Bank of India Logo

Bank of IndiaBank of India è la più grande banca commerciale e uno dei fondatori del popolare sistema SWIFT (Society for Worldwide Inter Bank Financial Telecommunications). Fondato nel 1906, ha ora aperto più di 5300 filiali, 56 delle quali si trovano fuori dal paese. L’istituto finanziario ha anche stabilito 5 filiali e 1 joint venture. Inoltre dispone di 5 uffici. Ora la sua sede si trova a Bandra Kurla Complex, Mumbai (India).

Significato e storia

BOI (questo è il suo secondo nome, abbreviato in un acronimo) appariva in contrasto con le istituzioni finanziarie di proprietà di europei e americani. Nell’ex paese colonizzato non c’era nessuno che rappresentasse gli interessi della popolazione indigena nel settore bancario. Poi, nel settembre 1906, un gruppo di influenti imprenditori locali si unì e creò la propria banca. È stata una delle prime strutture private di questo tipo. L’evento storico si è svolto nella città di Mumbai (Maharashtra).

Sassoon J. David, una figura leggendaria, un commerciante calcolatore, il primo baronetto, proprietario di una manifattura tessile e membro della comunità di Bombay degli ebrei di Baghdadi, divenne il capo della Bank of India. Ha diretto l’istituto dal suo inizio fino al 1926 – fino agli ultimi anni della sua vita.

Negli anni ’50 del secolo scorso, la banca ha intensificato l’apertura di filiali estere. I primi punti furono fondati in Giappone, Singapore, Uganda, Kenya, Yemen. Dopo una breve pausa, ha ricominciato a coprire i mercati esteri. Nel 1969, insieme ad altre tredici banche, fu nazionalizzata e passata alla subordinazione statale.

Per tutto questo tempo, l’istituto finanziario ha utilizzato un logo, approvato all’inizio della sua carriera. Accompagnava sempre le transazioni finanziarie, rappresentava l’azienda a livello internazionale e portava fortuna, perché in origine era un significato sacro.

Carattere e colori del logo

Il logo si presenta come un rettangolo allungato orizzontalmente con il simbolo della banca a sinistra e il suo simbolo grafico a destra. Il testo è costituito da un titolo. È scritto in lettere chiare e leggibili con una ripartizione ottimale. Vengono seguite le regole grammaticali standard: la prima lettera di una parola è maiuscola, il resto è minuscolo. Un’eccezione è la preposizione, che contiene solo lettere minuscole.

Sul lato destro c’è una stella a cinque punte con raggi taglienti allungati non uniformemente: quattro di loro sono ugualmente corti, uno è il più lungo possibile. Inoltre, le ombre conferiscono loro un volume 3D, il che fa sembrare che un lato delle nervature sia chiaro e l’altro sia scuro.

Al centro su uno sfondo bianco c’è una divinità classica – un rappresentante del pantheon indù con un tridente tra le mani. Un leone giaceva imponente accanto a lui. L’atteggiamento fiducioso di entrambi indica che sono guardie che proteggono la struttura finanziaria da eventuali fallimenti e problemi. Il cerchio è inscritto in un pentagono capovolto, quindi in un altro, ma già di dimensioni maggiori e posizione corretta.

Il logo è scritto in un carattere elegante e grottesco della famiglia Sans Serif. Ha le sue differenze: ad esempio, le lettere “a” e “n” hanno gli stessi smussi delle gambe destre: leggermente inclinate, lisce, il più uniforme possibile, senza transizioni. La “i” minuscola ha un rettangolo in miniatura invece di un punto che non va oltre il resto del carattere.

La tavolozza aziendale comprende tre varianti di colore, ciascuna delle quali è presente nell’emblema. In particolare, sono Cinnabar Crimson (# F33F26), Princeton Orange Mandarin (# FA7F22) e Ocean Boat Blue (# 017DC7). Inoltre, c’è il bianco: è usato per le iscrizioni e uno sfondo per le figure centrali della stella.