Menu Chiudi

Atari Logo

Atari Logo

Negli anni ’70. c’è stata una rivoluzione nel settore dei videogiochi, grazie alla quale è nata una nuova industria di nicchia. A quel tempo, i produttori di console stavano appena iniziando ad emergere, e tra questi c’era Atari. È entrata nel mercato nel 1972, ma fino al 1984 è stata impegnata nella produzione di slot machine. L’azienda ha lanciato il suo primo set-top box nel 1977, ponendo un terreno fertile per la prossima generazione di intrattenimento interattivo. La sua sala giochi più famosa è stata PONG, un simulatore di ping pong che è diventato il primo videogioco di successo commerciale al mondo.

Significato e storia

Atari Logo Storia

Per 50 anni, il marchio è riuscito a cambiare molti nomi e proprietari. Inizialmente conosciuto come Atari Inc. ed era di proprietà dei suoi creatori: Ted Dabney e Nolan Bushnell. È stato acquistato dalla Warner Communications nel 1977. Nel 1984, quando l’industria dei giochi per computer iniziò a diminuire drasticamente, la parte principale della divisione divenne proprietà dell’uomo d’affari polacco-americano Jack Tramiel e ricevette il nome di Atari Corporation. Le risorse rimanenti furono ribattezzate Atari Games, Inc., ma Warner Communications non poteva più utilizzare il logo del marchio così come esisteva originariamente.

Nel 1998, Hasbro Interactive ha rilevato il business delle console e delle macchine arcade e l’ha ribattezzato Atari Interactive. Quindi il marchio di intrattenimento interattivo, insieme a Hasbro, è diventato parte di Infogrames Entertainment. La nuova società madre ha acquisito tutte le restanti azioni di Atari Inc. e nel 2009 ha cambiato il proprio nome in Atari, SA.

Quindi, c’erano molte divisioni Atari nel mondo che alla fine furono fuse insieme. Inoltre, l’unica cosa che collega un’azienda moderna con il suo predecessore (prima della separazione) è il nome e il logo. Il marchio è in uso dal 1972 ed è cambiato più volte in 50 anni, ma tutte le modifiche erano molto simili. I proprietari hanno mantenuto l’immagine tradizionale del marchio, perché l’emblema iconico era familiare a diverse generazioni di giocatori: adornava tutte le slot machine e le console senza eccezioni. È vero, gli sviluppatori hanno apportato piccole modifiche in modo che ogni modello avesse il proprio simbolo.

1972 – 2002

Atari Logo 1972-2002

L’iconico logo Atari è attribuito al grafico interno George Opperman, che una volta fondò la Opperman-Harrington Inc. I primi proprietari del marchio, Ted Dabney e Nolan Bushnell, lo assunsero per progettare le macchine arcade.

Bushnell è stato anche coinvolto con il direttore creativo George Faraco nella creazione del logo. Il co-fondatore dell’azienda ha affidato a George Opperman un compito chiaro ma impegnativo. Voleva ottenere un simbolo riconoscibile, composto da più linee in grassetto, in modo che il disegno potesse essere riprodotto su qualsiasi supporto e riconosciuto anche da grande distanza.

Il designer ha fornito diverse versioni concettuali che corrispondevano ai desideri. Nolan Bushnell ne scelse uno: una figura astratta nera da tre frammenti. C’era un’ampia linea verticale al centro dell’immagine. A sinistra c’era un arco che sembrava un grafico di una funzione crescente, ea destra c’era una striscia specchiata sotto forma di una funzione decrescente. Uno spazio vuoto accanto al simbolo era occupato dalla scritta nera “ATARI”. Opperman ha disegnato lui stesso il font arrotondando gli angoli superiori sia di “A” che di “R”. Allo stesso tempo, la lettera “R” risaltava molto, perché la sua parte superiore era aperta.

Questo logo ha fatto il suo debutto nella pubblicità e sulla slot machine Space Race nel 1973. Per quanto ne sappiamo, ha subito piccole modifiche dopo la vendita, ma è arrivato al 2002 quasi nella sua forma originale.

