Menu Chiudi

Copyright Logo

Copyright Logo

Quasi tutti i creatori di opere, al momento della pubblicazione, diventano automaticamente titolari della proprietà intellettuale se risiedono in uno dei 179 paesi coperti dalla Convenzione di Berna. Per fare ciò, non devono registrare nulla, subendo complesse procedure burocratiche. Tuttavia, è necessaria la registrazione nazionale per dimostrare il diritto d’autore.

Significato e storia

Logo della Copyright

Il diritto d’autore viene utilizzato per proteggere le creazioni immateriali dell’intelletto. I suoi proprietari sono liberi di riprodurre e copiare il loro lavoro creativo, di solito per un periodo di tempo limitato. La durata del diritto d’autore dipende dalla durata della vita della persona che ha creato l’opera e scade diversi decenni dopo la sua morte.

L’avviso di copyright utilizza un simbolo speciale che assomiglia a una grande “C” all’interno di un anello. Fino al 1989 questo marchio era obbligatorio: la legge statunitense prevedeva che i detentori del copyright lo apponessero accanto alla proprietà intellettuale, indicando l’anno di registrazione dell’opera sul supporto materiale e il nome dell’autore.

La Convenzione di Berna è stata adottata nel 1989. Consentiva l’uso di © solo a volontà, perché i creatori della proprietà intellettuale iniziavano a ricevere automaticamente il copyright. Ma va tenuto presente che la presenza di una “C” nel cerchio aiuta a dimostrare il danno fatto se il caso va in tribunale.

Il simbolo originale è stato introdotto nel 1952 in seguito all’adozione della Convenzione universale sul diritto d’autore. Tuttavia, esisteva prima: il segno © è stato menzionato per la prima volta nel Copyright Act del 1909. Fino al 1909, la legislazione consentiva ai detentori del copyright di utilizzare solo la parola “Copyright” o la sua versione abbreviata “Copr.”. Agli artisti non piaceva questo requisito: volevano indicare il loro nome sull’immagine senza testo superfluo. Il governo fece loro delle concessioni e permise loro di sostituire le lunghe iscrizioni con una lettera “C” maiuscola all’interno dell’anello.

Il marchio Copyright non può essere definito un emblema a tutti gli effetti perché svolge una funzione legale e non appartiene a nessuna organizzazione particolare. Fondamentalmente, è l’abbreviazione di “Copyright” posta all’interno di un cerchio bianco con un contorno nero. Per riprodurlo, c’è un carattere speciale che ha l’unicode U + 00A9. A volte © è sostituito da una semplice “C” tra parentesi. Questa opzione (C) è nata dal fatto che non vi era alcun segno corrispondente sulle macchine da scrivere. Sono consentite anche versioni alternative con iscrizioni: abbreviazione “Copr.” o la parola “Copyright” senza abbreviazioni.

Carattere e colori del logo

Copyright Simbolo

La lettera “C” nella versione classica è in grassetto, maiuscola e senza grazie. Assomiglia a un anello aperto ed ha lo stesso spessore della larghezza del telaio circolare. Tuttavia, il simbolo Unicode Copyright (U + 00A9) ha un aspetto molto diverso: c’è un lungo serif all’estremità superiore della “C” e la linea arcuata è rastremata su entrambi i lati. In quanto tale, la lettera assomiglia alla “C” maiuscola in Times New Roman.

Il marchio di copyright è spesso nero, con elementi su sfondo bianco. Ma se si considera che viene utilizzato in diversi contesti visivi, il colore può cambiare arbitrariamente. Non ci sono regole che limitano la tavolozza. La cosa principale è che il simbolo © è chiaramente visibile.