Visa Logo

Visa Logo

Visa è una società americana che fornisce servizi di pagamento. Apparve nel 1958 quando il conglomerato finanziario Bank of America iniziò a emettere carte BankAmericard e fondò BankAmericard Service Corporation. Poco dopo, il sistema è stato rinominato, scegliendo il nome universale Visa.

Significato e storia

Visa Logo Storia

L’identità visiva del marchio non è cambiata molto negli ultimi 40 anni. Il logo con la scritta “Visa” è apparso per la prima volta a metà degli anni ’70. e subì alcune piccole riprogettazioni. Prima di questo, veniva usato un marchio simile, ma con la frase “BankAmericard”.

1958 – 1976

Il primo emblema sembrava una carta di plastica rettangolare con angoli arrotondati. La sua parte superiore era blu scuro, il centro era bianco e il fondo era arancione. Al centro c’era la scritta “BankAmericard”, realizzata in grassetto sans serif. Tutte le lettere sono maiuscole, ma “B” e “A” sono più alte delle altre.

1976 – 1992

Per rendere multinazionale il marchio, i proprietari hanno ribattezzato il sistema finanziario. È così che è apparso Visa, uno dei marchi di maggior successo al mondo. Il cambio di nome ha permesso di aumentare la portata del pubblico target, perché il collegamento geografico con l’America è scomparso. E anche è diventata un’occasione per aggiornare il logo.

I designer hanno seguito uno schema familiare: hanno semplicemente sostituito BankAmericard con Visa, preservando le vecchie proporzioni e i colori. La parola è scritta in corsivo, con enfasi sull’inclinazione “V”. Le lettere hanno dei serif.

1992 – 2000

Nel 1992, la tavolozza si è illuminata. Gli angoli arrotondati della cornice esterna divennero dritti e il contorno divenne ampio e blu. Questa versione del logo è ancora presente in alcuni spot pubblicitari.

2000 – 2006

Alla fine del 20 ° secolo, gli sviluppatori hanno aumentato la spaziatura delle lettere e ridotto leggermente la pendenza a “V”. Inoltre, hanno cambiato il blu in ciano e l’arancione in giallo.

2006 – 2014

Nonostante il successo globale, i manager hanno deciso di rilanciare il marchio. Sembrava illogico per loro che la compagnia fornisse un’enorme quantità di servizi finanziari, e solo una carta di credito è mostrata sul suo logo. Nel novembre 2003, gli specialisti hanno iniziato a sviluppare un nuovo marchio. Non è quasi diverso dalle versioni precedenti: in realtà, questa è la stessa scritta “Visa”, ma senza elementi rettangolari e una cornice esterna.

Il carattere è ancora in corsivo, sebbene la pendenza sia diminuita. L’angolo sporgente “V” è dipinto in giallo per enfatizzare la chiarezza e la concisione dell’immagine.

2014 – presente

Nel 2014, l’azienda ha abbandonato per la prima volta la sua tavolozza classica. Ha rimosso il colore dorato, che è stato identificato con le colline della California, e ha lasciato solo il blu – un simbolo del cielo blu. Per diversificare il logo, i designer hanno utilizzato un gradiente.

Si dice che il marchio si sia sbarazzato del giallo per avvicinarsi alle persone. In effetti, per molti questo colore è associato all’oro, il che significa lusso e prestigio irraggiungibili. Il sistema Visa, a sua volta, ha cercato di rendere pubblici i prestiti.

Emblema

Visa Emblema

L’enfasi di base nel logo del sistema bancario è posta sul testo, quindi non ci sono elementi grafici. L’unico dettaglio disegnato a mano è il serif allungato a forma di cuneo sul lato sinistro della “V”, che rende il lettering universalmente riconoscibile. Dal 2005 al 2014 è stato evidenziato in giallo.

Carattere e colori

Visa Simbolo

Il sistema Visa ha utilizzato fin dall’inizio lettere oblique in corsivo. L’emblema di debutto aveva un carattere serif, gli altri avevano un carattere serif della categoria Sans Serif. La tavolozza del logo aziendale è una combinazione di blu e giallo, ma nel 2000 sono stati sostituiti da blu e arancione. Dopo il ridisegno nel 2014, la società finanziaria ha abbandonato completamente il colore dorato, che simboleggiava le colline californiane, lasciando solo il blu scuro. Ciò è dovuto al desiderio del sistema di avvicinarsi a potenziali clienti, mentre per molti il ​​giallo è associato all’oro inaccessibile.