Menu Chiudi

Olympics Logo

Olympics Logo

Le Olimpiadi sono competizioni sportive popolari che si svolgono a livello internazionale. Ogni quattro anni, squadre provenienti da più di 200 paesi si riuniscono per competere in 26 o 15 sport, a seconda del programma (sia inverno che estate). Una città preselezionata è responsabile dell’organizzazione dell’evento. Per fare ciò, deve presentare una domanda, seguire tutte le procedure necessarie, dimostrare il proprio valore e ricevere più del 50 percento dei voti della commissione nella fase finale. Le città si battono per il diritto di ospitare i Giochi Olimpici perché non solo è prestigioso, ma anche redditizio, nonostante i costi elevati.

Significato e storia

Olympics Logo Storia

Le competizioni internazionali sono associate a un’antica tradizione greca. Si ritiene che nel 776 a.C. NS. i Greci iniziarono ad organizzare eventi sportivi con connotazioni religiose. Si tenevano ogni quattro anni e il periodo tra di loro era chiamato Olimpiade ed era usato come un sistema speciale per misurare il tempo. La posizione è sempre stata la stessa: la piccola città di Olimpia. C’erano gare rituali organizzate in onore del dio supremo Zeus e i vincitori venivano immortalati in statue. Con l’arrivo dei Romani, i Giochi Olimpici furono banditi come pratica pagana.

Fu solo nel 1894 che gli eventi multi-sport furono ripristinati, sebbene ci fossero stati altri tentativi per riportarli indietro. A poco a poco, la competizione è stata divisa in due stagioni, perché in estate era impossibile mostrare gli sport invernali. Con il progredire dello sviluppo, le Olimpiadi avevano il loro simbolismo, dove, oltre a talismani, slogan e inni, c’era un emblema con l’immagine di cinque anelli. È ancora usato oggi, decorando la bandiera dal 1913.

1913 – 1986

Olympics Logo 1913-1986

Quasi tutti i simboli dei giochi sono stati inventati da Pierre de Coubertin, il creatore del Comitato Olimpico Internazionale. Fu intellettuale, storico ed educatore. La cosa più importante nella scuola Pierre considerava l’educazione fisica, come nell’antica Grecia. Non è mai riuscito a introdurre le sue idee nel sistema educativo francese, ma è stato in grado di far rivivere le Olimpiadi, che ha sempre romanzato.

Di conseguenza, fu Pierre de Coubertin a inventare il famoso logo di cinque anelli interconnessi di diversi colori. In origine erano di colore verde, giallo, rosso, nero e blu. Quindi il designer ha legato insieme le bandiere dei paesi concorrenti, prendendo diversi colori da ciascuna. Allo stesso tempo, gli anelli corrispondevano ai continenti, il che avrebbe dovuto mostrare la natura globale della competizione.

Si diceva che il simbolo a cinque anelli fosse di antica origine greca. Sono stati ammessi da due presentatori televisivi americani che sono venuti nella città di Delfi e hanno visto anelli molto simili scolpiti nella pietra allo stadio. Come si è scoperto, questi attributi non apparivano sotto i greci, ma nel 1936, quando si tenne la cerimonia degli alfieri a Delfi in onore dei prossimi giochi.

In effetti, durante la creazione dell’emblema olimpico, Pierre de Coubertin non si è affatto ispirato alla storia dell’antica Grecia. Ha realizzato un simbolo a cinque anelli simile al logo USFSA, che presentava due anelli intrecciati in rosso e blu. La bandiera dei Giochi Olimpici ha fatto il suo debutto ufficiale nel 1920 nella città belga di Anversa. A causa della mancanza di standardizzazione, il motivo potrebbe cambiare nell’altezza e nella densità delle file, nonché nella larghezza delle linee. La versione finale fu adottata nel 1957. Fu approvata dai membri del CIO, sulla base della modifica di maggior successo, a loro avviso, dell’originale.

