Campari Logo

Campari LogoCampari è un marchio italiano che produce amari con un gusto amaro pronunciato. Apparve nel 1860, quando Gaspare Campari inventò una ricetta per una bevanda alcolica unica e fondò l’azienda di famiglia Gruppo Campari.

Significato e storia

Campari Logo Storia

La politica di marketing del marchio prevede frequenti cambi di immagine. È diventato famoso per i suoi manifesti pubblicitari, su cui hanno lavorato artisti famosi. E anche – un marchio originale che adorna ogni etichetta.

Il marchio aveva molti emblemi stilisticamente consonanti. Nel 1987 i suoi titolari decisero di ridefinire gli standard di progettazione grafica e affidarono questo compito a G&R Associati. Dopo aver esaminato i primi loghi, gli esperti hanno notato la versione registrata nel 1912. Come si è scoperto, era la più popolare dopo la seconda guerra mondiale ed è stata spesso utilizzata per identificare il produttore.

1888 – 1905

Il logo del famoso liquore amaro infuso con erbe, bacche e frutti consisteva in delicati riccioli e la parola “Bitter”. Era al centro di linee vorticose di spessore variabile che si estendevano verso l’esterno da “B”. Questo è un promemoria della vite che fa parte dell’amaro. L’enfasi principale nell’emblema è stata posta proprio sulla prima lettera. Aveva un design originale e ha sostituito un segno grafico. La parola è semi-coerente, aggraziata, scritta a mano in grafia calligrafica con una leggera inclinazione.

1905 – 1912

In questo periodo prevaleva la variante con tripla iscrizione. Ogni parte si trovava in una riga separata e aveva un carattere individuale. L’auricolare non corrispondeva in nessuna delle linee. La parola in alto “Bitter” era tozza, con serif e una gamba “R” impressionante in avanti. L’elemento centrale era la scritta “Campari”, realizzata a caratteri cubitali con serif espressivi alle estremità. Il frammento inferiore era costituito dalla parola “l`aperitivo”, che denotava il tipo di bevanda, ed era disegnato in una scrittura manoscritta senza inclinazione.

1912 – 1920

Il produttore del mitico liquore è tornato alla versione originale del logo, aggiungendo ulteriori informazioni sul prodotto. Di conseguenza, l’etichetta sembrava un volantino con una tonnellata di dati dettagliati. Lo sfondo era chiaro, le lettere, come al solito, scure.

1920 – 1921

Dopo il restyling, l’azienda ha ricevuto una doppia iscrizione: in alto la scritta “Bitter”, in basso – “Campari”. Del carattere ludico della bevanda si parlava di “C” e “T”, decorate in modo originale. La prima lettera aveva la forma di un semi-ricciolo con una parte superiore affilata e un fondo piatto diretto verso il basso. Il secondo era completato da un cappello ondulato che copriva la “i” minuscola a sinistra. Tutti i caratteri sono sottili, tritati, maiuscoli.

1921 – 1922

Durante questo periodo, il logo era utilizzato dalle stesse due parole della versione precedente, ma senza un trattino tra di loro. Inoltre, i designer hanno sostituito il carattere sottile con caratteri in grassetto, aggiunto serif alle lettere, ridotto l’iscrizione in alto e aumentato il fondo.

1922 – 1923

Per un anno intero, lo stemma è stato adornato con il segno “C” in una presentazione unica: con una parte superiore più volte arricciata e una parte inferiore stretta, senza la tradizionale espansione. L’iscrizione “Campari” è rimasta coerente in corsivo, poiché tutti i simboli erano strettamente interconnessi e sembravano confluire l’uno nell’altro. La parola “amaro” è stata scritta in lettere minuscole nello stesso stile di quella inferiore. Il “tt” aveva una traversa comune.

1923 – 1927

Come risultato di una riprogettazione radicale, è apparso un logo con una singola iscrizione. Il nome del marchio e il tipo di bevanda alcolica sono stati evidenziati in grassetto. Gli spazi vuoti all’interno delle lettere sembravano così stretti che lo sfondo bianco non poteva essere visto attraverso di essi.

