Carrefour Logo

Carrefour LogoLa parola francese Carrefour (Carrefour) è tradotta come Crossroads: è uno dei più grandi rivenditori francesi con una rete di negozi al dettaglio in tutta Europa, tra cui Russia, Sud America, Africa e Asia. La sede si trova in Francia, nella città di Massy.

Significato e storia

Carrefour Logo Storia

La società commerciale è stata fondata nel 1957 e subito è stato aperto il primo negozio nella città di Annecy. Nel 1963, il primo ipermercato in Europa chiamato Carrefour fu aperto nella periferia di Parigi Sainte-Genevieve-des-Bois.

Oggi Carrefour possiede quasi 16mila negozi, supermercati e ipermercati in Francia, Spagna, Russia e Kazakistan, ci sono anche catene in Argentina, Brasile, Asia e Nord Africa. Impiega più di 400mila persone.

Dopo la fusione con la catena di negozi Promodès nel 2000, Carrefour è diventato il più grande rivenditore in Europa. Nel 2009 ha lasciato il mercato russo, vendendo i suoi beni a X5 Retail Group.

Nel corso della sua storia, il logo è cambiato più volte e oggi ha raggiunto la completa perfezione.

1960 – 1963

Il primo emblema era una rappresentazione schematica di un’intersezione con una croce bianca fatta di larghe strisce su uno sfondo nero a rombi. Sulla linea orizzontale il nome della società carrefour è scritto in lettere minuscole nere.

1963 – 1966

All’inizio del 1963 l’immagine del logo cambia radicalmente: diventa tondo, di colore rosso, il nome dell’azienda, come prima, è scritto in un’ampia striscia bianca orizzontale. La striscia verticale è stata sostituita da due grandi frecce bianche

1966 – 1972

Ancora una volta, un aggiornamento completo del logo associato al lancio della nuova campagna “Positive is Back”. Questa volta è stata eseguita con i colori della bandiera nazionale della Francia: bianco, rosso e blu. Su uno sfondo bianco, il nome dell’azienda è scritto in lettere blu e sopra di esso ci sono ancora due frecce: rossa e blu, che guardano in direzioni diverse. La lettera “C”, che simboleggia l’azienda stessa, sembrava essere incollata alla parte blu. Le due frecce significano non solo un bivio, ma anche i valori dell’azienda: un interessante rapporto qualità-prezzo per le persone.

1972 – 1982

Il logo è rimasto lo stesso nell’immagine e nel design, ma le proporzioni sono state modificate: il nome del marchio è stato ridotto e il badge è stato reso molto più grande, informando così che qualità e prezzi accessibili sono la cosa più importante per l’azienda.

1982 – 2010

L’azienda ha continuato ad aumentare le proporzioni del proprio marchio per una migliore identificazione del marchio. La combinazione di colori rimane la stessa. Ma l’iscrizione, che era allegata all’emblema, ha ricevuto un nuovo carattere. I serif sulle lettere sono ora arrotondati. L’intera iscrizione è in grassetto.

2010 – presente

Anche in questo caso, è stato apportato un leggero miglioramento al logo: ora il nome e l’icona sono bilanciati nelle proporzioni. Come è stato detto nel comunicato di presentazione, la catena ha notevolmente aumentato la gamma di prezzi e ora i prodotti sono presentati sia nelle classi economiche che in quelle d’élite.

Carattere e colori del logo

L’attuale logo riprende l’emblema del 1966. Questo è stato fatto apposta, perché dopo diversi anni di sperimentazione con l’identità, il marchio ha deciso di restituire il precedente simbolismo che ha segnato l’inizio dell’attuale serie di loghi. L’unica cosa che ha fatto Wolff Olins (il suo sviluppatore) è stata rimuovere i bordi taglienti alle estremità degli elementi sporgenti e ridurre l’intensità del colore del segno all’azzurro.

Anche la parte di testo ha subito modifiche: ora vengono utilizzati caratteri sottili invece di caratteri in grassetto. Ma il loro stile è stato preservato: le lettere sono ancora retrò con punti ingranditi alle estremità. In effetti, questa è una delle interpretazioni di serif. Il carattere tipografico principale è vicino alla macchina da scrivere americana commerciale. Dei caratteri gratuiti, assomiglia di più al carattere grassetto di tipo Erica.

La tavolozza aziendale non è cambiata dal 1966. Consiste di rosso (triangolo che punta a sinistra) e blu (elementi ricci con una freccia che punta a destra). Il resto è bianco in mezzo, formando uno spazio negativo con le forme originali: due brevi virgole sopra e sotto.