1986 – 2010

Olympics Logo 1986-2010

La nuova versione dell’emblema è stata sviluppata da un designer sconosciuto, che è stato incaricato dal Comitato Olimpico Internazionale di creare spazi vuoti alle giunzioni degli anelli in modo che i cinque elementi non si fondano insieme. Ciò era richiesto dalla tecnologia di stampa obsoleta. Solo le versioni a un colore del logo sono rimaste solide.

2010 – oggi

Olympics Logo 2010-oggi

Nel 2010, le aree vuote tra gli anelli sono state ridipinte. Gli artisti hanno restituito l’integrità al simbolo olimpico e l’hanno avvicinato il più possibile all’originale, creato da Pierre de Coubertin nel 1913. La versione moderna differisce da quella vecchia per le linee sottili e pulite. I colori non sono cambiati: i designer hanno aggiornato solo le sfumature.

Logo delle Olimpiadi di Tokyo 2020

Tokio 2020 Olympics Logo

Gli sviluppatori adattano l’emblema delle Olimpiadi per ogni gioco, in modo che ogni stagione abbia le proprie decalcomanie. Allo stesso tempo, gli anelli tradizionali compaiono sempre in tutte le versioni. Di solito sono raffigurati di seguito, sotto il simbolo della città ospitante.

Tali elementi di identità vengono creati 4-5 anni prima dell’inizio dell’evento. La presentazione del logo originale dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020 è avvenuta nel 2015. Aveva una forma a T per rappresentare la squadra, il domani e il nome della città. Ma il simbolo proposto da Kenjiro Sanro non è mai stato utilizzato. Un altro designer ha notato che il suo lavoro era molto simile all’emblema scelto e ha intentato una causa chiedendo danni. In risposta, gli organizzatori dell’evento sportivo internazionale hanno abbandonato la loro decisione e hanno ripetuto la competizione per il miglior logo.

Nel 2016 ha vinto la versione proposta da Asao Tokolo. A prima vista, questa è una semplice astrazione, ma ha un significato nascosto. Il motivo a scacchi trasmette l’idea di unità. Si compone di quadrati e due tipi di rettangoli per simboleggiare la diversità. Le figure quadrangolari sono disposte in cerchio e dipinte nel colore indaco caratteristico della cultura giapponese. In basso, tra la parte grafica e gli anelli olimpici, c’è la scritta “TOKYO 2020”.

Carattere e colori del logo

Olympics Simbolo

Gli anelli ad incastro sono ottimi per un evento internazionale perché rappresentano una connessione. Sono collegati in due file a forma di lettera “W”. Il loro simbolismo è stato notato anche dallo psicoanalista e psichiatra Carl Gustav Jung, che, molto prima della creazione del logo dei Giochi Olimpici, considerava gli anelli intrecciati come la personificazione delle persone e della continuità. Ci sono motivi simili in altri ambiti della vita: per esempio, nella Massoneria, nei rituali matrimoniali, nella geometria sacra. Questa idea si basa sulle proprietà della forma matematica Vesica Piscis creata dall’intersezione di due dischi identici.

Le scritte sui loghi cambiano ogni quattro anni perché le città ospitanti stanno sviluppando le proprie identità. Ma il simbolo a cinque anelli ha sempre una forma tradizionale e una tavolozza classica. Ogni segmento ha un colore diverso: rosso, verde, nero, giallo e blu. Rappresentano i cinque continenti i cui abitanti partecipano alle competizioni sportive internazionali.

Logo della Olympics

Allo stesso tempo, i colori non sono legati a nessuna parte specifica del mondo, perché Pierre de Coubertin non ha dato loro un tale significato. Ha scelto la tavolozza su un principio diverso. Il “padre” delle Olimpiadi ha cercato di fare in modo che i sei colori potessero rappresentare le bandiere di tutti i paesi del mondo, senza eccezioni. Cioè, se gli anelli rappresentano i continenti abitati, la loro combinazione di colori simboleggia i singoli stati.