Menu Chiudi

Abarth Logo

Abarth Logo

Abarth è un marchio italiano di auto sportive e stradali e un’unità produttiva ora interamente di proprietà di Stellantis. Il momento della sua apparizione è il 1949esimo anno. La sede si trova nella città di Torino (Italia). Il fondatore è Carlo Abarth, che ha dato il nome al marchio.

Significato e storia

Abarth Logo Storia

Quando, nel 1947, Carlo Abarth, direttore sportivo della squadra corse dello stabilimento Cisitalia, si accorse che l’azienda stava per crollare, fu seriamente preoccupato per le sue sorti future. Nel 1948 l’azienda chiude e il suo fondatore Piero Dusio si trasferisce in Argentina. Poi Carlo si ottenne il sostegno economico di Armando Scagliarini e trasferì a sé tutti i beni dell’impianto in rovina. Di conseguenza, nella primavera del 1949, sulla sua base sorse una nuova struttura – Abarth & C. La sua sede era la città di Bologna, ma nel tempo la sede fu trasferita a Torino (nel 1951).

A seguito della liquidazione di Cisitalia, il marchio ha ricevuto una serie di 204 vetture sportive, una sola vettura D46 e vari accessori. Tutti i veicoli furono immediatamente rinominati e corsero con un nome diverso. La maggior parte degli ultimi modelli sono stati annunciati per le gare. Vi hanno preso parte cavalieri famosi: Guido Scagliarini, Franco Cortese, Piero Taruffi, Tazio Nuvolari. L’ultimo di loro vinse la Coppa Palermo-Monte Pellegrino su Abarth 204 A nell’aprile 1950.

Oltre alle corse, l’azienda si occupava della produzione e vendita di ricambi e accessori per auto per Cisitalia, Lancia, Simca e Fiat. A seguito del trasferimento della sede a Torino, Abarth ha stretto una partnership con Fiat per creare la gamma Abarth 1500 Biposto dai suoi veicoli. Negli anni ’60, l’azienda ottenne un grande successo con le sue auto sportive nella classe 850-2000 cc. I suoi principali concorrenti erano Porsche e Ferrari.

Essendo l’azienda specializzata nell’assemblaggio di auto da corsa, ha posto grande attenzione alla loro immagine. Fin dall’inizio, un formidabile scorpione era presente sul cofano, che sfoggiava su uno sfondo rosso e giallo brillante. Un tale simbolo non si riferisce a un vero artropode, ma allo zodiaco, il segno sotto il quale è nato Carlo Abarth. Nel corso degli anni di esistenza del marchio, l’emblema non è mai cambiato. Tutti i loghi hanno solo piccole modifiche al di fuori del concetto di base.

1949 – 1954

Abarth & Co Logo 1949-1954

La versione di debutto del logo conteneva una singola immagine di uno scorpione. Era il più vicino possibile a un’immagine realistica e conteneva molti dettagli fisiologici. La struttura precisa delle piccole zampe laterali, le tacche sulle chele, il numero di segmenti sulla coda: tutto è stato accuratamente tracciato. Era necessario intimidire i rivali, come si addice alle squadre sportive. La tavolozza dei colori era contenuta: nero e diverse sfumature di grigio. Rosso anche il logo: metteva in evidenza il nome dell’azienda e la sua sede. L’iscrizione era sotto l’immagine. Inoltre, l’autore dello stemma era lo stesso Carlo Abarth, che era un progettista di automobili.

1954 – 1961

Abarth & Co Logo 1954-1961

Per approfondire lo sfogo emotivo e sottolineare lo spirito competitivo del brand, lo sviluppatore ha posizionato lo scorpione su uno scudo riccio dal colore acceso. Il giallo e il rosso davano abbastanza adrenalina, caricando alcuni di eccitazione, altri di paura. Le zone multicolori erano divise da una linea diagonale e sullo sfondo si trovava un simbolo di artropodi. Allo stesso tempo, lo scudo somigliava a un gallone, poiché il nome dell’azienda fu spostato in un campo separato e si trovava in un arco. All’esterno, il logo aveva un doppio contorno con linee blu e gialle.

1961 – 1969

Abarth & C. Logo 1961-1969

Dopo il successo delle auto sportive, il proprietario dell’azienda ha deciso di aggiungere originalità allo stemma, abbandonando i dettagli dello scorpione. Per fare ciò, ha dipinto lo sfondo con il nome del marchio automobilistico blu e il designer ha reso le lettere stesse gialle. Un altro cambiamento ha influenzato la stilistica artistica dell’immagine: l’aggressività e i dettagli l’hanno lasciata, lasciando il posto a schematicità e astrazione. L’artista ha assottigliato le zampe laterali, ridotto il numero dei segmenti della coda e aumentato le chele. Sul bordo del gallone, ha dipinto un bordo blu scuro e sul corpo dello scorpione – riflessi bianchi.

1969 – 2007

Abarth Logo 1969-2007

Non c’era il blu nello stemma di quegli anni: fu sostituito dal viola e dal nero. Il primo fungeva da sfondo per il nome del marchio, il secondo era uno scorpione. La scritta divenne grande e bianca. Era separato dallo spazio principale da una linea ondulata rossa. Il giallo ha una tonalità pastello. I processi laterali dell’artropode erano completamente accorciati. Il giallo è apparso lungo il bordo scuro. Lo Scorpione era raffigurato in stile cubista.

2007 – oggi

Abarth Logo 2007-oggi

I designer hanno riempito l’attuale versione del logo con lo spirito del patriottismo, per il quale hanno utilizzato i colori della bandiera italiana. Di conseguenza, la linea di demarcazione tra il marchio e lo scorpione è ora colorata di verde, bianco e rosso. Inoltre, hanno allargato il gallone, quindi ha ottenuto la massima somiglianza con lo scudo. Gli sviluppatori hanno livellato il campo superiore con la parola “Abarth” e hanno dato all’iscrizione stessa una forma ad arco. Per questo motivo, le lettere sono diventate diverse in altezza: quelle centrali sono lunghe, quelle laterali sono corte. La bordatura del logo è realizzata sotto la cornice metallica con ombre e luci. Gli autori hanno posizionato lo scorpione esattamente sulla striscia diagonale, dividendolo visivamente in due parti. La testa e gli artigli sono nella zona gialla, il corpo, le zampe e la coda sono in rosso.

Carattere e colori del logo

Abarth Simbolo

Proprio all’inizio della riorganizzazione del marchio Cisitalia in Abarth, il suo nuovo proprietario ha scelto l’immagine dello scorpione per il logo, il suo segno zodiacale. Da allora, l’artropode è sempre stato presente nell’identità: cambia solo il suo stile di disegno.

L’iscrizione è realizzata in un carattere vicino al Microgramma D Bold Extended. Gli autori di questo font sono Aldo Novarese & Alessandro Butti. La controparte gratuita più vicina è il Grammara Normal Font, creato dal designer Thomas E. Harvey.

Logo della Abarth

La combinazione di colori del logo è standard e consiste in rosso, giallo, bianco e nero. A loro sono stati aggiunti periodi blu, viola, verde.