Doom Logo

Doom LogoDoom è un videogioco sparatutto in prima persona presentato in un unico formato di serie. Il suo primo numero è datato 1993, l’ultimo – 2020. È stato creato da un gruppo di programmatori che la pensano allo stesso modo ed è di proprietà di ZeniMax Media. I suoi sviluppatori includono John Romero, John Carmack, Tom Hall, Kevin Cloud e Adrian Carmack.

Significato e storia

Il personaggio principale del gioco è uno Space Marine senza nome che lavora per la Union Aerospace Corporation (UAC). Affronta orde di demoni e mostri per impedire la conquista della Terra. Gli eventi si svolgono sul pianeta Marte, sui suoi satelliti più vicini e in due laboratori. Lo sparatutto per computer ha una grafica tridimensionale, modalità multiplayer e supporto per modifiche individuali.

Tutto è iniziato nel 1992 quando id Software ha lanciato un gioco che ha portato molti profitti, ottenendo riconoscimenti sia tra i giocatori che tra i critici. Era Wolfenstein 3D. Dopo il suo rilascio, John Carmack, che all’epoca era un programmatore, si interessò allo studio delle tecnologie progressive, mentre il resto del team lavorava in parallelo su un altro videogioco. Di conseguenza, ha proposto un nuovo motore. Kevin Cloud ha subito apprezzato i vantaggi che sono stati scoperti e ha voluto combinarli con nuovi sviluppi per il nuovo gioco che stavano facendo. Il team ha iniziato a implementare l’idea subito dopo il lancio di Spear of Destiny.

Ma proprio all’inizio dell’implementazione, programmatori e designer hanno pensato al nome, che in seguito divenne la base per l’emblema generale del tiratore. Uno dei dipendenti ha suggerito la parola “Doom”, che è pronunciata dal personaggio Tom Cruise nel finale del film “The Color of Money”. Si adatta perfettamente al concetto della trama, poiché conteneva diversi significati: “destino”, “destino”, “roccia”.

Ci è voluto un anno per svilupparsi. Come il precedente videogioco dello studio, è stato distribuito per la prima volta in shareware: il primo episodio era gratuito, serviva anche come demo. Questa versione è stata rilasciata dalla stessa id Software. Le copie sono state pubblicate da GT Interactive. La parte iniziale è apparsa sulla BBS solo nel dicembre 1993. La versione successiva (aumentata) è stata lanciata nel 1995. L’ultimo episodio è stato pubblicato nel 2020 con il titolo Doom Eternal. In generale, per un determinato periodo di tempo, veniva lanciata una versione del gioco ogni anno: la principale o aggiuntiva.

Il gioco di debutto è diviso in tre episodi con otto livelli ciascuno (+ un segreto). In ulteriori versioni, questa divisione non viene utilizzata. La trama è presentata in modi diversi, a seconda della parte: può essere inserti di testo, note, note, video. Inoltre, tutte le serie hanno il loro segno distintivo. Per lo più è correlato al contenuto e riflette un personaggio (principalmente non morti, mostri, demoni). L’unica cosa che è invariabile in esso è lo stile e la forma del nome. È questo il dettaglio di base dei loghi.

Emblema

Il simbolo principale di Doom è un’iscrizione smussata con lettere di diverse dimensioni. Nonostante si tratti di un testo, i segni in esso contenuti sono individuali. La “O” centrale ha angoli appuntiti e bordi superiori tagliati. “D” e “M” hanno lati opposti ugualmente allungati, quindi le lettere sembrano specchiarsi identiche. Hanno la forma di una lama di ghigliottina. Hanno anche due serif: piccolo in basso e grande in alto.

Carattere e colori

Il carattere utilizzato per l’emblema dello sparatutto è il più vicino possibile al carattere Amazdoom creato da Amazingmax. Hanno lettere ugualmente appuntite con elementi allungati. Il colore del logo è variabile e dipende dalla serie.