Roku Logo

Roku LogoRoku ha lanciato il suo prodotto di punta, i lettori multimediali digitali, nel 2008. È stato lanciato molto prima nel 2002. È stato fondato dall’uomo d’affari miliardario americano Anthony Wood per aiutare Netflix a creare il set-top box originale. Ma si è scoperto che il progetto è stato chiuso solo pochi giorni prima del lancio. Roku non ha avuto altra scelta che lasciare Netflix e continuare il lavoro indipendente nella direzione scelta. L’azienda ora possiede una Smart TV di marca, un sistema operativo Roku, un media store e un proprio canale di streaming.

Significato e storia

Roku Logo Storia

Roku Corporation e il marchio di lettori multimediali digitali con lo stesso nome hanno sempre condiviso un logo comune. È apparso nel 2002, ma “è uscito” solo 6 anni dopo, dopo l’invenzione del primo set-top box autonomo DVP N1000. Il numero del modello sulla cassa è stato scritto con lo stesso carattere che è stato presentato sull’emblema.

Allo stesso tempo, il marchio è stato rimosso dal dispositivo: i designer industriali hanno deciso di stamparlo separatamente su un’etichetta viola scuro. Sembrava un’etichetta su un capo di abbigliamento, tranne per il fatto che non era attaccata a magliette o pantaloni, ma al lato del lettore di streaming e alla parte inferiore del telecomando.

Successivamente, Roku non ha cambiato il suo stile. Anche le successive nove generazioni di lettori multimediali digitali avevano il logo in primo piano. Man mano che l’attività si espandeva, il nome stilizzato dell’azienda iniziò ad apparire anche su altri prodotti, su tutto ciò che riguardava Roku e i suoi servizi.

A prima vista, non c’è nulla di straordinario nell’emblema. Contiene solo una parola, due colori e nessuna grafica aggiuntiva o caratteri complessi con motivi. Ma questo è ciò che lo rende unico, perché lo stile minimalista è associato a semplicità, stabilità, monumentalità e accessibilità universale, e le qualità elencate caratterizzano i prodotti del marchio dal lato migliore.

Carattere e colori del logo

In termini di marchio denominativo, l’azienda mostra una coerenza invidiabile. Non l’ha mai cambiata, migliorata o addirittura sperimentata con la combinazione di colori – in generale, ha aderito al concetto originariamente scelto. Questo conservatorismo ha i suoi vantaggi: il logo Roku è diventato riconoscibile ed è ora associato solo a beni e servizi di alta qualità.

A giudicare dalla caratteristica forma della “K”, la scritta è composta da lettere maiuscole, sebbene la prima “R” sia leggermente più alta delle altre, e la “U” abbia l’aspetto di una minuscola per via del tratto verticale sul lato destro. Il carattere appartiene alla categoria dei grotteschi, cioè i caratteri alle estremità non hanno serif decorativi. La parola “Roku” è in grassetto, che è l’unica cosa che la fa risaltare chiaramente.

Nella versione principale del logo, la scritta è viola scuro e lo sfondo è bianco. Le etichette che adornano i lettori multimediali digitali hanno colori invertiti. Quando si posiziona il marchio sulla custodia del dispositivo viene utilizzata una tavolozza completamente diversa: in questo caso, il nome del produttore può essere nero, grigio o argento metallizzato.