Menu Chiudi

Grateful Dead Logo

Grateful Dead Logo

I Grateful Dead iniziarono negli anni ’60, quando il rock psichedelico iniziò ad emergere in America. Le esibizioni di questo gruppo sono considerate cult, perché i musicisti sono stati tra i primi a utilizzare effetti visivi vividi. Si potevano riconoscere da poster colorati e spettacoli di luci, che si sposavano bene con l’improvvisazione creativa. Ogni esibizione dal vivo era unica e, grazie alla presenza di due batteristi contemporaneamente (nel 1967), il suono era ampio. I testi erano cinici, anche se la spina dorsale culturale dei Grateful Dead è il movimento hippie e tutto ciò che è associato ad esso. Lo stile delle composizioni musicali sembrava un misto di rock, country, blues, reggae e jazz – in effetti, jam rock.

Significato e storia

Grateful Dead Logo Storia

Nel 1965, The Warlocks si è formato negli Stati Uniti. Ma non si poteva chiamare così, perché a quel tempo c’erano altri The Warlocks (ora i Velvet Underground). Pertanto, i creatori hanno deciso di rinominare la squadra e, per non ripetersi, hanno scelto una frase molto insolita: Grateful Dead. Questo non è solo un gioco di parole, ma un riflesso di storie mistiche di culture diverse. Secondo la credenza popolare, se una persona seppellisce un defunto, che tutti si rifiutano di seppellire, il defunto lo aiuterà sicuramente. In questo caso, il morto diventa “morto riconoscente”.

Il gruppo ha affrontato la scelta del logo in modo creativo quanto il nome. Aveva una ricca iconografia con diversi simboli, ma il teschio Steal Your Face è sempre stato considerato il principale. È apparso nel 1969 ed è stato utilizzato fino al crollo del collettivo nel 1995.

Nonostante l’aspetto spaventoso dell’emblema, non c’è nulla di sinistro nella sua storia. L’autore del design è Bob Thomas, che è stato assunto per fare la guardia al magazzino. Conosceva l’ingegnere del suono del gruppo Owsley “Bear” Stanley, che divenne famoso come uno dei primi produttori di massa di LSD. È stato Owsley a chiedergli di inventare una sorta di simbolo per rendere più facile distinguere l’attrezzatura musicale dei Grateful Dead dietro le quinte.

L’ingegnere del suono aveva già alcune idee. Vide sul ciglio della strada un cartello rotondo arancione e blu diviso in due da una striscia bianca e decise di usarlo come base. Owsley voleva semplicemente ridipingere il mezzo rosso arancione e sostituire la linea trasversale con una cerniera a zigzag. Bob Thomas ha realizzato uno stencil, dopo di che Ernie Fischbach ha disegnato il disegno sulle scatole. Ma dopo alcuni giorni, Owsley pensò che il simbolo potesse essere integrato. Si rivolse di nuovo a Bob per chiedere aiuto. Nel corso delle discussioni, il concetto si è ampliato: si è deciso di aggiungere un teschio, in cui, secondo Owsley, è crittografato il nome del gruppo. Bob ha impiegato diverse ore per creare il nuovo stencil. È stata questa versione che è diventata il logo.

Logo della Grateful Dead

Il simbolo abbelliva la parte anteriore della confezione di History of the Grateful Dead, volume nel 1972. In precedenza, era utilizzato all’interno della copertina di un altro album, pubblicato nel 1970. Ma a quel tempo l’emblema non era di uso comune e senza nome. Il termine Steal Your Face è stato preso dalla canzone He’s Gone: i musicisti l’hanno registrata per “glorificare” l’ex manager che ha rubato i soldi guadagnati dai Grateful Dead. E nel 1976 apparve l’album Steal Your Face: fu lui a dare al logo un nome così insolito.

Steal Your Face (abbreviato in Stealie) sembra un teschio umano con piccole orbite e un ampio osso frontale. La parte superiore funge da base per un cerchio rosso e blu con una cerniera bianca diagonale. C’è anche un cerchio sullo sfondo, ma i colori in esso sono invertiti: la metà sinistra è blu e la metà destra è rossa.

Il logo ha diversi significati. Secondo una versione, simboleggia l'”esplosione del cervello” dall’ascolto della musica. Altri credono che tredici punti fulmine rappresentino le colonie statunitensi. Altri ancora sono convinti che si tratti di un riferimento alle tredici fasi della preparazione dell’LSD presso il laboratorio chimico Owsley “Bear” Stanley.

Carattere e colori del logo

Grateful Dead Simbolo

Il logo Grateful Dead non ha scritte e la combinazione di colori è piuttosto scarsa, sebbene brillante. Contrasta il rosso e il blu. Il bianco funge da “separatore” neutro. Questa palette è stata scelta da Owsley durante la fase di sviluppo del concept. È stato ispirato da un cartello stradale che ha visto mentre guidava da Oakland a Novato.