1927 – 1928

I designer hanno rivisto l’ortografia di “Campari”: hanno riportato la versione 1905-1912, rimuovendo le informazioni non necessarie dal logo. Inoltre, gli sviluppatori hanno spostato strettamente i caratteri, hanno messo la parola tra virgolette, allungato leggermente l’estremità inferiore della “C” e l’hanno portata dietro la gamba sinistra “A”.

1928 – 1931

Nel 1928, gli autori raggrupparono nuovamente il titolo. Ne hanno aggiunti altri due al cartiglio: “Cordial” e “Liguor”. Cioè, il logo era inteso per un altro tipo di prodotto che appariva nell’assortimento: per il liquore. Gli elementi superiore e inferiore (a proposito, si trovavano negli angoli) sono piccoli, quello centrale è grande, è stato realizzato in grassetto. I simboli erano completamente neri, opachi, senza spazi vuoti interni.

1931 – 1935

Sull’etichetta dell’epoca c’era una tripla scritta: “Bitter”, “Campari”, “L`aperitivo”. La parola centrale è stata posta in diagonale e in corsivo coerente, quella superiore è stata scritta in grassetto stampatello, quella inferiore è stata scritta in caratteri sottili.

1935-1936

L’emblema conteneva il nome del marchio, il tipo di bevanda e il suo scopo. Le iscrizioni erano separate in modo equilibrato: la parte superiore era a destra, la parte inferiore era a sinistra e il centro era al centro. Anche la dimensione era adeguata per non sovraccaricare visivamente il logo: la parola chiave era scritta a caratteri grandi, le altre due a caratteri medi. Inoltre, sono stati disposti secondo il principio della prospettiva: le lettere vicine sono grandi, le lettere lontane sono piccole.

1936 – 1987

Per un anno, i prodotti del marchio italiano sono stati decorati con un emblema di un design molto originale. La “C” ed entrambe la “A” nella riga superiore avevano estremità estruse. La frase inferiore è stata eseguita con un carattere che assomiglia al testo scritto a mano.

1987 – 1991

Durante questo periodo apparve una versione universale, che divenne la base per la versione attuale. Il logo conteneva lettere in stampatello chiare con una buona leggibilità. Erano grandi, con una scomposizione media tra i simboli e con ampi serif alle estremità su entrambi i lati. Allo stesso tempo, l’azienda si è allontanata per la prima volta dal monocromatico, utilizzando un colore blu scuro.

1991 – presente

Il marchio moderno contiene la parola “Campari”. Le lettere sono molto vicine, con poca o nessuna spaziatura. Hanno serif corti ma larghi di una forma insolita. Carattere: Campari Bold. È stato sviluppato appositamente per il marchio italiano dall’agenzia di marketing Landor Milano. Le scritte sui manifesti pubblicitari del 1900 divennero un modello per la tipografia.

Ogni carattere stampabile ha un contorno oro scuro con un’ombra nera. Questa tecnica grafica ha consentito un sottile effetto 3D. Le lettere bianche risaltano in contrasto con il rettangolo blu. Allo stesso tempo, si accostano armoniosamente alla cornice dorata che circonda il logo.

Carattere e colori del logo

Nei primi anni della sua esistenza, il marchio ha scelto iscrizioni retrò per i suoi prodotti che indicavano il tipo di alcol. Pertanto, gli emblemi consistevano in due o anche tre linee. Il marchio ha ora optato per un logo monopezzo versatile.

Nel corso della sua esistenza, Campari ha utilizzato un’incredibile varietà di caratteri. Alcuni erano generalmente accettati, altri erano individuali. Tra questi, ad esempio, Mostra Nuova, Fairplex Narrow Black, Campari Bold, che è rilevante. La combinazione di colori dell’emblema è sempre rimasta monosillabica: è monocromatica dal nero o blu scuro con il bianco.