Menu Chiudi

Ghostbusters Logo

Ghostbusters Logo

Ghostbusters è un franchise multimediale basato sul film con lo stesso nome. La prima commedia è uscita nel 1984, seguita dalla seconda parte (1989) e da un remake con donne nei ruoli principali (2016). L’uscita di un altro film è prevista per la fine del 2021. Tutti e quattro i film si concentrano su un team di eccentrici parapsicologi. Sviluppano la loro attività di caccia ai fantasmi e si trovano in una varietà di situazioni degne del cinema. Il successo di Ghostbusters ha visto l’idea originale diventare un marchio popolare. Ora il franchise multimediale include cartoni animati, serie TV, videogiochi, fumetti e persino giostre nei parchi di divertimento.

Significato e storia

Ghostbusters Logo Storia

Il primo film è stato ricordato dagli spettatori per i suoi costosi effetti speciali, il singolo senza tempo e il classico emblema No-Ghost. L’iconica icona merita un’attenzione speciale perché prende in giro i fantasmi e ti insegna a trattarli come qualcosa di banale, anche se sembrano intimidatori negli episodi di Ghostbusters. Una grafica carina compensa la frenesia. Inoltre, è stato utilizzato non solo sui poster, ma anche nella commedia stessa, come logo aziendale per i personaggi principali.

Questo emblema è stato inventato dallo sceneggiatore originale Dan Aykroyd. Ha lavorato al progetto per diversi anni, ispirato da un articolo sulla parapsicologia e la fisica quantistica. Dan originariamente voleva recitare nel film con il suo amico John Belushi, ma non è vissuto abbastanza per vedere le riprese. La storia è stata poi completamente rifatta per diventare il famoso Ghostbusters.

Va notato che nella sceneggiatura il logo è stato descritto con solo un paio di frasi e l’art director Michael C. Gross ha dovuto dettagliarlo. Ha lavorato con i suoi colleghi del dipartimento artistico per elaborare diversi concetti sfortunati. Di conseguenza, Gross cambiò solo leggermente la forma del fantasma, dopo di che si rivolse all’artista Brent Boates, che era un consulente per la progettazione di creature ultraterrene, per chiedere aiuto. Brent propose subito la versione definitiva.

Ora il simbolo No-Ghost è l’elemento più riconoscibile del franchise mediatico. Praticamente non è cambiato dopo l’uscita dei seguenti film.

1984

Ghostbusters Logo 1984

Inizialmente, si presumeva che il logo verrà utilizzato solo nella trama di Ghostbusters, ovvero gli spettatori lo vedranno sulle divise speciali dei personaggi principali e sul lato dell’auto Ecto-1. Ma quando serviva il primo teaser, lo studio Columbia non aveva i diritti sul nome del film: il marchio Ghostbusters apparteneva a uno show televisivo impopolare. In modo che il poster non fosse vuoto, gli sviluppatori hanno deciso di raffigurare l’emblema finale su di esso, che avrebbe dovuto decorare lo scenario, i costumi e gli oggetti di scena dei personaggi principali.

I creatori della commedia erano così ansiosi di evitare problemi legali e di trovare un sostituto temporaneo per il titolo del film che hanno tralasciato un dettaglio importante. Come si è scoperto, il fantasma nel logo assomigliava molto a Fatso del cartone animato di Casper. Il dipartimento artistico non ha attribuito alcuna importanza a questo, perché nessuno immaginava nemmeno che il simbolo sarebbe stato utilizzato per una campagna pubblicitaria. Di conseguenza, lo studio della Columbia ha ricevuto una causa da Harvey Comics. La corte era dalla parte della troupe cinematografica, poiché il copyright per i personaggi è scaduto dall’editore Casper.

È così che No-Ghost è diventato il logo del film ed è apparso nel titolo: un fantasma intrappolato all’interno di un cartello di divieto ha sostituito la lettera “O” nella parola “GHOSTBUSTERS”. I designer hanno oscurato le scritte e optato per un elegante carattere sans serif.

2016

Ghostbusters Logo 2016

Nel 2016 è uscito il terzo film Ghostbusters, non correlato alla trama dei primi due. I suoi creatori hanno cercato di preservare il simbolo originale, rendendolo solo tridimensionale utilizzando un gradiente e riflessi bianchi. Il segnale di divieto ha un bordo argentato e l’iscrizione ha ampie ombre grigie. Allo stesso tempo, le lettere stesse sono diventate bianche e la distanza tra loro è diminuita in modo significativo.

I creatori del logo si sono ispirati al segnale di divieto universale, che consiste in un anello rosso e una linea diagonale dello stesso colore. Questo simbolo è stato sviluppato dall’Organizzazione internazionale per la standardizzazione. Ma i designer del logo Ghostbusters non hanno utilizzato la versione originale con una striscia che va dall’angolo in basso a sinistra all’angolo in alto a destra, ma la sua versione specchiata e invertita. Il marchio “corretto” appare solo sui manifesti cinematografici in Europa.

All’interno del cerchio è raffigurato un fantasma dei cartoni animati. Il suo nome è Mooglie. Questo soprannome gli è stato dato da Dan Aykroyd (autore dell’idea, interprete di uno dei ruoli principali) e Ivan Reitman (regista, produttore).

Carattere e colori del logo

Ghostbusters Simbolo

L’emblema è utilizzato nel marchio denominativo al posto della lettera “O”. Il resto della scritta è in caratteri tipografici corti personalizzati. Per quanto riguarda la combinazione di colori, il segnale di divieto è sempre rosso e il fantasma è bianco. Solo il colore della parola “GHOSTBUSTERS” è diverso. All’inizio il titolo del film era nero, ma poi i designer lo hanno reso lo stesso bianco di Mooglie, decorando i bordi con ombre grigie.

Logo della Ghostbusters