La Warner Communications, che ha rilevato il marchio Atari nel 1977, stava pianificando una riprogettazione globale e ha persino interrogato i giocatori per vedere se apprezzavano la nuova o la vecchia versione del logo. A quanto pare, i fan dei videogiochi hanno supportato l’icona classica, che si è rivelata più riconoscibile del famoso Topolino. Quindi la divisione ha mantenuto il suo simbolo nativo di $ 3.000 e i dirigenti della Warner Communications hanno speso $ 100.000 completamente inutile.

2002 – 2003

Atari Logo 2002-2003

Nel 2002, gli sviluppatori hanno cambiato l’aspetto del logo inserendolo in un rettangolo rosso. Lo schema di tre linee multidirezionali è stato ridotto e integrato nella parola “ATARI”: ha preso il posto della lettera centrale “A”. La scritta ora è bianca per risaltare meglio sullo sfondo luminoso. Per quanto riguarda il carattere, le sue proporzioni sono state leggermente modificate, con i designer che hanno arrotondato gli angoli superiori a “T” per simmetria.

2003 – 2010

Atari Logo 2003-2010

Il rosso scuro precedentemente utilizzato è stato schiarito e dotato di una tonalità ricca. La forma della grafica di Atari è leggermente cambiata: gli sviluppatori hanno allargato i bordi inferiori delle linee, in modo che gli archi laterali assomiglino a due corni e la striscia verticale centrale assomigli alla parte superiore di un trombone. Questa versione del logo è apparsa per la prima volta sulla copertina del videogioco del 2003 Putt-Putt: Pep’s Birthday Surprise.

2010 – oggi

Atari Logo 2010-oggi

Nel 2010, l’azienda è tornata al design classico. Il carattere e il motivo a tre righe ora hanno lo stesso aspetto dei primi anni ’70. La didascalia viene ridimensionata e posizionata sotto l’immagine, con entrambi gli elementi inseriti in un rettangolo rosso con gli angoli arrotondati. La versione alternativa contiene un piccolo badge rosso (a sinistra) e il nome del marchio (a destra) su uno sfondo bianco.

Il marchio Atari simboleggia i videogiochi retrò e rimane rilevante anche adesso, a quasi mezzo secolo dal suo inizio. In termini di leggenda, può essere paragonato solo a uno swoosh Nike, ma ha molto più senso di un semplice segno di spunta.

Secondo lo stesso George Opperman, quando ha creato il logo, ha pensato al videogioco PONG. Il designer si è ispirato alle dinamiche della sala giochi: ha immaginato che una palla in movimento che colpisse la linea centrale da due lati potesse piegarla. Opperman ha incarnato questa idea in uno schema geometrico, come riportato in un’intervista del 1983.

L’autore ha ammesso di aver riflettuto a lungo sul modo migliore per modellare la lettera “A”, che è iconica per il marchio Atari. E poi ha voluto guardare PONG suonare, e tutto è andato a posto. A proposito, molti vedono una rete da ping-pong (striscia verticale) e due rivali (archi sui lati) nel logo. Un po’ meno spesso, un disegno astratto è associato al Monte Fuji, a un personaggio giapponese o a simboli religiosi. Ma in realtà non ha niente a che fare con loro.

Nolan Bushnell, a sua volta, ha definito tutte le teorie “stronzate”. Commentando un’intervista con George Opperman, il fondatore di Atari ha fugato i dubbi sul design e ha affermato che il logo non ha alcun significato nascosto. Secondo lui, è solo uno schema di tre linee in grassetto senza alcun concetto. In ogni caso, il simbolo iconico è stato preservato ed è diventato una “stella guida” nella storia dei videogiochi.

Carattere e colori del logo

Atari Simbolo

Il lettering originale è stato disegnato dallo stesso designer che ha ideato il simbolo Atari. Ha arrotondato parzialmente gli angoli delle lettere e ha raffigurato la “R” maiuscola con un’unica linea curva. Alla fine degli anni ’90, il carattere SF Atarian System è stato creato sulla base del marchio denominativo. Il suo editore è ShyFoundry. Il colore del logo tradizionale è il rosso. Di solito è combinato con il bianco. La versione moderna utilizza la tonalità brillante e ricca # E5141E.

Logo della Atari