New York Times Logo

The New York Times LogoIl New York Times è un giornale di grande formato e recentemente ha un sito web. La prima edizione dell’edizione stampata apparve il 18 settembre 1851. Il suo vecchio titolo, New-York Daily Times, era scritto in prima pagina. Pochi anni dopo, i proprietari vendettero il giornale per una somma nominale equivalente a 28 centesimi. Passò di mano e alla fine divenne una delle più popolari negli Stati Uniti.

Significato e storia

New York Times Logo Storia

Il logo del New York Times è cambiato raramente e solo leggermente, sebbene i lettori fedeli abbiano notato anche i dettagli più insignificanti. I progettisti non solo hanno ridisegnato le forme delle lettere, ma hanno anche fatto altre cose più scioccanti in termini di grammatica: ad esempio, hanno rimosso il trattino dal nome della città e quindi rimosso il punto successivo alla parola “Times”, che avrebbe causato la cancellazione di 1000 persone dal giornale.

1851 – 1857

Nel 1851, quando i giornalisti George Jones e Henry Jarvis Raymond fondarono il New York Daily Times, dovettero scegliere un logo per la loro nuova edizione cartacea. Henry voleva qualcosa di simile al titolo del The London Times, quindi ha copiato il carattere gotico e ha mantenuto il periodo successivo al titolo. La scritta nera originale è diventata parte dell’identità visiva nel primo numero. E grazie alla vecchia tecnica di stampa, sembrava tattile, come una depressione sulla carta.

1857 – presente

Nell’autunno del 1857, il giornale fu ribattezzato The New York Times, che si rifletteva opportunamente nel logo: i designer rimossero la parola “Daily” e aggiunsero l’articolo “The”. Il successivo grande cambiamento avvenne nel 1884 quando i progettisti dei font cambiarono la forma della “N”, “r” e “s”, aggiungendo riccioli alle estremità. Nel 1894, l’iscrizione divenne nuovamente contenuta, con entrambe le lettere “T” decorate con un ornamento a punta di freccia.

Due anni dopo, Adolph S. Ochs ha assunto la carica di CEO. Il nuovo proprietario del New-York Times ha rimosso il trattino sia nel nome ufficiale del giornale che nel suo logo. Questa è stata una grave violazione degli standard grammaticali che molti lettori hanno criticato. La tipografia cambiò alla fine del 1914: il 30 dicembre fu pubblicato il fascicolo con la gamba accorciata della lettera “h”.

Il 21 febbraio 1967, il type designer Edward Benguiat ridisegnò l’iscrizione su richiesta del direttore artistico Lou Silverstein. Ha deciso di non cambiare il suo stile in modo che l’emblema rimanga riconoscibile. Invece, il tipografo ha modificato leggermente le lettere e ha sostituito la freccia all’interno della “T” con un diamante. Successivamente, altri designer hanno ridisegnato più volte il logo, ma l’intestazione in prima pagina era ancora scritta con un font disegnato da Edward Benguiat.

Carattere e colori del logo

L’ultima riprogettazione del titolo del New York Times ha suscitato molto scalpore. L’ideatore del nuovo marchio denominativo ha appena rimosso il piccolo punto alla fine del titolo, scatenando l’ira di centinaia di lettori conservatori. La gente ha chiesto la restituzione del segno di punteggiatura mancante e ha confrontato la sua scomparsa con un intervento di chirurgia plastica fallito o con la perdita di un antico punto di riferimento.

Ma i proprietari del giornale non hanno mai ascoltato l’opinione pubblica. Hanno calcolato che non avere un punto farebbe risparmiare poco più di $ 41 all’anno non spendendo inchiostro ogni giorno. A causa di questo tentativo di tagliare il budget, la pubblicazione cartacea ha perso quasi mille abbonati. La situazione ha chiarito: non dovresti sperimentare i classici. Pertanto, il logo del New York Times non è mai cambiato da allora.

Edward Benguiat, il creatore del design originale dell’intestazione, era al Photo-Lettering in quel momento. Questa azienda ha realizzato composizioni fotografiche da lettere, che hanno permesso di sperimentare effetti ottici alternando lenti diverse. Era la titolare del copyright del carattere tipografico per il New York Times, ma lo diede al giornale per uso esclusivo.

La storia del fonte risale al lontano passato, quando i monaci del Sacro Romano Impero svilupparono un sistema di scrittura chiamato Caroline Minuscule. In Europa, la forma delle lettere è cambiata notevolmente: sono state compresse verticalmente. È così che è apparso lo stile Blackletter, da cui Johannes Gutenberg ha creato il carattere gotico. Edward Benguiat ha “germanizzato” un po ‘il disegno antico inglese originale, aumentando il contrasto e rendendo i segni più pesanti.

Il logo del New York Times ha sempre seguito la classica combinazione di colori dei giornali. Lo sfondo è lo stesso bianco della prima pagina e la scritta è nera perché è stampata con lo stesso inchiostro del testo.