Bank of Baroda Logo

Bank of Baroda LogoBank of Baroda è un’istituzione bancaria fondata nel 1908 dai maharaja e riformatori dello stato Sayajirao Gaekwad III insieme a un gruppo di individui più ricchi dell’India. Attualmente è uno dei primi tre istituti di credito finanziari del paese.

Significato e storia

La carriera di BoB (come viene chiamata in forma abbreviata) è iniziata con il contributo personale di nobili rappresentanti della regione di Baroda, quindi l’azienda è nata come una struttura individuale. A poco a poco, l’organizzazione bancaria ha iniziato ad espandere la propria area di attività, coprendo Kenya e Uganda, dove ha aperto le proprie filiali. Ha poi esteso la sua influenza in Europa, fondando una filiale di Londra nel Regno Unito. Nel 1969 la banca fu nazionalizzata e passata sotto la giurisdizione dello Stato, senza perdere la sua popolarità e il meritato successo nel settore finanziario.

Molti anni dopo, nel settembre 2018, l’istituto doveva fondersi con altre due società finanziarie: Vijaya Bank e Dena Bank. Questa procedura è stata ufficialmente completata nell’aprile 2019. Poiché l’iniziatore della fusione era BoB, che ha dato un contributo monetario significativo al fondo comune, la nuova struttura ha ricevuto il suo nome. È così che l’India ha il terzo più grande prestatore dopo la banca SBI e ICICI.

Per tutto questo tempo, il segno dell’identificazione visiva della Banca di Baroda è rimasto lo stesso all’alba della sua apparizione – nel 1908. Divenuta nota non solo nel paese ma anche all’estero, non è mai cambiata in modo che l’azienda non perda i suoi clienti e la sua reputazione di prestatore affidabile. Il logo è stato ereditato da una struttura finanziaria di nuova costituzione apparsa nel 2019.

Carattere e colori del logo

Il simbolismo della banca è una riuscita combinazione di testo e grafica. Sulla sinistra c’è un personaggio disegnato a mano a forma di una grande “B”. La lettera è doppia, enfatizzata dal contorno destro, che ripete la sagoma formata dal nome “Bank of Baroda”. Contiene entrambe le B contemporaneamente. I simboli sono separati da uno spazio bianco della stessa configurazione. Nell’angolo in basso a sinistra c’è un semidisco del sole con i raggi che salgono. Sono raffigurati come cinque strisce sottili di diverse lunghezze.

La seconda parte del logo è un’iscrizione realizzata in due lingue. In alto, viene utilizzato l’hindi, la lingua di stato in India. Il testo è scritto in una speciale scrittura calligrafica chiamata Devanagari con una speciale linea di collegamento. Di seguito è la stessa frase, ma nella versione inglese. Ciò è dovuto al fatto che molte persone in India comunicano in inglese, poiché il paese era la più grande colonia della Gran Bretagna.

Sebbene il logo contenga iscrizioni in due lingue, utilizzano lo stesso tipo di carattere. Questa tecnica rende l’emblema stilisticamente integrale. Le frasi hanno una leggera pendenza a destra. Le prime lettere delle parole sono maiuscole, le altre sono minuscole. Come carattere di base viene utilizzato il Sans Serif di medio spessore.

Tutti gli elementi sono dipinti in una tavolozza, che consiste in una combinazione di bianco e arancione. Inoltre, quest’ultimo colore ha una tonalità pastello vicina al colore di un deserto sabbioso.