Menu Chiudi

DocuSign Logo

DocuSign Logo

DocuSign è una società di software americana che offre servizi di firma elettronica e transazioni digitali. È stata costituita nel 2003 da tre imprenditori: Eric Ranft, Tom Gonser e Court Lorenzini. Oggi il servizio copre oltre 500mila clienti e centinaia di milioni di utenti provenienti da più di 180 paesi nel mondo. La sua sede si trova a San Francisco, California.

Significato e storia

DocuSign Logo Storia

Il concetto di tale servizio è venuto a Tom Gonser quando ha gestito la propria azienda, NetUpdate. E nel processo, il servizio ha acquistato diverse organizzazioni e startup, tra cui DocuTouch di Seattle. È stato finanziato da Timberline Venture Partners, Jeff Tung e Bill Kallman, fornendo $ 4 milioni. Timberline ha poi contribuito con un altro milione alla fusione con NetUpdate.

Solo DocuTouch deteneva i brevetti per le firme digitali. Court Lorenzini, con il supporto di Gonser, ha accettato di acquisire alcune delle risorse di DocuSign da NetUpdate. Ha poi lasciato il consiglio e si è concentrato interamente su DocuSign. Di conseguenza, nel 2010, l’azienda ha aggiunto il supporto per la verifica dell’utente su smartphone, iPad e iPhone. Entro la fine di quell’anno, serviva il 73% del mercato della firma elettronica, contribuendo al riconoscimento diffuso del logo.

E l’azienda è stata davvero notata. Dopo un sostanziale supporto monetario da Scale Venture Partners, ha aperto uffici a Londra (Regno Unito) e San Francisco (USA), che ora funge da quartier generale globale. Due anni dopo, l’azienda ha stipulato un accordo con PayPal, introducendo la funzione di raccolta firme e pagamenti in un’unica transazione utilizzando DocuSign Payment. Accordi simili sono stati approvati con Google Drive e Salesforce.com.

Tutto ciò ha portato al fatto che nel 2016 il nuovo arrivato nel mercato finanziario e analitico ha occupato la terza riga del rating Forbes Cloud 100. Pertanto, l’emblema dello stile aziendale è diventato ancora più noto. E in tutto, DocuSign ne ha due: debutto e attuale.

2003 – 2019

DocuSign Logo 2003-2019

Il logo di questa istituzione finanziaria è stato professionale fin dall’inizio e ha parlato direttamente della sua occupazione. E tutto perché il marchio è costruito sul nome del servizio e si compone di due elementi. Il primo è “Docu”, in caratteri stampati e denota il concetto di “documento”. Il secondo è “Segno”, scritto a mano in corsivo e associato alla parola “firma”.

Cioè, il nome della società è l’abbreviazione del concetto chiave di “firma del documento”. Inoltre, la parte destra del nome non è solo “scritta a mano”, ma si trova anche sulla linea tratteggiata, che di solito indica il luogo in cui è necessario apporre la propria firma. La tavolozza dei colori è discreta e si compone di blu, nero e grigio.

2019 – oggi

DocuSign Logo 2019-oggi

Il logo attuale è caratterizzato da una maggiore efficienza. È reso in un carattere classico, dove sono stampate tutte le lettere, poiché i designer hanno rimosso lo stile manoscritto, sostituendolo con uno clericale. Ora il nome è fatto in un carattere tradizionale e non è diviso in due parti. E il fatto che sia in due parti è evidenziato solo dalle lettere maiuscole “D” e “S”. Altrimenti, i lati destro e sinistro sono identici: i simboli sono lisci, grotteschi, con una distanza minima l’uno dall’altro.

Carattere e colori del logo

DocuSign.doc Simbolo

Come tutti i loghi del nuovo millennio, a questa identità visiva è stato conferito uno stile semplice. Il laconicismo è enfatizzato dalla mancanza di dettagli aggiuntivi in ​​modo che l’attenzione dei clienti sia concentrata al massimo sui servizi. Inoltre, un tale emblema è conveniente, perché è chiaramente visibile sui display di qualsiasi dispositivo.

Logo della DocuSign.doc

Il logo di debutto utilizza un font che ricorda l’Okojo Pro Stack Face di Wordshape. Per l’emblema attuale, il carattere Mytupi Bold viene scelto in una versione leggermente modificata, perché nell’originale le lettere sono leggermente appiattite. La tavolozza dei colori è scarsa. All’inizio includeva grigio, nero e blu e ora solo nero.