In effetti, era una versione a colori del 1945.

1995 – 2000

Volkswagen Logo 1995-2000

Nel 1995, la Volkswagen ha restituito la versione del 1978 del logo. Gli sviluppatori hanno intensificato il colore solo utilizzando il blu scuro invece del neon.

1999 – 2000

Volkswagen Logo 1999-2000

Parallelamente, è apparsa un’altra modifica del logo. Si distingueva per la presenza di una transizione gradiente dal centro ai bordi. Questo emblema è stato utilizzato su materiali e cartelli pubblicitari.

2000 – 2012

Volkswagen Logo 2000-2012

I designer hanno aggiunto volume al logo per mantenerlo in linea con le tendenze attuali. Oltre all’effetto 3D, ha anche un doppio bordo in un cerchio sotto forma di due sottili linee scure con una striscia grigia al centro. La sfumatura blu è stata migliorata e le lettere sono ora argentate.

2012 – 2020

Volkswagen Logo 2012-2020

Volkswagen ha approvato un nuovo logo con scritte metalliche lucide. A causa delle strisce laterali, hanno acquisito volume. Questa versione è stata utilizzata per la prima volta nel settembre 2012 alla presentazione a Berlino della Golf Mk7.

2020 – oggi

Volkswagen Logo 2020-oggi

Dopo un importante rebranding, la casa automobilistica ha aggiornato l’emblema, tornando alla versione del 1967. I designer lo hanno leggermente modificato, rendendo le linee più sottili e separando la “W” inferiore dal cerchio. Hanno inoltre rimosso l’effetto 3D appiattendo il logo, come richiesto dalla tendenza verso una segnaletica semplificata e minimale. In primo luogo, il logo è stato lanciato in Europa, poi in Asia e solo successivamente nelle Americhe.

Carattere e colori del logo

Volkswagen Simbolo

Nel corso degli anni di evoluzione, l’emblema, prima di tutto, si è allontanato dai simboli nazisti, che possono essere visti chiaramente nelle versioni precedenti. Dal 1948 iniziò la fase di molti anni di modernizzazione della nuova versione. È durato fino al 2020, quando la direzione della Volkswagen ha completamente semplificato il design.

Logo della Volkswagen

Non c’è testo in quanto tale nel logo – ci sono solo due lettere prese dall’abbreviazione. Sono sans serif personalizzati e hanno linee più spesse. La tavolozza distintiva è composta da molte sfumature di blu, dal blu pastello al ricco cobalto.