Menu Chiudi

Gears of War Logo

Gears of War Logo

Gears of War è uno sparatutto in terza persona sopra le spalle. È sviluppato da Epic Games e pubblicato da Microsoft Game Studios. La sua data di uscita è ottobre 2006. Il gioco è stato rilasciato prima per Xbox, poi per Microsoft Windows, iOS e Android. Oggi ha diversi premi e trame, che si svolgono su tre livelli di difficoltà: Insane, Hardcore, Casual, che si aprono in sequenza. Il gioco si gioca in modalità quattro per quattro, con gli utenti divisi in due squadre. Le battaglie si svolgono in modalità Classificata o in modalità Giocatore.

Significato e storia

Gears of War Logo Storia

Secondo la trama, le battaglie sono incentrate su un pianeta chiamato Sera, dove le persone furono trascinate in una guerra con mostri: la razza rettiliana Locust Horde. Il personaggio principale è Marcus Fenix, che guida una piccola squadra. Il compito chiave dei giocatori è l’uso competente della copertura e il calcolo accurato delle tattiche. Per fare ciò, si propone di unirsi al personaggio principale in modalità cooperativa o di combattere in formato multiplayer.

Il logo è uscito contemporaneamente al lancio di Gears of War. Riflette completamente lo stato interiore di un videogioco: mistero, pericolo, oscurità. Il suo obiettivo principale è l’immersione in situazioni imprevedibili, uno spirito di lotta e una pianificazione strategica attiva. Inoltre, ogni versione del tiratore è accompagnata da un logo separato che corrisponde al contenuto. Ci sono quattro opzioni in totale – in base al numero di problemi.

2006

Gears of War Logo 2006

L’emblema del debutto è costituito da un teschio umano cremisi con un ingranaggio. Lo stile di pittura è spaventoso. Le orbite sono irregolari, i seni hanno la forma di fessure allungate. La testa si trova al centro del cerchio bianco, quindi sembra impressionante e accattivante. È circondato da un ingranaggio con sporgenze di diverse altezze, come se si fosse consumato da un carico costante. Questa impressione è enfatizzata da punti neri, strisce, ombre. A sinistra c’è un’iscrizione: il nome del videogioco. È realizzato con simboli geometrici di una configurazione rigorosa, come uno stencil. Le lettere sono ricoperte da linee longitudinali bianche che enfatizzano la trama metallica dei segni.

2008

Gears of War Logo 2008

Gli sviluppatori hanno aggiunto ancora più intimidazioni al design precedente: hanno oscurato la parte in alto a sinistra e aggiunto due flussi di sangue che scorrevano dall’ingranaggio. Le modifiche includono anche un grande numero “2” alla fine del nome e lettere bianche ricoperte da punti neri di sporco.

2011

Gears of War Logo 2011

La terza versione dello sparatutto era accompagnata da un logo più modesto – senza teschio, equipaggiamento, sangue. L’immagine contiene solo testo – “Gears of War” con un numero rosso “3”. Il nome è scritto su una riga in caratteri neri di tipo stencil.

2016

Gears of War Logo 2016

L’ultima versione del gioco è incorniciata da un’icona familiare, ma non su uno sfondo scuro, ma su uno sfondo chiaro. I designer hanno aggiunto volume all’ingranaggio con ombre sui denti superiori e inferiori, in modo che sembri un elemento 3D. Le lettere sono grigio metallizzato, come ricoperte di cenere.

Carattere e colori del logo

Gears of War Simbolo

Lo stile formidabile del logo di Gears of War è sostenuto dalla prima all’ultima versione. Il tema di sanguinose battaglie, macinazioni e battaglie bellicose si riflette nel teschio, nella ruota dentata insanguinata, nelle strisce cremisi e nelle scritte a stampino. Le lettere nel nome del tiratore rappresentano il metallo che ha attraversato il crogiolo della guerra: sono graffiate, poi ricoperte di fango, quindi in polvere di cenere. Ogni versione è numerata tranne la prima.

Logo della Gears of War

Per il gioco, gli autori hanno scelto un carattere che ricorda CGF Locust Resistance. Queste sono lettere rigorose, geometricamente verificate: grottesche, uniformi, affilate e tritate. Inoltre, sono larghi, tozzi e si trovano nel registro superiore. La “G” ha un’estremità appuntita che punta verso l’interno. I colori sono tradizionalmente militari: nero, cenere, metallico, bianco sporco, rosso e la sua tonalità viola.